Casta e tagli; UDC

{jcomments on}Casta e tagli 1°


Parliamo di crisi e tagli in salsa latisanese; prendiamo spunto dalla dichiarazione del capogruppo del PdL in Regione, Daniele Galasso, perché è stato eletto proprio a Latisana. Egli afferma che non si possono ridurre i consiglieri regionali da 60 a 30, come prevede il decreto e elenca una serie di (patetiche) motivazioni e giustificazioni. Mancano infermieri, maestre, guardie carcerarie, bidelle, manca personale ovunque e lui Daniele Galasso dice che 30 consiglieri regionali sarebbero troppo pochi. Forse ha paura di non rientrare in quei 30…..mister simpatia e consenso popolare. Vediamo di fare dei numeri, inoppugnabili.

  1. Friuli Venezia Giulia, abitanti 1.250.000, consiglieri regionali 60
  2. Abruzzo, abitanti 1.350.000, consiglieri regionali  45
  3. Marche, abitanti 1.565.000, consiglieri regionali 43
  4. Liguria, abitanti 1.617.000, consiglieri regionali 40
  5. Veneto, 5.000.000 di abitanti, consiglieri regionali 60 (come noi)

Allora o gli altri lavorano di più e meglio o Daniele Galasso dice cose indifendibili.

Casta e tagli 2°    (leggi tutto, clicca)



 

Poi c’è la nostra ex sindaca Micaela Sette. In questo periodo di tagli e tasse certe notizie, ancorchè perfettamente legali e generalizzate, valide cioè in tutta Italia, fanno un certo scalpore. Alla nostra ex Sindaca (come a tutti gli ex dal 2003), verrà corrisposta la indennità di fine mandato, una sorta di liquidazione, un TFR politico amministrativo, che ovviamente non subisce i tagli e i ritardi di tutti gli altri statali. Si va all’incasso immediato. Quanto? Abbiamo cercato le tabelle regionali, e crediamo di aver trovato quella giusta, che si riferisce allo stipendio da Sindaco di un libero professionista: 3.906 euro mensili; la indennità va calcolata in ragione di un mese ogni anno di mandato, e quindi, se non andiamo errando, 39.060 euro. Una bella sommetta.
Normativa: La citata legge regionale 13/2002 ha inoltre previsto, al comma 12, dell’articolo 3, la possibilità, per i consigliere provinciali, di richiedere la trasformazione del gettone di presenza in indennità di funzione.  Infine con l’articolo 2, comma 3, della legge regionale 30 aprile 2003, n. 12, è stato introdotto, anche nel nostro ordinamento regionale, l’istituto dell’indennità di fine mandato per i Sindaci ed i Presidenti di Provincia, già vigente nell’ordinamento statale.  E’ previsto un aggiornamento triennale delle indennità: l’ultimo aggiornamento è stato deliberato con atto giuntale n. 1087 del 13/05/2005.

Latisana e Udc

Il Mv di lunedì riepiloga la situazione del partito di Casini a livello regionale e qualche riflesso c’è anche su Latisana; il partito è spaccato in due, con la componente del genero di Casini Fabrizio Anzolini che guarda al Terzo Polo e quella del chiacchierato Angelo Compagnon che guarda a Berlusconi e al governo e attualmente sta in Regione ed anche in Provincia. A Latisana le due anime sono rappresentate da Antonio Dalla Mora (filo Terzo Polo) e da Daniela Lizzi (filo governativa); il primo è presidente dell’Ascom e parecchio critico contro il palazzo di Latisana, la seconda è assessore alle finanze della nuova giunta. Dell’Udc fa parte anche il vicesindaco Angelo Valvason, e qualcun altro di cui mi sfugge il nome. A Settembre si prevede il congresso regionale e vedremo quale sarà la linea vincente.

Condividi il post!

PinIt