cronaca dal veneto (sindaco), criminalità, piove e proteste

Piove. Riceviamo e volentieri pubblichiamo

l'auto soccorsa dal fotografo, a bordo della sua audi... Piero Facchini

l’auto soccorsa dal fotografo, a bordo della sua audi… Piero Facchini

Martedì 10 settembre ore 21.00 pioggia, pochi minuti allagata tutta la via Beorchia dal civico 36 in poi. Non è la prima volta, che i miei genitori che abitano al civico 38 sono con i piedi a mollo, già nel maggio 2007, nel settembre 2012 e ieri 10 settembre 2013 bel record di pediluvi!!!!!!!. Iniziamo con ordine, alle 21 chiamo il 115 dei vigili del fuoco chiedo aiuto sono sotto acqua da una quarantina di cm. Alle 22 arrivano da Codroipo una squadra dei vigili del fuoco che mi aiutano con una autopompa a togliere l’acqua che aumenta sempre di più tra la mia abitazione e quella dei miei genitori. Fognature invece di ricevere mandavano indietro tutto potete immaginare cosa!. dopo due ore alle 24 sembra tutto risolto, devo ringraziare i vigili del fuoco di Codroipo che si sono prodigati. La polemica non è costruttiva questo lo sappiamo, ma qualcuno deve dirmi cosa succede ogni volta che c’è un acquazzone!, chi è responsabile?. Ogni volta non si sa cosa sia successo: la pompa non parte, salta la corrente, sporca la griglia, bla!! bla!! bla!!,così ogni volta la stessa solfa. Ho deciso di valutare una eventuale azione legale, visto che anche le ferrovie dello stato scaricano dalla massicciata che confina con Via Beorchia tutta l’acqua dei binari tramite i bocchettoni che si trovano sulla stessa, che svuotano verso le abitazioni migliaia di metri cubi d’acqua!. Non voglio farla lunga ma i soldi stanziati nel 2007 e nel 2008 che si aggirano sul 1,5 milioni di € dove sono finiti visto che nulla e cambiato?. Un saluto nuovamente ai pompieri di Codroipo e un grazie da parte mia e dei miei genitori per l’aiuto GRAZIE. Antonino Mauro via Beorchia 36 Elio Mauro via Beorchia 38

Piove e la gente si incazza

Segnalazioni e foto, lamentele e parolacce, inviti ad andare e rimanerci…. Abbiamo letto di tutto sui social martedì sera e anche mercoledì mattina. Le foto pubblicate ieri (grazie Piero) sono eloquenti: sono bastati pochi minuti di pioggia intensa per allagare le solite zone. Appunto.. LE SOLITE ZONE!! Ora c’è da chiedersi se davvero in Comune esista una programmazione, se esista una Protezione Civile capace di proporre e promuovere interventi, se esista un Assessore capace di risolvere le situazioni. SONO SEMPRE LE STESSE ZONE!!! Anche questa volta, come le altre volte, la Protezione Civile Regionale aveva emesso un allerta meteo eppure, guarda caso, il sottopasso di Paludo è andato in tilt e a tirar fuori la macchina ci ha pensato un privato.

TUTTO QUESTO E’ INCONCEPIBILE

Non si tratta di un evento straordinario, se si ripete sempre e sempre negli stessi posti.

E’ ORA DI FINIRLA ed è ora che qualcuno si assuma le proprie responsabilità; possibile che non  sia mai colpa di nessuno se non di Giove Pluvio??

E’ ORA CHE QUALCUNO DIA LE DIMISSIONI ed è ora che questa classe amministrativa, non sappiamo se politici o funzionari, paghi per errori che sono sotto gli occhi di tutti.

OGNI VOLTA CHE PIOVE LE STESSE ZONE VANNO SOTTO ACQUA

Basta, basta pensare a cavolate come le rotonde e le piazze e le caserme e le cittadelle: DOVETE METTERE IN SICUREZZA I CITTADINI E DOVETE IMPEDIRE CHE QUESTO ACCADA.

OPPURE DOVETE ANDARE A CASA!

Stalla e buoi

Sappiamo che ieri, mercoledì, in Comune c’è stata una riunione e probabilmente leggeremo sul Messaggero delle promesse e delle scuse e di altre cavolate varie. Direi che  è ora di incazzarsi molto, senza regalare più pazienza. Non si possono sempre chiudere le porte dopo che i buoi sono scappati ed è inutile che tirino fuori argomenti pretestuosi. Basta.

Criminalità

Riceviamo e volentieri pubblichiamo; se qualcuno ha altre notizie e/o segnalazioni, lo invitiamo a mandarcele

Da Marco:   Caro Bacucco, volevo sapere come mai non hai scritto nulla sugli ultimi episodi di criminalità avvenuti a Latisana, mi riferisco alla rapina di giovedì sera ai danni di un 50enne in via Vittorio Veneto, che è stato aggredito e malmenato da 4, se non di più, ragazzi stranieri che gli hanno sottratto il portafogli, ed alla rissa di domenica sera in centro tra rumeni e albanesi… Visto l’aumentare della criminalità nel nostro comune, ogni giorno ci sono furti e aggressioni, che fanno le forze dell’ordine? E le autorità, fanno  finta di niente???   Saluti, Marco

Corso di lingue, ecco l’avviso

corso lingua

Anche la cronaca, da Sudtv.it, copiamo e riportiamo

http://sudtv.it/webradio/nubrifagio-tra-san-dona-e-latisana-sindaco-salva-tre-automobilisti/

Nubrifagio tra San Donà e Latisana, sindaco salva tre automobilisti – Scritto da: tatonno 2 ore ago  in Attualita’ Inserisci un commento

SAN DONA’ – Il Veneto orientale e la zona di Latisana sono finite sott’acqua ieri sera a causa di un violento nubifragio. Particolarmente colpite le zone di San Donà, Musile, Torre di Mosto e Concordia Sagittaria dopo l’acquazzone che si è scatenato verso le otto di sera. Decine le richieste di soccorso: i Vigili del fuoco sono stati impegnati in una cinquantina di interventi per liberare strade e garage invase dall’acqua piovana che è caduta con grande abbondanza nel giro di un’ora.   La situazione più critica si è verificata a Calvecchia, in periferia di San Donà, dove il supermercato Ipercoop è stato fatto evacuare verso le 20.30 a causa delle forti infiltrazioni d’acqua. Il sindaco e l’assessore di Latisana hanno soccorso e salvato nella notte tre automobilisti rimasti intrappolati in un sottopasso invaso dalla pioggia abbondante caduta, oltre 90 mm in un’ora e mezza. I tre automobilisti di Aprilia Marittima, sono stati sorpresi dall’onda in località Paludo e sono stati costretti ad abbandonare l’auto. I primi a soccorrerli sono stati il sindaco della cittadina, Salvatore Benigno e l’assessore Geremia Milo, che dall’inizio dell’emergenza hanno battuto il territorio. I problemi degli allagamenti hanno toccato principalmente il centro cittadino. «Il canale Latisanotta è riuscito a raccogliere molta acqua – afferma l’assessore Benigno -, ma bisognerebbe aumentare la capacità allargando il collo di bottiglia per l’attraversamento della ferrovia». Non desta preoccupazione, invece, il livello del Tagliamento. Problemi e allagamenti si sono registrati anche in diversi altri centri della Bassa friulana. La nuova ondata di maltempo ha provocato altri disagi, fra Udine e la Bassa. Una pianta è crollata su una tettoia a Villa Primavera. Allagamenti anche a Pradamano, dove sarebbero state chiuse via Baldasseria e un sottopasso. Flagellata la Bassa: circa 60 gli Sos ai pompieri, intervenuti a Latisana in via Risorgimento, Annia, Beorchia, Trieste. Una ventina gli interventi a Latisana della Protezione civile, che ha anche soccorso un padre e i suoi due figli stranieri, rimasti intrappolati nel sottopasso della ferrovia.  Anche nella provincia di Trieste ci sono stati problemi e alcune vie cittadine ieri sera sono state temporaneamente chiuse a causa degli allagamenti dovuti a un nubifragio che si è abbattuto nella tarda serata di ieri. Anche a Trieste, si sono registrati interventi dei pompieri per svuotare scantinati. La colonnina di mercurio è scesa in tutta la regione: nel capoluogo segna 18° e sul monte Lussari – 1°. Oggi sono possibili nevicate sulla fascia alpina oltre i 1800-2000 m, probabilmente più abbondanti sulle Alpi Giulie. Domani, i meteorologi prevedono che la quota neve si abbasserà a 1600-1800 m.

Condividi il post!

PinIt

4 commenti su “cronaca dal veneto (sindaco), criminalità, piove e proteste”

  1. zaimen ha detto:

    risse e rapine…..
    il cinquantenne è stato portato in ospedale … ha punti dietro l’orecchio ed ematomi sparsi essendo stato atterrato a forza dalla bici in via vittorio veneto tra il panificio e l’ex oreficeria all’ uscita della corte interna chiusa da una sbarra … e buia come i peggiori vicoli da film, ma qui il problema di base non è certo il buio; il nome non lo riferisco mi limito alle iniziali che forse sapete già P.B. Per quanto riguarda la rissa in piazza Garibaldi per la precisione sulla salita all’argine della medesima è accaduta durante il concerto quindi nel pieno della festa… ombrelloni usati come clave e sedie volanti avvistate… non ci siamo fatti mancare nulla.
    Latisana verso il degrado urbano sulla scia del nostro ex belpaese, se non altro siamo in linea con gli altri su qualcosa (sic)

  2. Adriano ha detto:

    L’ ennesimo allagamento di Via Trieste a Latisanotta , l’ ha trasformata nella “via dei Pali Storti” ogni risalita d’ acqua fa cedere le gia’ precarie fondamenta dei pali dell’ illuminazione Pubblica con rischi Reali alle persone…. ebbene questa volta 4 pali nei pressi del Canalone sono letteralmente CROLLATI ! speriamo che cio’ faccia riflettere un po’ ….
    A presto per altre novità

  3. Elisabetta ha detto:

    Buongiorno,
    esattamente come nel 2007, anche martedì sera in Borgo Aurora l’acqua ha raggiunto un livello tale (circa mezzo metro) da dover ricorrere all’intervento dei Vigili del fuoco.
    Le fogne non ricevevano, la statale era allagata. L’acqua ha allagato l’ingresso del condominio nel quale viviamo, le macchine parcheggiate sono state letteralmente sommerse.
    In sei persone abbiamo dovuto arrangiarci con mezzi di “fortuna” (secchi, aspirapolveri,..) per evitare il peggio.
    Dopo l’arrivo dei Vigili del Fuoco (gentilissimi), le idrovore hanno FINALMENTE iniziato a funzionare e la situazione è rientrata.
    Nella mia ignoranza mi chiedo, quindi, perchè non sono state messe in funzione fin da subito. Avremmo evitato danni e fastidi inutili. Proprio come nel maggio del 2007.
    Passa il tempo, ma non si vede nessuna soluzione seria.E mi chiedo perchè.
    Elisabetta

  4. Maurizio ha detto:

    ma cos’è tutta questa confusione?! Non avete letto l’articolo di oggi di Paola Mauro sul MV?? Dopo 4 colonne in cui elenca nubifragi, strade chiuse, allagamenti, disastri, strade come fiumi …conclude dicendo “…ma non appena ha smesso di piovere l’acqua è defluita veloce, a conferma dell’efficacia dei lavori di potenziamento della rete…” che tradotto significa “continueremo ad andare sott’acqua ma giusto il tempo della durata del temporale!!!” Wow!!

I commenti sono disabilitati.