cassonetti, paludo, top 5

Cassonetti di prossimità: si parte

Primo incontro per spiegare la novità a Latisanotta – Crosere, presso le scuole di Via Viola il 22 ottobre alle 20.30. Lo hanno deciso Comune e NET che spiegheranno ai cittadini il nuovo sistema di raccolta con cassonetti di prossimità, che partirà a novembre in tutta Latisana escluso il Capoluogo. Tutti a portare le immondizie in centro allora….. A parte la battuta, vediamo di cosa si parlerà. Si tratta di posizionare sul territorio dei cassonetti per la raccolta differenziata del rifiuto organico (vi ricordate oltre un decennio fa i sacchetti in plastica di mais e i secchielli verdi??…) e della sostituzione ed integrazione degli attuali cassonetti stradali con aumento del numero di cassonetti per la raccolta differenziata degli imballaggi di plastica. Ad ogni domicilio abitativo verrà consegnato un contenitore ed un kit di sacchetti biodegradabili. Gli appuntamenti sono importanti per capire, per esempio, dove metteremo il verde delle potature primaverili, l’erba dello sfalcio estivo e il resti autunnali degli orti (pomodori, zucche, cetrioli ecc ecc). Le altre date sono: Paludo, scuole, il 24 ottobre alle 20.30, Gorgo centro sociale 26 ottobre, 20.30, Pertegada, centro sociale 29 ottobre stessa ora ed infine Aprilia Marittima e Bevazzana alle scuole di Bevazzana il 30 ottobre alle 20.30.

Paludo e non solo; riceviamo e volentieri pubblichiamo

Caro Bacucco; oggi ho avuto la notizia che il Comune ha deciso di installare dei dissuasori di sosta sul marciapiede antistante il pubblico esercizio all’insegna “Bar Salmaso” (..grazie per la pubblicità…), per impedire che i veicoli vengano lasciati in sosta vietata. Approvo la giusta iniziativa per salvaguardare i pedoni, e spero che questi dissuasori vengano installati anche davanti ad altri locali pubblici in zone più importanti….tipo Latisana, Gorgo e Pertegada.

Colgo l’occasione per segnalare e rimarcare il continuo passaggio di mezzi pesanti sulla nostra via: esiste una grande segnaletica di divieto di transito di mezzi pesanti, ma mi sembra che di interventi non ce ne siano stati molti, anzi. Il manto stradale, da poco rifatto, ricomincia a cedere, creando dossi e quindi vibrazioni, con danni alle abitazioni che si trovano fronte strada.

L’illuminazione di Via Casasola è moto scarsa e pericolosa per le donne e i bambini: la soluzione immediata di questo problema è stata promessa dall’assessore il giorno della riunione presso le nostre scuole (argomento classe prima..), riunione che vedeva presenta quasi tutta la giunta e anche altri consiglieri comunali. In quell’occasione sono state anche discusse le varie manutenzioni, molto scarse a dire il vero, in questa Via (sfalci, marciapiedi, fossati,  ecc ecc), ma il “Nostro Assessore” affermava che la competenza non era comunale. Devo dire che la cosa mi ha molto deluso. L’Amministrazione Provinciale ha di competenza la sola manutenzione del manto stradale e quindi marciapiedi, pista ciclabile, sfalci e le strade laterali anche non asfaltate con enormi buchi sono comunali. “Gentile Assessore del quartiere…”…dia per favore spiegazioni direttamente, e non deleghi come ha fatto in quella serata nella scuola, non deleghi il Vice Sindaco (..anche quello quasi …. non sapeva dove si trova Via Tisanella… ma si ricordava di quando giocava a calcio qui a Paludo…).

Tutto sommato mi sento di affermare che dopo l’alluvione, e quindi dal 1967, siamo stati rappresentati da alcuni amministratori buoni e anche da alcuni deludenti, in riferimento ovviamente all’interesse per i cittadini, non per i loro…..

Concludo dicendo: “… abbiamo ciò che ci meritiamo…”.

p.s. .. Bacucco….ti faccio notare che il sottoscritto non ha mai fatto politica e nemmeno è iscritto a partiti; il pane e la pensione me li sono guadagnati con 50 e più anni di sacrifici e onesto lavoro…. Grazie – lettera firmata –

Messaggero’s Top Five

Rubrica settimanale delle migliori notizie della stampa locale, dal 7 al 13 ottobre 2012

1° posto: Otorino

Mercoledì sul Mv grande enfasi al reparto di Otorino di Latisana e ai suoi brillanti risultati ottenuti dai validi professionisti, un reparto all’avanguardia della micro chirurgia

2° posto: Punti nascita

Giovedì sul Mv le considerazioni del Sindaco sulla ventilata chiusura del punto nascita di Latisana; anche lui giustamente afferma che Palmanova è più vicina a Udine e che Latisana è vicina a Lignano e Bibione. Lo diciamo tutti da decenni. Sabato sia Gazz che Mv riportano il comunicato del sindaco Fanotto che si dichiara contrario alla chiusura di Pediatria e spiega anche le ovvie ragioni turistiche. Sabato sul Mv la stessa nostra notizia della probabile chiusura il 2 novembre e un intervento di un consigliere comunale che accusa sindaco presente e sindaca passata.

3° posto: Tagliamento

Venerdì sia il Gazz che il Mv riportano la notizia del definitivo affossamento del progetto delle Casse di Espansione, con la vittoria dei Comuni del medio corso e la sconfitta della bassa. Con una sentenza hanno praticamente azzerato tutto il lavoro fatto e i soldi spesi sulle casse; ora si potrà anche concordare sul fatto che le casse erano una soluzione devastante, ma restano in piedi due domande: chi ha fatto le spese con soldi pubblici per la progettazione delle casse e soprattutto ora per Latisana che si fa? Dopo il danno anche la beffa: sabato sia Gazz che Mv riportano le dichiarazioni dei Sindaci “vittoriosi” che ora consigliano anche cosa fare per sistemare la Bassa e il Tagliamento in zona a Latisana, argini e Cavrato. Siamo certi che alla prossima alluvione verranno anche a darci una mano a spalare fango. Certo.

4° posto: Incidenti e strade, e bis

Mercoledì sul Mv l’annuncio dell’intesa stipulata tra Comune e società privata per il ripristino del manto stradale e della viabilità in caso di incidente. Venerdì sul MV la ragazza di 17 anni che è andata a cozzare contro un pullman in Via Bottari Da valutare la dinamica. Forse non ha visto la corriera

5° posto: Wi Fi

Sul Gazz di martedì la notizia che a Latisana, in piazza Indipendenza, c’è la connessione senza fili ad internet, per smart phone e portatili. Il tutto grazie al finanziamento di una banca locale. Mercoledì lo stesso articolo anche sul Mv.

6° posto: Niente Casa di Riposo

Martedì sul Mv un comunicato della minoranza scritto in politichese, che riguarda il Lascito Toniatti, quello Samueli e la Casa di Riposo; viene contestata la scelta della cittadella della salute da otto milioni di euro.

7° posto: Delitto Lignano

Domenica sul Gazz Monsignor Carlo Fant difende la privacy della mamma dei due cubani accusati di omicidio e chiede rispetto per una famiglia che nulla ha a che vedere con il delitto.

8° posto: Premio Buon Samaritano

Martedì sul Mv viene annunciato il premio di oggi alle 17.30 al Polifunzionale.

9° posto: Profughi e droga

Sabato sul Mv cronaca di un tardo pomeriggio movimentato alla Stazione dei treni; protagonisti degli extra comunitari ospiti a Bibione, prima scappati, poi rientrati e poi allontanati. Sempre il Gazz e anche il Mv hanno la notizia di un 55enne arrestato a Latisana perché coltivava marijuana nella golena dell’argine. Pomodori e erba….roba buona forse.

Non Classificate

Ci sono anche le notizie-che-non-ci-sono, ovvero quello che si poteva scrivere e non si è scritto, magari perché non sono notizie o non sono degne di nota o chissacché.

N.C. 1) Avis a Pertegada

Sul Mv domenica l’annuncio dei festeggiamenti Avis di Pertegada di domenica stessa; si festeggia il  45° della sezione che conta ben 240 iscritti.

N.C. 2) Morto Raoul Gobessi

Martedì sul Mv foto e articolo per la scomparsa del medico alpino Raoul Gobessi; era stato medico della mutua a Gorgo e Pertegada.

N.C. 3) Laguna di Marano

Venerdì Mess e Gazz riportano la riperimetrazione dell’area inquinata in Laguna, ovvero solo la zona attorno alla Caffaro. Per anni sono stati buttai via soldi pubblici e abbiamo mantenuto in piedi una struttura di Commissario che praticamente non ha risolto nulla. Anzi no, ha fatto studi e consulenze…..

N.P.  Il Bacucco lettore

La Pagella del Bacucco. Voti con ironia ovviamente. Stavolta anche un po’ incazzato

Voto : 51, 71 e 27

Sono i chilometri tra Udine e Latisana, tra Udine e Lignano e Bibione e tra Udine e Palmanova; non esiste nessuna ragione logica per chiudere Latisana e tenere aperto il punto nascita di Palmanova. Sono solo giochetti politici e i politici di Latisana dimostrano la loro pochezza e lo scarso peso nei confronti della Regione. Ovviamente la colpa è SOPRATTUTTO dei sindaci di ieri e di oggi, ma è anche colpa dei cittadini, inermi, silenziosi e senza voglia di lottare. Siamo messi male

Voto 2

2 novembre, la data scelta per la chiusura del punto nascita. Ironia macabra o stupidità senza limiti?

Voto 8

8 come i milioni di buco della partecipata regionale…………………….

Condividi il post!

PinIt

8 commenti su “cassonetti, paludo, top 5”

  1. Raf ha detto:

    Premetto che sono anch’io contrario alla chiusura del punto nascita a Latisana, ma mi pongo la seguente domanda dopo aver letto il numero di parti a Latisana nel 2011, non sarà mica che le future mamme della zona preferiscano partorire in altri poli ospedalieri tipo appunto Palmanova o San Vito al Tagliamento nonostante la distanza da casa? Qualcuno saprebbe rispondere a questa domanda? Grazie

  2. il_bacucco ha detto:

    ti posso rispondere con i dati 2010. nell’ambito distrettuale di Latisana, ovvero Latisana, Carlino, Lignano, Marano,Muzzana, Palazzolo, Pocenia, Porpetto, Precenicco, Rivignano, Ronchis, San Giorgio, Teor e Torviscosa, sono nati nel 2010 in 466; direi che con circa 500 parti manteniamo tutti i “nostri” e esercitiamo una piccola attrazione. Questo al netto delle ovvie preferenze, ovvero qualcuno va a Udine e da Udine qualcuno viene qui.

  3. Paolo Miotto ha detto:

    Per tutto ciò che accade attorno,dentro,fuori,dall’alto e dal basso, dell’ospedale,trovo azzeccatissima l’ultima frase del signore del paludo,ovvero……..si ha quello che si merita!!!!
    Anni di comportamenti a dir poco ambigui da parte di chi dentro ci LAVORA, hanno portato alla migrazione prima lenta,forse a causa della scarsa emancipazione femminile(patente),poi con numeri decisamente importanti,verso nosocomi dove le persone erano considerate PERSONE e non problemi!!!!!!
    Quello del punto nascita è la prima cosa che verrà tagliata,mi dispiace, ma sembra inevitabile.La ricetta per salvare un pò tutto quanto,sarebbe stata quello dell’inversione di tendenza almeno comportamentale di buona parte dell’ establihsment. Ce n’era il tempo,ce n’è stato anche troppo,sprecato in autoreferenzialità e difese davanti all’evidenza,persino irritanti. Adesso….richiamo la frase dell’inizio “…ABBIAMO CIO’ CHE CI MERITIAMO”.

  4. matteo ha detto:

    Se aspettiamo i politici i problemi non li risolveremo mai… se tutti i genitori, Mamme e figli in prima fila, facessero una bella marcia di protesta dall’Ospedale fino al Comune forse sarebbe meglio, commentare soltanto non basta, bisogna fare una protesta vera!!!
    Nessuno che organizza? Movimento 5 Stelle, questa è la tua occasione per dimostrare di voler cambiare le cose…

  5. daniele ha detto:

    come mai la cittadinanza di sabbionera non avra’ nessun incontro nel proprio rione come succedeva anni fa quando c’era un’assesore……forse perchè quel ex assessore è nello schieramento avverso oppure sabbionera non è bacino di voti per l’attuale maggioranza????Misteri della politica,
    Comunque un sindaco deve essere sindaco di tutti……
    non solo del suo clan…..

  6. Luca C. 77 ha detto:

    Daniele, penso che la “cittadinanza” di Sabbionera, anzi VIA Sabbionera potrà seguire l’incontro proprio a Latisana… penso sia inutile che l’amministrazione faccia un incontro per ogni VIA o rione come da te chiamato, altrimenti bisognerebbe farne uno in zona peep, uno per VIA sottopovolo, uno per VIA Trieste, uno all’Isola Picchi e così via… Pertanto non penso sia così difficile fare 1 km per i concittadini di VIA Sabbionera per partecipare all’incontro e penso che sia un processo alle intenzioni il tuo discorso… Secondo me quindi nulla c’entra che l’ex assessore non sia più in prima linea con l’attuale maggioranza.  (piccola parentesi… ma l’ex assessore…. non è proprio quello che ha girato le spalle alle sue coalizioni e si è iscritto con l’attuale coalizione di maggioranza??? Io mi preoccuperei di più e mi sentirei più deluso dell’ex assessore che ha abbandonato i suoi, piuttosto che capire perché VIA Sabbionera non ha un incontro tutto per se… 
    Il Sindaco è Sindaco di tutti quando non fa, appunto, distinzioni tra frazioni e zone del Suo/Nostro Comune… e facendo incontri in tutte le zone non capisco a questo punto perché VIA Sabbionera -adiacente al centro cittadino- debba avere un suo personalissimo incontro. Sembra quasi che Sabbionera sia una zona completamente a se stante. 
    Secondo me, il Sindaco è “Sindaco del Comune di Latisana” e senza distinzioni di zone, vie di serie A o serie B. Se fosse come dici tu – Sabbionera non è bacino di voti – allora il Sindaco avrebbe fatto un incontro solo per voi! Ma, penso, anzi ne son sicuro, la buona fede del Sindaco, non gli ha fatto pensare “non è bacino di voti” quindi “non vado lì”, anzi, magari se lo avesse pensato avrebbe potuto proprio fare il contrario. Quindi con questo mio ragionamento, sono ancor più convinto che il Sindaco è Sindaco di tutti, indistintamente)
    Mandi. Luca C.

  7. daniele ha detto:

    non voglio far polemiche con nessuno, non è nella mia indole, vorrei fare solo delle piccole precisioni, sabbionera oltre ad essere una via è un rione popolato da molta gente, poi quello che mi sembra strano è che ci sono stati molti incontri dall’amministrazione comunale presso la casermetta degli alpini per svariati temi da presentare alla comunita’ e di punto in bianco ci si dimentica di un rione così popolato.
    ognuno trae le proprie conclusioni, ed è giusto che sia così, ma purtroppo quando si iniziano degli incontri in un luogo, e poi non se ne fanno piu’, fa pensare a molte cose.
    La politica purtroppo è questa.
    Cari saluti

  8. Ernesto ha detto:

    A Daniele: l’hai detto tu che le riunioni si facevano quando c’era l’assessore. Ti sei risposto da solo del perchè adesso non si fanno più. Le hanno fatte fin che faceva comodo a qualcuno. Io condivido in pieno il pensiero di Luca C. 77.

I commenti sono disabilitati.