asili, asili, asili, foto varie, pd, ospedale e droga

Asili

Da Claudia Toffolon riceviamo, ringraziamo e pubblichiamo.

Ciao Bacucco. Ti elenco i costi delle scuole dell’infanzia nei dintorni.

Palazzolo (privata) 125€ + 50€ di iscrizione e materiale didattico

Precenicco (privata) 120 + 60 iscrizione e materiale didattico

Ronchis (privata) 125 + 60 iscrizione e materiale didattico

Latisanotta (privata) 150 + 100 iscrizione e materiale didattico

Latisana (privata) 135 + 70 iscrizione e materiale didattico

Lignano (privata) 110 + 35 iscrizione

Lignano (statale) 4.50 al giorno e 2.25 in caso di assenza (per giustificare i costi fissi della struttura).La media mensile varia dai 103.50 di ottobre ai 63 di dicembre ponendo una media fissa di 81.45.In caso di assenze per tutto il mese il costo è di 2.25 al giorno

Gorgo e Pertegada (statali) 40 a settembre,65 di dicembre, gennaio, aprile, 80 nei mesi restanti ponendo una media mensile di 71.50. In caso di assenze superiori ai 10 giorni non consecutivi 65.In caso di assenze per tutto il mese il costo è “0”.  –  Quindi Bacucco a conti fatti gli istituti più economici sono Gorgo e Pertegada.

n.d.b. credo che mai come in questo caso si debba ricorrere al proverbio “l’erba del vicino è sempre più verde”…salvo poi rendersi conto che si tratta di moquette e non di erba. Non entriamo nel merito delle singole strutture e degli altri aspetti, importanti, che compongono il puzzle scuola materna. Didattica, pasti pronti  o cuoche, sezioni piccole o grandi, orari, aule e arredi, giardini e attrezzature ecc ecc sono diversi da asilo a asilo e per fortuna si può scegliere. Magari anche partecipare e criticare, ma “magari” anche sempre contribuire senza fare furbate. Poi esistono le rappresentanze e i civili metodi partecipativi, e, infine, ci sono le istituzioni in caso di irregolarità. Sempre e comunque i bambini vanno lasciati fuori dalle polemiche, ma su questo siamo tutti d’accordo.

Ancora Asili, riceviamo, ringraziamo e volentieri pubblichiamo – segue – clicca.. –

Ciao Bacucco,   sono Stefano Di Lena, uno dei rappresentanti dei genitori della Scuola dell’Infanzia di Gorgo per il Comitato mense. Visto che in seguito alla promozione anche sul tuo sito della petizione per  chiedere al Comune di rivedere il sistema tariffario vigente è nato un dibattito che si è poi disperso su temi poco attinenti, vorrei chiederti un po’ di spazio per chiarire alcuni concetti.

Per prima cosa, per dirimere le diverse opinioni in merito a quali siano le competenze del Comune e quale sia la finalità della tariffa, intendo informare tutti i genitori che la tariffa si riferisce esclusivamente alla mensa scolastica, non ad altre voci di costo. Se non mi credete potete sempre  chiedere conferma ai competenti uffici comunali.

Al Comune sono devolute tutte le funzioni connesse alla realizzazione, manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici scolastici, e gli competono inoltre le spese varie d’ufficio, arredamento, riscaldamento, utenze  elettriche, del gas e dell’acqua (esclusa l’istruzione secondaria superiore, di  competenza della Provincia). Sono inoltre demandate ai Comuni le funzioni di  assistenza scolastica e di promozione dell’assolvimento dell’obbligo  scolastico. I riferimenti normativi sono i seguenti: DPR 616/1977, Legge  23/1996, Decreto Legislativo 112/1998, Leggi Regionali 10/1980, 10/1988 e  3/1998.

Per il finanziamento di queste funzioni il Comune può contare su trasferimenti erariali e regionali, oltre che sulle proprie entrate non aventi destinazione vincolata (come l’Imu, l’addizionale comunale all’Irpef, etc.). È espressamente previsto, dall’articolo 4 della Legge Regionale n. 10 del 26  maggio 1980, che i fruitori del servizio di mensa scolastica contribuiscano  alla copertura finanziaria dei relativi costi. Questo significa che gli utenti  compartecipano al costo della mensa, mentre la parte residua resta a carico del Comune.

A titolo di raffronto, vi riporto le tariffe delle mense per le scuole dell’infanzia di comuni aventi analoghe caratteristiche demografiche rispetto a  Latisana:

Cervignano:        buoni mensa di € 3,18

Cividale:                tariffa mensile di € 61,00, ridotta con 5 giorni consecutivi di assenza

Codroipo:                buoni mensa di € 3,30

Azzano Decimo:        buoni mensa di € 3,80

Tavagnacco:        buoni mensa di € 3,00

Lascio a ciascuno fare le proprie considerazioni, senza dimenticare che il  sistema di tariffazione a buoni è quello più equo, perché si paga solo se si  usufruisce del servizio. Il concetto di compartecipazione al costo del servizio  significa che ogni ente, in autonomia, decide quanto far pagare alla  collettività per un servizio, finanziando il resto con altre risorse. Non ha molto senso fare confronti con asili privati in quanto in tali scuole la retta  deve coprire tutti i costi, compresi quelli del personale. In merito al fatto sostenuto da qualcuno che la tariffa mensile è stata  introdotta perché vi erano dei “furbi” che non pagavano i pasti, ricordo che oltre a garantire il servizio il Comune deve anche assicurarsi che gli utenti  paghino regolarmente. Personalmente non ritengo che vi fossero molte persone che non pagassero, ma se anche fosse, il Comune ha la piena responsabilità di  effettuare i controlli e sollecitare il versamento di quanto dovuto, fino all’ attivazione delle procedure di riscossione coattiva. L’eventuale inerzia del Comune si configura come danno erariale.  Senza entrare nel merito delle scelte personali, io ritengo estremamente utile  per i nostri figli frequentare la Scuola dell’Infanzia perché ne favorisce la crescita, il confronto, l’educazione, lo sviluppo cognitivo ed emotivo. Inoltre  il personale scolastico che abbiamo la fortuna di avere a disposizione è  competente e motivato.

E dato che il Comune ha il compito di promuovere la piena scolarizzazione nella scuola materna (articolo 1, comma a della Legge Regionale 10/1980), sarebbe opportuno che favorisse le famiglie contenendo le tariffe per i servizi scuolabus e di refezione scolastica, risparmiando magari su altri interventi di spesa, e anche qui ciascuno di noi faccia le considerazioni che ritiene più opportune.

Sperando di essere stato sufficientemente chiaro, vi invito a firmare la petizione, se come me ritenete che la tariffa non sia equa. Se invece la tariffa per voi va bene così, non firmatela ma per cortesia evitate di creare  polemiche personali o di sostenere affermazioni non corrette. Nel caso vi servano copie della lettera o dei modelli di raccolta firma, sono  disposto a inviarveli tramite mail. Chiedete al Bacucco il mio indirizzo.

Cordiali saluti a tutti – Stefano Di Lena

Da Elisa Pitaccolo riceviamo e volentieri pubblichiamo

Queste sono le rette per quanto riguarda le Scuole dell’Infanzia di Gorgo e Pertegada:
– mese di settembre a prescindere dalle assenze euro 40 ( la scuola è iniziata il 12, i primi giorni i medi e i grandi non hanno mangiato, i piccoli hanno avuto l’inserimento);
– mesi di ottobre, novembre, febbraio, marzo, maggio, giugno euro 80;
– mesi di dicembre, gennaio, aprile euro 65;
Da constatare che nel mese di gennaio i giorni fruibili erano 19 con un costo di euro 65, mentre i giorni fruibili a febbraio sono 17 con un costo di euro 80. 
– Per 10 giorni di assenza costo euro 65.
– Riduzione per il secondo figlio.
Fatto personale mia figlia 7 giorni di assenza per malattia  a febbraio costo di un singolo pasto ammonta a euro 8.
Mi sembra esagerato, poiché si tratta di pasti per bambini che comprendono una fascia di età compresa tra i tre e i sei anni.
Mi permetto di aggiungere che non si può fare un confronto tra Scuole dell’Infanzia Statali e Scuole dell’Infanzia Private, poiché mentre nelle prime la retta serve per coprire esclusivamente il servizio mensa, nelle seconde la retta oltre a coprire il servizio mensa copre altre spese: costi di energia, riscaldamento, manutenzione, stipendi ai docenti. 
Il confronto è da fare con il costo di un buono mensa della Scuola Primaria Statale, dove i bambini dai 6 ai 10 anni pagano di meno rispetto a un bambino che frequenta la Scuola dell’Infanzia Statale.

Infine, sempre per completezza d’informazione, qui

https://www.facebook.com/notes/vignotto-sandro/tariffe-mensa-asilo-a-lignano-sono-pi%C3%B9-bravi-che-a-latisana/462746653781306

trovate una dettagliata comparazione Latisana – Lignano dove si deduce che Lignano è più cara.

Ospedale

Ieri mattina, durante i prelievi all’Ospedale di Latisana, ho avuto come la sensazione di….essere in un posto strano, e ho pensato…ma siamo in Grecia?? …No perché abbiamo visto i servizi sulla sanità pubblica in Grecia e non vorremmo mai che da noi si copiassero quelle situazioni. Non vorremmo, per esempio, che mancassero gli aghi per i prelievi, o che mancassero i cerotti per le medicazioni, o che il personale fosse insufficiente, o che, solo per ridurre il personale, si accentrassero i servizi, tipo farmacia, così da creare dis servizi….. Non vorremmo tutto questo. Anzi non lo vogliamo.

Foto

Ex stazione Ippica, futuro Museo……….. lavori fermi da mesi; magari iniziano domani, ma sono fermi da mesi.

Monumento ai Marinai

Credo che una opera di pulizia e manutenzione vada fatta; essere marinai non significa solo partecipare col fazzoletto alle cerimonie, o no?

Differenziata

Mettete due bidoni, per favore (Paludo)

Spazi vuoti

Ma quanti spazi vuoti ci sono a Latisana? – Zona stazione ferroviaria, privato, ex magazzino comunale, pubblico.

VIA

Ma non avevamo fatto una variante al piano regolatore e una valutazione d’impatto ambientale strategica? Per un muro? Ed è ancora li??

Portatori di handicap

Sparita la (brutta ma utile) pedana di accesso al Municipio, costruita in legno e posizionata per agevolare l’ingresso in carrozzella; oggi chi è costretto a farlo viene dirottato attraverso l’entrata posteriore. La porta di scorta. Fare uno scivolo, magari scalfendo il gradino mezzo dentro e mezzo fuori,  è impossibile?

Segnalazione

Ci viene segnalata l’ennesima truffa fatta con contatti via telefono e poi firma di improbabili documenti che altro non sono che dei contratti; analisi su internet hanno indotto una nostra lettrice a sollevare la questione e avvisare di NON firmare nulla, o almeno di stare MOLTO attenti.

Rettifica PD

Buonasera,  l’incontro con i  i candidati PD che inizialmente doveva tenersi venerdì 22 alle 20.30 presso il Bella Venezia, si terrà sempre venerdì ma alle 19.30 presso il bar Stusighin. Saluti

Droga

il 25enne latisanese F.N. è stato arrestato a Pocenia per spaccio di sostanza stupefacenti

Condividi il post!

PinIt

12 commenti su “asili, asili, asili, foto varie, pd, ospedale e droga”

  1. Ippolito ha detto:

    Complimenti a Stefano Di Lena. Una spiegazione chiara e puntuale. Una stretta di mano virtuale. Bene bravo bis.

  2. Sergio ha detto:

    Ho visto la foto del monumento ai marinai, Ti ricordo che tale monumento è stato consegnato al comune e quindi la manutenzione, pulizzia ecc. spetta a loro. Quello che noi facciamo e per nostra volontà e vederlo in questo modo fa molto male.

  3. Claudia ha detto:

    Vista da Parma, la polemica sulle tariffe degli asili mi fa sorridere. Quest’anno per una scuola comunale paghiamo 135€ al mese (per ogni assenza vengono dedotti 2.20€). Dall’anno prossimo verrà rivista la retta: 280€ al mese!!

  4. il_bacucco ha detto:

    per..farti allenare alle origini…..”ognun el bala co so agna…” he he he grazie cc.

  5. Anastassia ha detto:

    perchè prendere in considerazione solo i comuni circostanti?guardiamo la situazione per quanto riguarda tutta Italia,basta cercare su google UIL MENSA 2012/2013 .Latisana, per quanto riguarda l’infanzia statale, è sopra la media di un bel pò….teniamo conto che le statistiche effettuate si basano su famiglie con reddito medio di circa 36.000 euro all’anno

  6. Lisa ha detto:

    Mio figlio frequenta l’asilo di Gorgo e io mi trovo molto bene, posso solo elogiare il personale per la professionalità e la disponibilità che hanno coi bimbi e coi genitori. Sono molto stufa di sentire sempre discussioni per ogni cosa, sono d’accordo che era meglio con i buoni mensa ma credo che per l’amministrazione comunale sia più pratico il controllo dei pagamenti con il sistema delle retta, certo se fosse più bassa sarebbe meglio e ritengo che non si possa fare i paragoni con gli asili privati, sono appunto privati e hanno altri costi, non costano di più perchè offrano un servizio migliore, perchè per nostra fortuna l’asilo di Gorgo offre un ottimo servizio. L’importante e che tutti paghino, se vogliamo continuare ad averlo questo servizio, ritengo inoltre che chi non frequenta questo asilo non possa parlarne male e chi non si trova bene cambi asilo.

  7. giuliana ha detto:

    Stefano Di Lena come sempre chiaro, corretto ed esaustivo.

  8. Anastassia ha detto:

    consideriamo anche il fatto che parma in base alle statistiche ha un reddito medio annuo di 28.163,latisana ha un reddito medio annuo di 21.118….direi bella differenza!

  9. claudia ha detto:

    A mio avviso non si può confrontare il costo dei buoni mensa tra i vari istituti leggendo i prezzi online.Non siamo a conoscenza di un elemento a mio avviso molto importante ovvero se i pasti vengano cucinati freschi da una cucina interna,come nell’infanzia Gorgo-Pertegada,dove c’è elasticità nel menù e se ad un bimbo non piace un primo o un secondo può avere più portate di un altro alimento.Nel comune di Tavagnacco,dove il buono mensa costa solo 3 €, i pasti vengono affidati ad una ditta vincitrice tramite gara d’appalto,quest’anno alla Sodexo. Tale ditta provvede, con proprio personale, alla gestione di tutti gli aspetti del servizio di ristorazione scolastica, dalla fornitura degli alimenti al confezionamento e distribuzione dei pasti. Secondo me è importante valutare il risparmio nelle mense ma,sopratutto parlando di bambini,anche di qualità. Buona serata

  10. Valerio Formentini ha detto:

    Visto che esiste un problema di accesso al Municipio per i disabili e un problema nuovi uffici poco illuminati (e forse sempre insufficienti….) facciamo le cose in grande! Acquisiamo (con tutte le regole del caso) anche il negozio Cigaina d’angolo (attualmente non utilizzato) , con tanto di porta vetrata a raso e facciamone un ingresso moderno, alternativo a quello storico, e ulteriori spazi a disposizione.

  11. Magda ha detto:

    Stefano Di Lena, non potevi essere più esaustivo, spero che le tue parole non passino inosservate ed arrivino a chi di competenza.

I commenti sono disabilitati.