Argomenti del martedì: Oratroviamoci; Simple Minds; asilo

Iniziato lunedì Oratroviamoci 2014; 300 iscritti circa, 130 animatori, ovvero ragazzi più grandi che hanno fatto il corso o sono ”esperti”, coadiuvati da 60 adulti. Due settimane la durata,  ogni giorno feriale dall’una alle sette per chi organizza, mentre per i ragazzi l’orario va dalle 15 alle 18.30. Ci sono ragazzi delle elementari e medie. I laboratori sono svariati, si va dalla  manualità tipo ricamo, cucina, giardinaggio per passare a compiti, giornalismo e poi sport con nuoto, pallavolo, basket danza.. Ogni giorno accoglienza, laboratori, merenda preparata dal gruppo in cucina, poi giochi ed infine preghiera al parco. Una bella iniziativa che ogni anno poi si conclude con una mega festa all’Oratorio. (grazie a DRM)

Aggiornamento Asilo

Ci viene segnalato che almeno un paio di famiglie hanno ritirato l’iscrizione dall’Asilo Rosa de Egregis Gaspari, causa aumento retta. Tempi difficili per tutti…..

Simple Minds

Vedi  www.lignano-sabbiadoro.it

Condividi il post!

PinIt

Un commento su “Argomenti del martedì: Oratroviamoci; Simple Minds; asilo”

  1. Ferruccio Casasola ha detto:

    A proposito di Leopolda
    Questa proposta mi riporta alla mente un’opera di Shakespeare: “Sogno di una notte di mezza estate”. Pensare ad una Leopolda a Latisana (un tempo considerata laboratorio politico regionale) è infatti più attinente ad una commedia, tra elfi e fate, che ad una reale possibilità di realizzazione.
    Chi dovrebbe prendere tale iniziativa ? La contrapposizione tra pubblico (credo ci si riferisca ai politici) e privato ( i cittadini) mi sembra un non senso: i politici sono semplicemente quella parte di cittadini che tutti gli altri hanno votato ed eletto, questa è la democrazia rappresentativa.
    Se, come par di capire, si intende auspicare una iniziativa di “cittadini pensanti e volenterosi, magari giovani” che si riuniscano liberamente per elaborare idee e progetti per il rilancio socio-economico di Latisana, perché poi questi dovrebbero regalare il loro lavoro ad una dirigenza che ormai stancamente gestisce il potere politico amministrativo del comune da più di un quarto di secolo (al quale anche il sottoscritto ha peraltro partecipato fino ad un paio di lustri fa) che sicuramente metterebbe tali progetti in un cassetto, magari storcendo il naso dicendo che da tempo ci aveva pensato da sola?
    Certamente un simile tentativo meriterebbe la massima attenzione ed il massimo appoggio, ma se il sogno si realizzasse, il risultato non sarebbe solo quello di aver ideato progetti per il rilancio di Latisana, ma soprattutto quello di aver creato una nuova classe politica, una nuova classe dirigente che dovrebbe presentarsi alle elezioni comunali, vincerle e da questa vittoria trovare la legittimazione ed il potere politico/amministrativo per realizzare i propri progetti, anche questa è la democrazia.
    Tornando alla domanda iniziale: chi dovrebbe prendere tale iniziativa? Per trovare la risposta sarebbe necessario partire da un’analisi sull’attuale situazione politica e sulle forze in campo (reali e potenziali), ma al tempo di Twitter, delle 140 battute e del “pensiero veloce” queste considerazioni hanno già occupato fin troppo spazio.
    Ferruccio C.

I commenti sono disabilitati.