comitato, paperopoli, messaggero top 5 e bancomat

Attacco al Bancomat nella notte

Tra venerdì e sabato doppio attacco ai bancomat a Aquileia e a Latisana; la esplosione di Aquileia ha distrutto tutta la stanza, mentre è andato a vuoto il tentativo allo sportello dell’Ospedale di Latisana, sventato da passanti e dai carabiniei.

Messaggero’s Top Five

Rubrica settimanale delle migliori notizie della stampa locale, dal 29 settembre  al 5 ottobre 2013

top five messaggero latisana

1° posto: 500.000 euri

Sia Gazzettino che Messaggero dedicano ampio spazio alla fortunata vincita di 500.00 euri fatta a Pertegada, bar Poianella; giocati soli 2 euri; estrazione abbinata a Capitan Fortuna, 27 in tutta Italia. Bene. Che culo!.

2° posto: Tares

Martedì sul Messaggero leggiamo del ritardo della consegna delle bollette Tares, che comunque stanno arrivando e per fortuna leggiamo anche le dichiarazioni del Sindaco che annuncia nessuna mora per il ritardo. Meno male

3° posto: Agenzia delle Entrate

Venerdì sia Mess che Gazz parlano della imminente, salvo contrordini, chiusura dell’Agenzia delle Entrate; il sindaco è venuto a saperlo dalla stampa, leggiamo (wow complimenti per l’alta considerazione…)

4° posto: Studenti a Roma

Venerdì sul Mess foto degli studenti e di Iuretig e Beltrame in visita a Roma al Quirinale per il corto dedicato a Giulietta e Romeo.

5° posto: Rsa

Sabato sul Messaggero intervista ai portavoce del Comitato Toniatti che anticipano quanto diranno alla Regione, ovvero investire i soldi nel vecchio padiglione per ristrutturarlo

6° Posto: Teatro

Sanato sul Gazzettino si parla di Teatro in Regione, e c’è anche il capitolo dedicato a Latisana

7° Posto: Corsi per stranieri

Giovedì leggiamo sul Messaggero dei corsi di lingua Italiana per stranieri; giovedì 24 al Polifunzionale riunione preparatoria.

8° posto: Consiglio Comunale

Domenica viene annunciato sul Messaggero, con la ricerca di fondi nel bilancio a causa tagli e riduzione entrate. Sabato sul Gazzettino c’è l’articolo di Valvason che illustra i lavori previsti per la Piazza di Pertegada.

Non Classificate

Ci sono anche le notizie-che-non-ci-sono, ovvero quello che si poteva scrivere e non si è scritto, magari perché non sono notizie o non sono degne di nota o chissacché.

N.C. 1) Furlan

Sabato sul Messaggero in prima pagina gustosa battuta in friulano sulla chiusura dell’Agenzia delle Entrate

N.C. 2) Sorridi ancora

Giovedì sul Messaggero la questione delle sale e delle sedi del Polifunzionale; dopo Una Mano per Vivere, convocata anche l’Associazione Sorridi Ancora, che provvisoriamente resta, in attesa di trovare alter soluzioni. Stilato sul giornale anche un elenco delle varie realtà locali.

N.C. 3) Teatro

Mercoledì sul Messaggero cronaca della presentazione in banca della stagione teatrale dell’Odeon.

N.P.  Il Bacucco lettore

.. e a Paperopoli che si dice?

Sabato sul Gazzettino troviamo l’articolo del Vice Sindaco e Assessore ai LLPP che illustra i primi interventi sulla Piazza di Pertegada; si tratta acquistare l’ex Cinema e demolirlo. Questa giunta ha già fatto demolire la ex Caserma Radaelli e ora tutta l’area è abbandonata;  ha fatto demolire la ex Caserma dei Vigili del Fuoco e ora i volontari sono ospitati nel Magazzino, poi tra le prime opere relative alla Città della Salute si parla di acquistare una casa, e di demolirla, per farne viabilità e parcheggi….

paperino giunta demolisce

Pertegada. La settimana scorsa a Pertegada hanno vinto 500.000 euro al concorso legato al Superenalotto; giovedì hanno deciso di ampliare la Piazza di Pertegada e come prima cosa acquistano un terreno privato per 90.000 euro…..

grlilo parlante pertegada

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Lascito Toniatti

Dichiarazioni del  portavoce del Comitato Toniatti. COME TROVARE 7.000.000€ DA INVESTIRE PER RISTRUTTURARE IL VECCHIO OSPEDALE .  Ricominceremo l’attività del Comitato cercando di fare chiarezza e informazione su alcuni aspetti della vicenda “Cittadella della salute”, soprattutto su alcune questioni economiche che nessuno ha evidenziato fino ad ora.

Sono aspetti che interessano tutti quei Cittadini che non vogliono, soprattutto in questi periodi di ristrettezze, che i loro soldi siano sprecati dai burocrati e dai politici, questi aspetti li evidenzieremo anche alla Regione per quel che le compete.

Ad esempio nessuno dice che l’ASS5 potrebbe da subito avere disponibili 7.000.000€ da investire per continuare la ristrutturazione dell’Ospedale, in particolare per destinarli alla bonifica e il recupero della parte vecchia degli edifici.

Dove sono questi soldi?

Semplice: ci sono i 3.000.000€ che la regione dovrebbe dare al Comune per la inutile “Cittadella della salute” e ci sono altri 3/4.000.000€ che potrebbero essere  tirati fuori dalla stessa ASS5 visto che, così dice il suo Direttore, l’Azienda sarebbe disponibile a pagare 230.000€  di affitto all’anno per 18 anni per i locali della “Cittadella”.

Come si vede non si tratta di “spiccioli e la loro somma è appunto di quasi 7.000.000€ , che invece di essere sprecati in inutili progetti e in affitti, potrebbero essere meglio investiti tutti  nel recupero dei fabbricati e dell’area dell’Ospedale vecchio, dove, se vogliono, potrebbero realizzare un’altra RSA e anche quegli inutili uffici tano cari a qualcuno.

Ovviamente a questi  sette milioni andrebbero aggiunti anche  quelli che si risparmiano non chiudendo l’attuale Hospice per farne un’altro fuori dall’Ospedale,

Se con buonsenso si facesse così, non si sprecherebbero i soldi pubblici e quelli del lascito Toniatti nell’astruso progetto della “Cittadella della salute”.

Soprattutto ognuno farebbe il proprio mestiere senza inutili e costose confusioni di ruolo:

l’ASS5 quello di fornire i servizi sanitari che per obbligo deve dare e il Comune farebbe il suo realizzando assieme all’ASP una nuova casa di riposo, la più evidente necessità futura per gli anziani latisanesi.Pitacco Pietro

Condividi il post!

PinIt

Un commento su “comitato, paperopoli, messaggero top 5 e bancomat”

  1. Paolo Miotto ha detto:

    Oltretutto, si potrebbe pensare di sviluppare all’interno dell’ospedale un reparto di maxillo-facciale, per le cure dentistiche, ovvero,la vecchia cassa mutua, dato che questo servizio è stato dato in toto in pasto ai privati!!!!!!Pensare di avviare un reparto,assumendo un primario,3 o 4 medici con infermieri e impiegata per gli appuntamenti,uno o due meccanici dentisti per le protesi,sarebbe una cosa deleteria? Per me no, dato che la gente sarebbe ben contenta di pagare un tiket,adeguato alla spesa,senza dubbio concorrenziale rispetto alle tariffe dei dentisti privati.

I commenti sono disabilitati.