Caro Sindaco Benigno

sito_comun2_12_11_ore_8.00

Tagliamento

Caro Sindaco Benigno; sono convinto che sia sbagliato creare allarmismi quando non ci sono concrete situazioni di allerta e credo sia sbagliato esagerare come qualcuno ha fatto ( Tagliamento a 9 metri….). Però credo anche che una pacata e costante informazione sia obbligatoria da parte delle istituzioni. Quello che si vede qui sopra è lo screenshot del sito del Comune di Latisana mercoledì mattina e riporta le notizia del 6 novembre. Ora, caro Sindaco, dovresti sapere che i latisanesi, quelli di Latisana e frazioni, hanno una spiccata sensibilità per la situazione del fiume, soprattutto dopo una notte di pioggia, vento e temporali e con le notizie che arrivano dal Medio Friuli e da San Michele al Tagliamento. Io credo che sia (era) doveroso da parte del Comune dedicare un paio di orette ad aggiornare il sito istituzionale (come abbiamo fatto noi nel nostro) e tranquillizzare i concittadini. Certo non c’è allarme, lo capisco, ma….bastava dirlo….

Condividi il post!

PinIt

5 commenti su “Caro Sindaco Benigno”

  1. Edi ha detto:

    Per me qualcuno si aspetta un aumento di stipendio per aggiornare il sito…insomma…

    ….neanche il can mena la coda per niente….

  2. ilsabbionero ha detto:

    Sarebbe bastato mettere il link alla pagina della rete idrometeorologica della Protezione Civile. Tanto di tempo guadagnato e di efficacia aggiunta.
    Spero che qualcuno in Comune colga lo spunto…

  3. Paolo ha detto:

    Sicuramente aggiornarci sulla situazione ma del piano di evacuazione non si parla? oppure lasciamo che succeda tanto le colpe mai verranno addebitate a chi avrebbe dovuto prepararlo e metterlo in atto. C’è ma è segreto, come più volte abbiamo sentito dire, ma è una presa per i fondelli. Tutta la cittadinanza deve sapere cosa fare e dove andare. In altri paesi fanno esercitazioni annuali.
    Ma Latisana sta morendo e queste cose, a chi di competenza, forse non interessano, basterà l’olio santo.
    Ciao
    Paolo

  4. ALEX MARINO ha detto:

    Io invece sono convinto di una cosa, che madre natura sia imprevedibile e difficile da controllare. Ne approfitto per ricordare i fatti di Genova dove l’allerta era solo di livello 2 e poi è successo il disatro. Preferisco cento volte un eccessivo allarmismo che una sottovalutazione dei rischi.
    Noi italiani siamo popolo di criticoni, ogni occasione è buona, se succede un disatro la colpa è di chi non ha allarmato la popolazione se invece non succede niente si parla di eccessivo allarmismo. Nessuno ha la sfera di cristallo.

I commenti sono disabilitati.