150 anni di Unità d’Italia a Latisana, nucleare e Ugo

150°, la festa della disunità di Latisana

La pioggia ha dato tregua e ha permesso una bella manifestazione ieri in Piazza Indipendenza a Latisana; molta gente, coro di Latisanotta, discorsi ufficiali e poi la cerimonia dell’alzabandiera. La manifestazione organizzata dall’Amministrazione Comunale, con il discorso della sindaca Micaela Sette, ha toccato vari aspetti retorici e storici, con un riferimento anche ai due latisanesi che hanno partecipato alla spedizione dei Mille di Giuseppe Garibaldi, Coriolano Gnesutta e Paolo Scarpa. Un leggero umido venticello ha fatto garrire l’enorme bandiera del Cippo della piazza e dopo la cerimonia c’è stato spazio anche per un momento conviviale. Tutto bene? Quasi. Latisana si distingue sempre e quindi, notata la assenza dell’assessore leghista Maddalena Spagnolo ( ma non è un ruolo istituzionale il suo?, pagato con euro Italiani e non con moneta padana?), abbiamo poi assistito alla seconda cerimonia, quella organizzata dal Circolo del PD di Latisana che si è svolta sotto il gazebo vicino al cippo stesso. Correttamente la Sindaca è rimasta a sentire assieme al consigliere provinciale Silvano Galetti la lettura di alcuni brani dedicati ai personaggi del periodo, letti da Guido Monis dopo la breve introduzione di Ernestino De Marchi. Manifestazione sobria e poi corona d’alloro poi deposta al cippo.         (leggi tutto, clicca)

 


 

Ugo Rassatti


Qualche giorno fa avevamo fatto un pezzo sulla sinistra latisanese e inutilmente avevamo cercato una foto di Ugo in internet. Non ne abbiamo trovate e lui stesso ci conferma che molti gliela chiedono, ma che non ha mai provveduto a metterla in rete. Ci pensiamo noi in onore delle sue nove partecipazioni alle elezioni amministrative. Farà 10? Dipende dai giovani, ci ha detto.

p.s. era quello che ricordava di più Garibaldi…….

Nucleare?

Volutamente non partecipiamo alla polemica sul nucleare, che ha una valenza Nazionale, Europea e Mondiale e che sarà  comunque oggetto di un prossimo referendum; crediamo che sia giusto parlarne, ma crediamo anche che Latisana sia coinvolta come tutta la Bassa friulana, la Provincia di Udine e la Regione Friuli Venezia Giulia e l’Italia intera: se ci fosse una nube radioattiva, essa non si fermerebbe di certo davanti a nessun Confine.

Condividi il post!

PinIt