Agosto 2015, Farra Wine Festival a Farra d’Isonzo (GO)

La promozione di un territorio. Bella festa, prima edizione, a Farra d’Isonzo, piccolo comune alle porte di Gorizia e addossato alle colline del Collio e bagnato dalle acque dell’Isonzo, in una terra vocata alla coltivazione di vigneti e non solo. Voluta dal Comune, assessora Milena Colucci e organizzata in collaborazione con l’Associazione Furclap, il Farra Wine Festival ha saputo mettere in vetrina le migliori espressioni enogastronomiche del “Contado di Farra”, ospitando senza problemi anche ristoranti e cantine di altri Comuni e della vicina Brda, il Collio Sloveno. Quella che in altre parti verrebbe vista come contaminazione qui, terra di confine, da sempre abituata ai rapporti anche complicati, è vissuta come una ricchezza, primo perché le aziende del posto non temono i confronti, secondo perché, intelligentemente, se si promuove un territorio si hanno più possibilità di veder crescere l’afflusso di eno turisti e curiosi. Un giorno vengono da me e un altro da te; ma sempre in zona. Bello. La prima edizione vive tra entusiasmo e esperienza, ma la serata si svolge tranquilla, con un buon afflusso di gente e, soprattutto, con ottimi piatti abbinati (bene) ad altrettanti ottimi vini. Quest’anno è stati deciso di ospitare solo vini bianchi (qualche bel giallo intenso di macerazione c’era….), mentre l’edizione 2016 sarà dedicata ai rossi. Il calice all’ingresso ti dava la possibilità di accedere a tutti i tavoli ed assaggiare tutti i piatti, una ventina circa, dai più semplici ai più strutturati, senza dimenticare un abbinamento tartufo-fragola sorprendente; apprezzatissimi i patè, ma non vorrei fare un torto a chi non cito, perché davvero la qualità del cibo era altissima. Che dire dei vini, alcune aziende le conoscevamo, ma essendo il vino figlio della stagione, ogni volta è una ri scoperta e l’annata diversa genera sensazioni diverse, al naso e in bocca. In tutti i vignaioli presenti c’è molto interesse per la vendemmia 2015, da alcuni già iniziata, da altri lontana da venire, privilegiando essi la surmaturazione. E’ il bello del vino, figlio del vignaiolo e del tempo, mai gemello a nessuno. Caldo e luna piena, ampi spazi e gradevole conversazione, vini interessanti e serata da ripetere. Grazie. Ecco alcune foto.

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, stand

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, stand 2

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, piatti 1

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, piatti 2

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, piatti 3

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, piatti 5

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, piatti 4

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, piatti 6

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, stand 3

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, piatti 7

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, piatti 8

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, livio costantini e milena colucci

Farra Wine Festival 29 agosto 2015, contado

Condividi il post!

PinIt