ater, pertegada, 354 e teatro

Sabato 20 ottobre, alle ore 20.30, presso la Chiesa Parrocchiale di Pertegada, si svolgerà la 34^ Rassegna del Coro di Pertegada. Si esibiranno anche il Coro Romatino di Concordia Sagittaria e il Gruppo Strumentale Misto della Scuola di Musica di Latisana. Ecco il programma

Rotonde sulla 354

Con grande ritardo qualcosa sembra muoversi sula 354, con Friuli Venezia Giulia Strade che si è fatta avanti con  richieste di informazioni sui sotto servizi, necessarie per avviare il progetto esecutivo. Siamo a metà ottobre e si corre il rischio di vedere i cantieri non terminati entro Pentecoste 2013. Il problema non riguarderebbe Aprilia, dove si può agire prima fuori dalla 354 e poi collegarla, analogamente come è stato fatto a Bevazzana sponda veneta. Riguarderebbe sia Paludo che Pertegada dove invece i due progetti preliminari prevedono a Paludo un sottopasso e a Pertegada un foto centrale con inevitabile interruzione della strada 354. Per Paludo la deviazione sul posto sarebbe abbastanza agevole, per Pertegada si deve andare fuori del centro abitato o incasinare il tutto. Come abbiamo detto ieri, se si fa una tangenziale provvisoria, perché non farla definitiva e risparmiare?

Case ATER in vendita

Ce ne sono molte a Pertegada e a Gorgo e possono acquistarle gli inquilini in affitto; l’elenco completo sul sito dell’Ater-udine.it

La stagione teatrale

Ecco la locandina

Condividi il post!

PinIt

8 commenti su “ater, pertegada, 354 e teatro”

  1. Valerio Formentini ha detto:

    Condivido l’idea de “il bacucco” di una tangenziale a Pertegada.

  2. davide ha detto:

    Mutuando l’espressione dal poker, se Valerio vede io rilancio: se l’amministrazione attuasse una programmazione di lungo termine (direi inedita per il nostro Comune) al fine di trasformare la vituperata arteria da semplice disagio per indigeni e vacanzieri a reale opportunità di benessere e crescita in chiave commerciale/artigianale/ricettiva, allora sarei per la rotonda (con buona pace per i “codaioli”, che, anzi, diventerebbero un goloso target); ma se il benvenuto a Lignano dovesse rimanere l’attuale distesa di “biava”, allora sarebbe meglio bypassare come proposto dal bacucco… così il nostro Comune potrebbe placidamente rimanere nella sua condizione di “sotan” rispetto al vicino centro balneare, ma almeno residenti e domenicali si farebbero il sangue meno amaro…

  3. il_bacucco ha detto:

    le recenti chiusure ( bowling, 2 pini, ribot, ex formaggi, zona palazzetti ecc ecc) inducono a non essere ottimisti sullo sviluppo commerciale della strada. spero di sbagliarmi.

  4. davide ha detto:

    Posto che le chiusure citate non sono così recenti, concordo sul fatto che se le possibilità di sviluppo in tal senso sono demandate esclusivamente alla capacità imprenditoriale dei singoli, allora davvero l’ottimismo trova poco spazio, specie in questi tempi di crisi. Per questo io auspico anzitutto una pianificazione di medio-lungo termine da parte degli amministratori basata sulle reali potenzialità e vocazioni del territorio.

  5. Massimo Della Siega ha detto:

    Questione statale 354 : “By-pass ” o rivalutazione ambientale-commerciale dell’attuale arteria ? Se ne discuteva già in questi termini precisi , in consiglio comunale , che sarà stata la fine anni ’80 . Non c’è che dire , una grande e rapida capacità di trovare soluzione ai problemi . Chissà come mai poi si declina .

  6. il_bacucco ha detto:

    credo che la situazione sia diversa; una volta l’alternativa era o fare la tangenziale o fare il viale turistico. oggi si dice, facciamo la rotonda, ma per farla PRIMA, si deve fare una tangenziale che, a quel punto, vanifica la rotonda.

  7. Massimo Della Siega ha detto:

    Intendevo dire che se in questi 25 anni il problema fosse stato affrontato , invece che dilazionato all’infinito , forse la situazione sarebbe ora positivamente risolta , chissà mai anche a beneficio del territorio e dell’economia locale .

  8. Loredana ha detto:

    Scrivo in merito all’articolo pubblicato oggi su Messaggero Veneto cronaca di Udine dal titolo: Latisana, bimbi dell’asilo senza carta igenica.
    Io mi domando se l’autrice di questo articolo è mai stata all’interno dell’asilo di Pertegada dove sicuramente non manca la carta igenica, il sapone e la pulizia.
    Forse prima di scrivere un articolo bisogna informarsi sui fatti.
    La lettera era stata appesa all’inizio dell’anno scolastico (pertanto più di un mese fa) all’ingresso dell’asilo e anticipava che potevano crearsi dei disagi per un periodo. Fortunatamente non si hanno avuti disagi e dopo dieci giorni la lettera è stata tolta.
    Perchè la lettera è stata pubblicata solo oggi?
    Se aveva dello spazio disponibile non poteva scrivere qualcosa in merito alla scandalosa riunione avvenuta Mercoledì sera alle Scuole Elementari di Pertegada dove la maleducazione e l’ignoranza hanno fatto da colonne portanti?

I commenti sono disabilitati.