Contributi Regionali al Commercio, CAMPP, Comune e Tarsu, 106 anni e Pro e Scuola Musica e Avvocati del comune contro il Comune

Latisana ottiene fondi dalla Regione

Ammontano a 26.600 euro i fondi erogati dalla Regione Friuli Venezia Giulia per sostenere i “Centri in Via” ovvero i centri commerciali all’aperto, cioè i centri storici dei paese. La spesa prevista dal progetto, che raggruppa 58 imprese, era di 38.000 euro e quindi il finanziamento è considerevole. Sono stati 15 i comuni che si sono divisi la torta di 640.000 euro messi in bilancio. Sono tanti soldi; per capire l’entità del finanziamento rapportiamoci con Gemona (51.100), Tricesimo (54.285), Codroipo (46.550), Cividale (56.000) e Tarvisio (39.200). Ora spetta ai privati sopperire ai 11.400 euro mancanti per far decollare il progetto.

Il Comune? ..un nemico.


Era davvero avvilente stare in coda ieri mattina nell’aula consiliare del Municipio, per andare a discutere le multe arrivate a casa di migliaia di latisanesi per la gestione della TARSU. Molte persone, prevalentemente anziane, tutte con la raccomandata in mano e tutte a chiedere delucidazioni. Gentile l’uomo incaricato, ma con un difetto fondamentale: egli rappresenta non già il Comune, cioè noi tutti, ma la società incaricata di evidenziare le discrepanze ed emettere bollettini di pagamento, comprensivi di multa e interessi e contro i quali costa un’altra tassa fare ricorso, società che lavora a percentuale, ovvero più emette multe e più queste vengono pagate, più incassa. Insomma è la controparte; insomma sarebbe come  se per discutere dei tuoi peccati tu andassi da Satana, che ti aspetta all’Inferno. Come spesso accade c’è una differenza abissale tra quanto viene detto in campagna elettorale (…dalla vostra parte… al vostro servizio…sempre disponibili….una casa aperta e trasparente ed altre amenità similari…) e quanto poi riscontri nella vita di tutti i giorni. Ti mandano a casa migliaia di raccomandate, che per giunta come beffa paghi tu con le tasse, ti dicono che se non paghi subito scatta l’aumento, ti dicono che per fare ricorso devi andare alla Commissione Provinciale a Udine, ti dicono che per farlo devi pagare una commissione che non ti verrà restituita nemmeno se hai ragione…. E con un sorriso ti mandano a controllare. Sono anche gentili, nulla da eccepire. Il grosso del problema sta nella ignoranza dell’applicazione delle nuove norme per il calcolo della superfice tassabile. Una volta i vani accessori erano calcolati al 50% o addirittura nulla, oggi si misura tutto. Trattandosi di legge, non è ammessa l’ignoranza, ma il “mio” Comune avrebbe “prima” chiamato a spiegare e “poi” avrebbe emesso la cartella delle tasse. Ma io non vivo nel “mio” Comune, ma in quello della burocrazia politica lontana anni luce dai cittadini.

Via Isonzo, Via Istria, CAMPP


{jcomments on}

 

Si legge Via Isonzo, ma trattasi di Via Istria; la delibera del Comune, imprecisione a parte, è molto chiara: è stato deciso di vendere il Campp, ovvero lo storico edificio che si trova appunto in Via Istria, zona Centro Studi, e che da decenni ospita questo particolare servizio a cura del Campp di Cervignano del Friuli, con utenti portatori di handicap di tutte le età e di diversi comuni. Il valore dell’immobile è stato fissato dal professionista incaricato in 1.012.000 euro, ma la giunta ha deciso di vendere l’immobile per 600.000 euro. Un solo possibile acquirente secondo il Comune e quindi trattativa diretta e concordata. A proposito è ancora invenduto l’appartamento di Udine del Lascito Toniatti; ora la base d’asta è 95.000.

Usucapione, spesa sicura, politica in mezzo

Intanto verranno spesi 4.155 euro, poi vedremo chi avrà ragione; stiamo parlando di una causa di usucapione su un terreno di proprietà, pare, del Comune e situato a Lignano Sabbiadoro. Al momento di entrare nel terreno e fare misure, il Comune si è visto recapitare una causa per usucapione; insomma i signori Pasquale Trivillin e Adriana Landello dicono che quel terreno è il loro giardino da 40 anni. La giunta quindi “resiste”; indovinate chi è l’avvocato della parte avversa? La ex candidata sindaca Maddalena Spagnolo, che va contro il suo comune in difesa della….. giustizia. Laughing

Pro Loco e Scuola Musica

Se ci hanno informato bene, il 31 dicembre dovrebbero scadere sia la Scuola Comunale di Musica che la Pro Capoluogo, chiamata ufficialmente Pro Latisana. Per la Scuola di Musica, dopo il bando pubblico di gestione rimandato e la gestione prorogata fino a fine anno, si dovrebbe andare a appalto. Per La Pro c’è già stata una proroga di un anno e ora restano da capire se i tantissimi soci, diventati tali solo per le agevolazioni assicurative, sono da considerare rinnovati o meno e se possono votare facendo valere i sei mesi di iscrizione della scadenza naturale, oppure se valgono anche i mesi della proroga. Per la Pro si parla di assemblea a febbraio, entro marzo dice lo statuto: meglio tardi che mai. Pare anche che in questi giorni la sede sia sprovvista di tessere che non vengono, al momento, rilasciate.

Ecco a cosa serve Latisana.it

Con piacere pubblichiamo oggi una foto, ce la manda Eugenio Pigato che ci segue dalla Lombardia. La foto è di Fabbroni Luigia, vedova Pigato, nata a Gorgo di Latisana il 09 gennaio 1906, (prossimi 106 anni), questa foto , fatta nel giorno di Natale, ritrae la compaesana, fiera di essere Friulana, vive ad Induno Olona, 3 figli, e 27 tra nipoti e pronipoti.  Un saluto a Voi e un augurio a tutti i Friulani, (residenti e non), di un Buon anno.
Eugenio Pigato (figlio)

Crediamo sia la latisanese più vecchia, ma se ci sbagliamo, ben volentieri pubblichiamo altre foto.. Auguri anche da parte nostra e “mandi, stame ben!!” Wink

Condividi il post!

PinIt