città della salute, premio latisana nord est, casa dell’acqua

Dalla Consigliera Comunale delegata alla Cultura riceviamo e volentieri pubblichiamo

cerimonia dicembre 2012...le persone all'Odeon

cerimonia dicembre 2012…le persone all’Odeon

Gentile redazione, intervengo personalmente perché è la seconda volta che parlate in modo poco gratificante del Premio Letterario “Latisana per il Nord Est”, un premio che, al suo 20° anno, si è conquistato sul campo  l’apprezzamento di tutta la critica del Triveneto e la notorietà anche nei  Paesi limitrofi della Slovenia, Croazia e Austria. Non è vero che è un premio non sentito dai latisanesi perché a dicembre nella  cerimonia di chiusura, il premio ha superato la prova Odeon con una presenza di  circa trecento persone, molte delle quali provenienti da Udine, da Portogruaro  per conoscere da vicino il vincitore Aloiz Rebula, il più grande scrittore  della Slovenia. Presente pure il braccio destro del Ministro della Cultura della Slovenia S.  Gabershek che, appena rientrato a Lubiana sotto una tempesta di neve, mi ha  telefonato per congratularsi con l’Amministrazione Comunale per aver creato un  premio culturale non patinato, non preconfezionato, come tanti in Europa, ma un  evento di cultura vera, di qualità. Della validità del nostro Premio Letterario si è accorta anche la Regione che,  per la prima volta, ha dato un discreto contributo che altrimenti sarebbe  andato ad alimentare altri eventi culturali importanti regionali. I latisanesi, compreso Lei caro “bacucco”, dovrebbero essere orgogliosi di  questo evento che ha costato tanta fatica a chi ha veramente creduto in esso. Prima di criticare bisognerebbe conoscere, essere presenti, ai vari  appuntamenti del Premio che va incentivato e soprattutto promosso dalla stampa  locale. Augurandole un buon lavoro di corretta informazione Le giungano i miei più  cordiali saluti

Il Consigliere delegato alla Cultura – Lauretta Iuretig

n.d.b. Ero presente all’Odeon, come ero altresì presente alle altre cerimonie in Municipio, e confermo la mia opinione. Del resto è la mia opinione e vale uno, come quella di tutti. Confermo che, parlando con la gente, avverto la sensazione di un Premio poco sentito dalla popolazione, e confermo la mia sensazione di Premio autocelebrativo, un po’ come tutti i premi. Sono orgoglioso di avere una latisanese famosa in giro nel Mondo (Rosy Braidotti) che purtroppo nessun premio latisanese ha mai celebrato, sono scarsamente orgoglioso di questo premio, ma ovviamente è un mio difetto. A proposito del finanziamento regionale, ci risulta che la spesa per il Premio sia stata inferiore, di molto, al discreto contributo regionale: potrebbe cortesemente illuminarci su come sono stati spesi gli altri soldi? Grazie

Casa dell’acqua  — segue  — clicca  —

Si inaugura, quella di Pertegada e della Coop, ecco la locandina

casa acqua

Niente incontro?

Il discusso e dibattuto tema della Città della Salute, con il Comitato Toniatti che ha raccolto una valanga di firme, doveva essere affrontato pubblicamente lo scorso 5 aprile. Almeno così era scritto sul periodico distribuito dal Comune prima che qualche manina incollasse sopra un adesivo blu. Poi ci avevano detto (e noi scritto) che l’incontro con la popolazione doveva esserci il 28 scorso. Nulla di tutto ciò. Le elezioni regionali, con la scomparsa dei referenti di partito del Sindaco, sembrano aver raffreddato tutto. Vuoi vedere che la Città della Salute resterà….che ne so Chianciano? Arta Terme? Fiuggi?……e basta??

Condividi il post!

PinIt

2 commenti su “città della salute, premio latisana nord est, casa dell’acqua”

  1. ALEX ha detto:

    Spett.le portale di Latisana,
    leggendo commenti e critiche non sono riuscito a trattenermi nell’esternare anche un mio commendo legato al discusso premio letterario promosso dall’assessorato alla cultura.
    Io da Latisanese a volte mi vergogno nel vedere lontano i miei concittadini da tutti gli ambiti culturali, tutt’altro lontani invece quando si tratta di fare baldoria negli stand di vino e birra del settembre latisanese. Con ciò non voglio screditare l’importanza del settembre latisanese, ma vorrei fare presente che i latisanesi vanno riavvicinati al mondo della cultura, e credo che il premio letterario sia cosa buona per dare un po’ di attenzione e stile alla nostra città, la quale non si deve distinguere solo per le feste,
    Personalmente sono stato presente alla premiazione e l’ho trovata molto interessante e ricco di contenuto e vi erano tanti ragazzi delle scuole superiori molti dei quali, in via di diploma hanno trovato pure degli spunti per le loro tesine di maturità, tanto ché osservandoli, notavo che prendevano appunti.
    A questo discorso vorrei aggiungere che a Latisana vi sono anche altre associazioni culturali che grazie al sostegno dell’assessorato alla cultura, hanno potuto realizzare progetti culturali di elevato livello, come: INCONTRO CON LA MUSICA SACRA 1° edizione, LA PASSIONE DI CRISTO in Duomo, il Concerto del prossimo 2 GIUGNO con le sinfonie di Giuseppe Verdi ed ecc. Tutti progetti affidati alla nuova orchestra a fiati San Paolino di Latisana in collaborazione con l’assessorato alla cultura.
    Concludo alla luce di questi risultati che dal mio punto di vista, il lavoro della Consigliere Lauretta Iuretig con delega alla cultura è stato eccezionale, in quanto ha sempre accolto e sostenuto tutte le proposte culturali valide a lei presentate senza fare preferenze, con lo scopo di fare crescere il capitale culturale della nostra citta.
    Pur non mancano mai gli incontentabili e sempre pronti a criticare tutte le iniziative valide, credo che sia ora di aprire gli occhi e iniziare apprezzare le cose belle e positive che abbiamo a Latisana che non sono poche.
    Vi saluto e vi ringrazio per l’attenzione.

  2. valerio ha detto:

    Premio letterario: la foto della sala dice tutto sull’ “entusiasmo” della popolazione…

I commenti sono disabilitati.