baseball, varie brevi, comitato toniatti, sara,

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Eravamo quattro amici al bar… oltre ad essere parole di una nota canzone di Gino Paoli, è anche ciò che ha dato il via alla nascita della ASD DELFINI LATISANA BASEBALL & SOFTBALL CLUB. E’ stato proprio un incontro casuale quello tra Cesare Ceretti e Roger Zorzenon che, in un’afosa serata dell’estate 2011, pongono le basi per quella che, da lì a 6 mesi più tardi, sarà l’ultima società nata in regione per il baseball. L’attività vera e propria parte con l’intervento nelle scuole primarie di Latisana e frazioni e comuni limitrofi per poi arrivare nel dicembre 2011 alla stesura dello Statuto e all’elezione del primo consiglio direttivo che vede, tuttora, come Presidente Cesare Ceretti, segretaria Teresina Gruer coadiuvati da altri consiglieri che, tra non poche difficoltà soprattutto economiche, riescono con volontà ed impegno costante a portare avanti questa società. L’obiettivo primario era quello di poter iscrivere un giorno una squadra ad un campionato giovanile e questo, con grande orgoglio e soddisfazione diventerà realtà tra poco più di un mese quando i nostri piccoli campioni, con età compresa tra gli 8 ed i 13 anni, prenderanno parte al campionato nella categoria ragazzi provando a stupire tutti mettendo in campo ciò che hanno imparato finora. Tutto questo dimostra che non erano solo parole al vento ma la dimostrazione che unendo esperienze in vari settori è possibile ottenere con caparbietà risultati importanti. La realtà locale, purtroppo ci vede privi di un vero e proprio diamante di gioco ma, con l’interessamento dell’assessore comunale Milo Geremia, dei responsabili regionali della federazione italiana baseball softball nelle persone di Marcello Massa e Diego Mineo e alla grande disponibilità del  Presidente del Latisana calcio Andrea Veneruzzo, giocheremo le partite interne allo stadio comunale di calcio, dove semplici curiosi nonché appassionati e tifosi della nostra squadra potranno ammirare le gesta dei loro beniamini con un altro importante obiettivo che è quello di far avvicinare a questa disciplina sportiva altri ragazzi e ragazze per dare continuità nel tempo. Stimoli non mancano e progetti ambiziosi per il futuro ne abbiamo parecchi considerando il modo di pensare ed operare del nostro Presidente e di tutti noi che amiamo questo meraviglioso sport.

Con la Sette non si fa mai….centro!

Abbiamo cannato, noi e altri, sulla possibilità che la Sette fosse l’assessore esterno della giunta Tondo; abbiamo cannato, noi e altri, sulla possibilità che la Sette fosse candidata alle regionali. Ci stupisce sempre la Miky. I vertici locali del PdL, dopo aver negato con convinzione,  la danno per certa alle regionali e probabilmente la cosa è legata al “ritiro” di Galasso e per evitare che Cargnelutti venga a pescare in questo bacino elettorale. Certo che avere due fratelli in gara, e su due liste diverse, non è da tutti i giorni. Ricordiamo infatti che il fratello Lanfranco è nella lista de La Destra, sempre  con Tondo. Andiamo forte noi di Latisana con le “dinasty” locali; quella dei Sette, papà Gianfranco e Micaela e Lanfranco, è la più famosa; ma anche gli Ambrosio non sono male, con papà Franco e poi i due figli Gino e Francesco; da non dimenticare la dinasty orizzontale tra Giorgio Mattassi e Illia Martellini, di lui consorte. E ce ne sono altre che ci sfuggono. Speriamo di non cannare ancora con la Sette…. Da qui a domenica chissà cosa succede…..

Riceviamo e volentieri pubblichiamo — segue — clicca —

Comunicato “Comitato per la difesa e la valorizzazione del lascito Toniatti” (5)

Il “Comitato per la difesa del lascito Toniatti”, una iniziativa civica, apolitica e apartitica  che vuole sensibilizzare i Cittadini di Latisana sulle ricadute negative  derivanti del progetto della “Città della salute” promosso dall’Amministrazione comunale , aveva chiesto al Comune l’uso gratuito del suolo pubblico per insediare i banchetti per la raccolta di  firme contro lo spreco dei 5.000.000€ del lascito, contro la chiusura dell’Hospice, della RSA e quindi contro il progetto in questione.   Non solo il Comune ci hanno messo 20 giorni per concedere al “Comitato” il permesso di occupare il suolo pubblico (un paio di metriquadri), ma una Giunta  che costa ai Cittadini di Latisana 120.000€ all’anno (35.000€ il Sindaco, 19.000€ il Vice, 14.000€ a testa gli Assessori) e che assieme al Direttore dell’ASS ha deciso di buttare fuori dall’Ospedale l’Hospice e la RSA, ci ha chiesto anche di pagare il suolo pubblico dove collocare i nostri punti di raccolta firme e di informazione ai Cittadini.  Lasciamo ai Cittadini il giudizio su questo modo di agire della Giunta, a noi pare superfluo qualsiasi commento, ci limitiamo a registrare che a questa  Giunta non sono bastati i tempi i lunghi per boicottare la nostra iniziativa civica, ma ha voluto anche imporci  un “micragnoso” e vendicativo balzello, onere che ovviamente il “Comitato” pagherà chiedendo un piccolo sacrificio a chi lo sostiene.  Sarà il migliore degli investimenti che noi possiamo fare, visto che abbiamo la speranza che gli €uro che verseremo serviranno non solo (purtroppo) a pagare le indennità di carica a questa Giunta,  ma saranno soprattutto utili a far crescere  una iniziativa a difesa di Latisana e dei latisanesi, che ci stanno gratificando sottoscrivendo numerosi il nostro appello contro lo spreco dei 5.000.000€ del lascito Toniatti.

Per il “Comitato per la difesa e la valorizzazione del lascito Toniatti” —  Pietro Pitacco

Dragaggi

Non si parla più dei dragaggi, è passata l’emergenza??

Rotatorie

Non si parla più delle rotatorie, son finiti i soldi?

Bevazzana

Myriaphora, Golf, darsena, villaggio, che fine hanno fatto?

Formaggi

Quelli invece si, sta per aprire un posto buono e bello, nell’ex ristorante Ribot, zona Bevazzana; gestione Genagricola (le Generali insommma)

Vela

Fermo da mesi il cantiere, grande cantiere, grandi idee, grande nulla.

Museo

Fermo da mesi il museo ex Stazione Ippica

Strada sotto argine

Dopo quanti….venti anni? Trenta anni? La strada della bassa è ancora proibita per tutti, stante la segnaletica verticale, e tutti la fanno lo stesso; non è un assurdo?

Latisana e Lignano

Latisana sindaco eletto da due annetti, Lignano da un annetto. Non sarebbe male un convegno ufficiale per discutere delle cose che accumunano e di quelle che dividono, per iniziare ad andare d’accordo, oltre che tra le persone, anche tra le amministrazioni?

Da outdoorblog.it, per gli amanti dello sport latisanese, copiamo…. E auguri!!

Il mondo del volley preoccupato per Sara Anzanello: ricoverata per problemi al fegato.  Pubblicato il 14 mar 2013 da Lucia Resta

“Forza Anza!” è il coro si leva unanime da tutto il mondo della pallavolo che in queste ore è in ansia per la salute di Sara Anzanello, centrale dal 2011 in forza alla squadra azera dell’Azerrail Baku.  Sara Anzanello è stata ricoverata d’urgenza per problemi al fegato. Da Baku è stata trasportata a Milano via Istanbul. Le sue condizioni sono apparse subito critiche e ora è in prognosi riservata. Questo il messaggio pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale della giocatrice dal suo staff:

“Sentiamo il dovere di ringraziare quanti ci sono vicini con il loro affetto e si sono interessati alle condizioni di salute di Sara e continuano a farlo: amici, conoscenti e tifosi. Lo facciamo in un momento in cui Sara sta affrontando una sfida difficile, noi continuiamo a tifare per lei e in questo delicato momento chiediamo massima tranquillità e il più stretto riserbo. A breve verrà diramato un bollettino medico con gli aggiornamenti sullo stato di salute di Sara. La prognosi resta riservata”

Pare che il problema sia dovuto a una forma acuta di epatite, ma non si sa nulla sulle cause di questa patologia che raramente ha un decorso grave e improvviso come appare in questo caso. Secondo quanto trapelato nelle ultime ore sarebbe necessario un trapianto di fegato.

Ricordiamo, n.d.b.,  che Sara ha militato con la squadra di Latisana e di lei conserviamo un ottimo ricordo.

Condividi il post!

PinIt