Argomenti di venerdì: Carnevale Pro Loco Precenicco; suggerimento per gli amanti dell’olio d’oliva; Via Volton, per Valvason e Spagnolo; Carnevale delle elementari; Venerdì 7 marzo alle 17.00; Precenicco e Latisana; Giovedì grasso e Paperopoli; la Sette si è dimessa; Carnevale a Pertegada; Consiglio Comunale; M5Stelle; immondizie

Micaela Sette si è dimessa

La notizia è già tutta qui: che la Sette si dimetta da qualcosa è di per se una notizia, che poi viene ampliata specificando che si tratta del ruolo di capo gruppo di Forza Italia in Consiglio Comunale, ma tant’è, si è dimessa. L’annuncio dopo che il Sindaco aveva formalizzato in Consiglio la nascita di due nuovi gruppi, appunto quello di Forza Italia ( ex PdL meno Costanza) e quello del Nuovo Centro Destra (Valvason e appunto Costanza), in attesa, ragionevolmente, della costituzione di un gruppo unico tra Sclosa, Serafini, Lauricella e Cicuttin, con che nome ancora non è dato sapere. Che si tratti di dimissioni di stanchezza (tre figli a casa, ma dubitiamo), o dimissioni di protesta (ancora per le Regionali ?), o dimissioni di scopo (rientro in giunta nel maxi rimpasto con promozione-rimozione di Canova a capogruppo-assessore) non sappiamo. Saranno i Forzisti a dirlo, probabilmente non a  noi, ma registriamo il fatto. La Sette si è dimessa.

Via Volton, per Valvason e Spagnolo

Ma il divieto c’è o non c’è??  Di sicuro c’è una strada dissestata e un problema; ecco la segnalazione da parte di Paola.

Buon giorno, volevo fare una segnalazione…. ogni giorno percorro la strada che dalla statale 354 porta a Bibione ( Via Volton) per accompagnare mio figlio a scuola, fino a poco tempo fa  c’era il divieto ai mezzi pesanti. Ogni giorno io incontro camion, betoniere ecc, al punto che stamattina la strada( già molto mal messa) era piena di buche tra cui una molto pericolosa in quanto profonda e piena di detriti ai bordi. Giorni fa ho chiamato il Comando dei Vigili per la segnalazione, e il vigile di turno mi ha confermato che c’è il divieto ai mezzi pesanti. Oggi ho controllato bene, entrando dalla rotonda dei picchi verso ds non c’è nessun cartello, invece arrivando da Bibione una volta passato il ponte sul Tagliamento per girare a ds il cartello c’è. Stamattina avevo un camion davanti e uno dietro( allego anche foto)!!! Molto infastidita ho richiamato il Comando dei Vigili ( soprattutto per segnalare la grande buca creatasi) e il vigile di turno era molto titubante nel confermarmi se il divieto c’è o no!!!! Concludo dicendo che su una strada del genere i mezzi pesanti oltre ad essere un pericolo sono dannosi per il manto stradale!!! Grazie

via volton 1

via volton 2

Carnevale a Precenicco

La Pro Loco di Precenicco organizza per domenica 2 marco alle 14.30 la Grande Festa di Carnevale, nella nuova sala dell’Oratorio. Giochi e colori, bibite e frittelle e, dalle 18.30 festa anche per i meno piccoli.

Carnevale delle elementari

Giovedì grasso in Piazza Garibaldi

DSCN4471

DSCN4472

DSCN4473

DSCN4474

DSCN4475

DSCN4476

DSCN4477

DSCN4478

Carnevale a Pertegada

Si terrà domenica prossima a Pertegada, il tradizionale Carnevale con carri e maschere; appuntamento alle 14.00 al semaforo sulla 354.

Maieron, Capuozzo e Corona

Mercoledì sera l’Auditorium di Precenicco era pieno zeppo di gente venuta per assistere allo spettacolo con i “tre uomini di parola”; prenotazioni superiori alla capienza e una sala con maxi schermo allestita nell’ex asilo: mai visto una cosa del genere. In prima fila anche la consigliera delegata alla Cultura di Latisana, Lauretta Iuretig: così ha visto come si fa a riempire una struttura con alle spalle un paese di 1.600 abitanti e però davanti tante buone idee. E non era l’unica di Latisana, eravamo in tanti. Precenicco batte Latisana 10 a 0.

Venerdì 7 marzo alle 17.00

irrestibile nord

Consiglio Comunale

DSCN4486

Ieri pomeriggio Consiglio Comunale incentrato sul tema della nuova Città della Salute; le assise sono iniziate con le comunicazioni del Sindaco che hanno spaziato dai nuovi gruppi (vedi sopra), alla TAV-TAC, all’Agenzia delle Entrate e al sistema Sanitario Regionale. Per la TAV/TAC, fermo restando che oggi esiste il solo progetto parallelo all’autostrada, la volontà dei sindaci della Bassa è quella di sdoppiare la tratta, con le merci a nord (Pordenone-Udine) e i passeggeri a sud (Portogruaro-Latisana), anche se Benigno ha ammesso che la strozzatura-curva di Latisana e il suo ponte sono un ostacolo. Per l’Agenzia delle Entrate, c’è un dialogo fitto con i vertici romani e la strada potrebbe essere quella dei locali gratis (ex Giudice di Pace) e divisione delle spese per un’apertura part time; da definire i dettagli. Infine sulla Sanità resta il nodo dei tagli regionali (ancora non si sa bene quanto) e la necessità di “semplificare” i due ospedali di rete di Latisana e Palmanova; con quali tagli, dove e cosa, oggetto di “feroci” battaglie politiche e amministrative tra la città stellata e l’entroterra di Lignano e Bibione. E’ poi iniziata la discussione sulla Città della Salute.

Immondizie

immondizie

Riceviamo questa segnalazione, riferita, crediamo a Paludo. Occorre che qualcuno faccia un monitoraggio dei cassonetti togliendo o aggiungendo dove servono e dove sono in abbondanza; la gente magari è pigra ma bendisposta: se viene con la differenziata e trova pieno, non porta a casa.. e lascia queste schifezze.

Movimento 5 Stelle

Sono sempre attivi quelli del Movimento 5 Stelle, ecco la serata di giovedì

m 5 stelle

Grinòvero, l’olio extravergine d’oliva di Stefania e Lamberto, a Cividale del Friuli (Udine)

Cividale del Friuli è meta perfetta per chi ha interessi diversi, dalla cultura (città Longobarda), all’ambiente (le Valli del Natisone), dalla religione (Santuario di Castelmonte) ai piaceri della tavola, con grandi ristoranti e ottimi vini. E olio extravergine d’oliva anche. Avevamo già incrociato diversi produttori in zona, e questa piccola azienda ci ha sorpreso come e più delle altre, per le persone, la zona e anche per l’olio che produce, davvero superlativo. Siamo ai piedi della salita che da Carraria porta a Castelmonte e la prima casa sulla destra reca l’insegna Grinòvero; è il cognome della famiglia, dei nonni e bisnonni degli attuali titolari, Lamberto Cano e Stefania Verzegnassi. Gli avi Grinòvero abitavano in questa casa già dal 1763, data della prima traccia scritta della famiglia. L’azienda è ancora piccola, si sta completando e ampliando e tra poco verrà anche aperto un B&B, molto richiesto per la visita alla Città Longobarda patrimonio dell’Unesco. Oggi i titolari seguono per metà la produzione di olio e per metà altri lavori, anche se la prospettiva è tutta verde e biologica. La produzione di olio Grinòvero inizia con gli uliveti del 2003, mille piante circa su tre ettari, esposti a sud, su terreni in pendenza accentuata; la quota è circa 180 metri, clima invernale freddo ma non troppo; terreno tipico di queste parti con ponca drenante per la pendenza. La prima spremitura è del 2007, poca cosa, mentre la prima etichetta è del 2011, stesso anno della certificazione Bio. Ci tiene molto a tutti i passaggi qualitativi Lamberto, e con passione e competenza ci spiega le sue scelte, fatte dopo analisi e comparazioni soprattutto qualitative, che lo hanno portato a scegliere il frantoio di Fernanda Facchin a Gemona del Friuli. Dimensioni piccole, qualità alta, che è la stessa filosofia di questa azienda. Le olive sono da piante miste, 60% bianchera, la qualità più diffusa in Friuli, poi un misto tra pendolino, maurino, frantoio e leccino. Oggi, con una produzione da piante ancora molto piccole, abbiamo 350 litri circa di olio, in crescita compatibilmente con le annate e la stagione. Piccole le bottiglie, da 250 e 500 Ml. Bassa la resa delle piante, siamo sui 15/20 kg per ulivo, ben lontani dalle cifre del meridione. La certificazione “BIO”, fatta dalla IMC di Ancona garantisce credibilità internazionale, utile soprattutto con i paesi in lingua tedesca, dove viene venduto moltissimo olio, direttamente, tramite facebook e-mail e amici degli amici. Due gli olii che vengono imbottigliati: il Bianchera semipuro, con solo un 20% di Maurino e Pendolino, e il Blend, base Bianchera (50%) e poi tutte le altre qualità. Del primo olio, che è stato selezionato per  il Nastro d’Argento al Concorso Oleario Internazionale di Verona organizzato dall’AIPO, i titolari parlano come di un olio davvero speciale, buono e saporito, da usare a crudo sulla carne e nelle minestre, buono sul pane e bruschette, ma soprattutto ricchissimo di sostanze come i polifenoli che sono utili al cuore, al sangue e al fegato; senza dimenticare che nell’antichità l’olio extra vergine, fatto con spremitura meccanica come questo, veniva usato anche come unguento per la pelle, apportando benefici salutistici oltre che estetici. Poche, come si diceva, le bottiglie prodotte, meno di 1.500 e mercato in espansione con clientela affezionata e innamorata del sapore intenso e avvolgente. Grinòvero si assaggia per il piacere di gustare un olio superiore, si apprezza per il profumo e l’aroma e poi sapere che riduce l’ipertensione, rallenta l’invecchiamento e combatte col colesterolo, aiuta di certo! Dalle foglie di ulivo si ricava un estratto dalle proprietà miracolose, ma di questo parleremo un’altra volta; l’azienda è sempre aperta su richiesta e anche sabato e domenica. Come si diceva tra poco verrà sistemato anche un B&B e Cividale rappresenta una méta ideale per un fine settimana: arriverete stanche e tornerete a casa più giovani, magari con dell’ottimo e vino e dell’olio di Grinòvero.  per le foto guardate qui http://www.mondodelgusto.it/produttori/8860/grinovero-olio-extravergine-oliva-stefania-lamberto-cividale-del-friuli-udine

…e a Paperopoli, che si dice?

Giovedì grasso: ecco una bella immagine di Piazza Indipendenza in festa

giovedì grasso

paperino a carnevale ogni scherzo vale

…anzi, ecco la Piazza reale del Giovedì Grasso

DSCN4479

DSCN4482

DSCN4484

Condividi il post!

PinIt

6 commenti su “Argomenti di venerdì: Carnevale Pro Loco Precenicco; suggerimento per gli amanti dell’olio d’oliva; Via Volton, per Valvason e Spagnolo; Carnevale delle elementari; Venerdì 7 marzo alle 17.00; Precenicco e Latisana; Giovedì grasso e Paperopoli; la Sette si è dimessa; Carnevale a Pertegada; Consiglio Comunale; M5Stelle; immondizie”

  1. denis ha detto:

    Certo che la sintesi del consiglio comunale che solo segue le politiche latisanesi può intuire di cosa si è parlato. Deve essere stato molto noioso se hai dedicato tanto spazio all’olio di Cividale!!!!!

  2. il_bacucco ha detto:

    @ denis: ho fatto la sintesi dei punti cui ho assistito, poi sono andato a cena; tu a che ora ceni? mezzanotte?? io no, 19,30 di solito

  3. 8 persone su 14.000 abitanti è un grande risultato di partecipazione! Chi vuole farsi carico di andare a fare lo streaming dei consigli così anche io me lo potrò vedere da casa, visto che il comune non è in grado di farlo?

  4. antonio gaudiano ha detto:

    Peccato che non ci sia lo streaming, quello vero, dove puoi vedere e capire ciò che gli attori hanno pensato, quello che stanno facendo e quello che hanno in mente di fare. Purtroppo a Latisana abbiamo un finto streaming che funziona male e ci fornisce solo audio, impersonale, che non può essere visto. In poche parole, non serve a niente. Il movimento 5 stelle aveva chiesto un servizio streaming video che ancora non é stato improntato. Evidentemente è troppo semplice attuarlo.

  5. Severino ha detto:

    Lo streaming” cavallo di battaglia del M5S. Forse non e ben visto da tutti, ho quanto meno ancora visto come un mostro, perché poco conosciuto. a conti fatti e uno Streaming anche quello usato ora dal Comune “Consiglio Online” solo che e solo audio. Non credo che trattandosi di un Software Open source possa cambiare tanto per il comune in spesa, si tratta solo di cambiare alcuni parametri del servizio e renderlo anche video, basta una piccola webcam di pochi euro, anche cinese, evidentemente a qualcuno sta bene così, meglio se non funziona, come ormai già da diversi consigli passati sta succedendo. Sapiamo tutti che in questo servizio streaming non si può interferire direttamente, ma d’altronde non si può fare neanche se tu fossi presente, ovvero puoi fare ma ce una procedura specifica da seguire. Ma quanto può costare fare vedere a chi non può essere presente quel giorno ciò che sta avvenendo in consiglio comunale in quel momento, e di cosa si sta parlando ?? sarà mica una riunione massonica ?? si parla tanto di trasparenza, facciamo che lo diventi senza tante storie e commenti inutili. Non può far bene che a tutti !!

  6. Caro Severino, il costo per fare uno streaming audio/video con qualità media da ascoltare live ed automaticamente in registrazione è il seguente:

    – disponibilità di uno smartphone/ipad per la durata del consiglio (meglio se dotato di un cavalletto);
    – disponibilità di un operatore di ripresa per la durata del consiglio (un volontario a scelta tra il pubblico);
    – disponibilità di una connessione dati UMTS/xDSL;
    – buona volontà.

    Ritengo che i primi 3 punti siano pressochè superflui, il 4° è il punto che traccia il solco tra il fare / non fare.

    Non appena l’amministrazione cesserà di predicare trasparenza, partecipazione ecc. ecc. non applicandola, vedrai che fare lo streaming sarà un attimo! Basta un “si” e possiamo farla anche noi. Sicuramente come successo altrove partirà la partecipazione anche da parte dei più giovani.

    A presto.

I commenti sono disabilitati.