“Abitare possibile” a Latisana

Impronta moderna per i Lasciti Samuele e Toniatti

La riunione di maggioranza della coalizione che regge il Comune di Latisana  di martedì pomeriggio ha avuto il suo momento centrale nella presentazione da parte dell’ Arch. Daniele Mazzega della proposta di sistemazione ed ampliamento del Lascito Samueli di Viale Stazione, operazione resa possibile dai fondi derivanti dal Lascito Toniatti


e che porterà Latisana all’avanguardia nella soluzione “abitare possibile” per la terza età. Innanzitutto va detto che economicamente la scelta di avere una struttura modernissima e funzionale viene resa  possibile dalla cospicua eredità del Lascito Toniatti: oltre 5 milioni di euro la spesa prevista, altrettanti quelli ricavabili dalla liquidità e dalla alienazione dei beni lasciati “agli anziani del paese”. Attualmente la sede storica di Viale Stazione ospita un solo edificio, che diventeranno due: sul lato sud-est della proprietà verrà costruito un nuovo immobile ad alto risparmio energetico, capace di ospitare i servizi (lavanderia , cucina e parcheggio) e camere e mini appartamenti  per un totale di 40 posti; innovativo il concetto di ospitalità, che offre molte varianti. Si parla di soluzioni stabili per persone autosufficienti, ma anche proposte per coppie o anche soluzioni temporanee, facciamo degli esempi: uno decide di vendere la propria casa e in cambio ottenere l’ospitalità continua in questa struttura, che offre camerette con uso cucina e bagno, ma anche mensa centralizzata e servizi saltuari di tipo infermieristico e servizi di pulizie; oppure una famiglia deve allontanarsi e lascia la persona anziana  come in “pensione” per un breve lasso di tempo, oppure ancora si decide di vivere qui perché a casa si è da soli e allora non c’è nulla di meglio di una struttura con bar aperto al pubblico, sala riunioni, sala tv, salotto, giardino esterno attrezzato, mini palestra ed altre cose, posta in centro paese, e basta uscire dalla porta per avere la scuola davanti, la stazione vicina, negozi e piazze a pochi metri. Una bella cosa. Ultima annotazione: si è anche badato all’estetica e alla qualità della vita, con il verde del giardino reso praticabile e funzionale e con un giardino pensile che permette all’ospite di avere il verde davanti agli occhi anche dalle camere. La presentazione alla maggioranza ha avuto anche lo scopo di sgombrare l campo da possibili conflitti tra il Comune e la Casa di Riposo, ma questa appare una questione più politica che amministrativa. La prossima “Casa Toniatti-Samuieli” insomma è partita bene e potrebbe essere il fiore all’occhiello della nostra cittadina. 

Il Bacucco

Condividi il post!

PinIt