Caos traffico. GALIZIO: “Sono preoccupato, l’emergenza e’ continua”

Bassa friulana in ginocchio dal traffico che paralizza le strade. Un territorio “sacrificato” sull’altare della Terza Corsia A4. Non solo gli automobilisti e i camionisti che ogni giorno percorrono l’autostrada ma il disagio tocca soprattutto chi abita a San Giorgio, a Palazzolo e a Latisana, paesi attraversati dalla SS14 dove il traffico si riversa in caso di incidenti sull’autostrada. I cittadini non ce la fanno piu’  e i dati sull’inquinamento atmosferico e acustico nei centri abitati rimane un mistero. Ai cittadini fanno eco gli amministratori locali. Oggi e’ la volta del Sindaco di Latisana Daniele Galizio.

Sindaco una situazione che sembra ingestibile con l’estate alle porte…

Sono preoccupato per quanto sta accadendo, nelle ultime settimane ci siamo trovati di fronte a  un’escalation. Gia’ Latisana ogni estate sopporta un traffico elevatissimo a cui oggi si aggiunge il problema Terza corsia A4. In caso di incidenti, purtroppo sempre piu’ frequenti, l’enorme flusso di auto e camion si riversa sulla SS14 e la Ferrata ingessando completamente il territorio. Con tutti i disagi che ne seguono.

Qualche giorno fa e’ stato demolito il cavalcavia di Corgnolo e la SS14 e’ rimasta bloccata…

Questo e’ stato un episodio significativo che ha messo in luce lacune importanti.

Si spieghi…

Non sono stato nemmeno informato che l’autostrada sarebbe stata chiusa dalle 20 di sabato a domenica mattina. Non e’ possibile che questo accada. Chi amministra il territorio deve essere informato e quindi e’ anche mancata un’organizzazione e una concertazione con gli enti stradali interessati. Il tema del personale di support sulle strade statali e regionali deve essere affrontato almeno, dico almeno, nei casi come questo in cui il disagio e’ programmato.

Comuni lasciati soli?

Chiedo come sindaco di essere informato, coinvolto e aiutato. Una regia regionale e’ indispensabile per intervenire a breve, medio e lungo termine. Sono sicuramente preoccupato in vista dei due mesi di maggior flusso turistico e questa situazione sottolinea ancor di piu’ la pericolosità di non avere l’assistenza sanitaria per i bambini h24 per 365 giorni all’anno nell’ospedale di Latisana.

 

Condividi il post!

PinIt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *