Di cosa ha bisogno Latisana? Di un Museo!

Ecco la Stazione Ippica diventa Museo o speriamo anche altro

Si chiama “Centro Museale della cultura friulana” e il fatto che sia un “centro” e non una periferia, deve autorizzarci a pensare che Latisana sarà molto meglio del Museo Territoriale della Bassa friulana di Torviscosa, del Museo della Civiltà contadina nel Friuli Imperiale di Aiello del Friuli, del Civico Museo Storico di Palmanova, del Museo della vita contadina di Fagagna per citarne solo alcuni, una minima parte di quelli esistenti in Regione. Quindi pare scontato che i cittadini Latisanesi vogliono avere un museo e sono disposti a spendere circa 800 milioni delle vecchie lirette per realizzarlo, recuperando la vecchia Stazione Ippica che


si trova proprio di fronte alla Stazione Ferroviaria. Ottenuto un generoso contributo da parte della Regione (l’accoppiata Micaela Sette – Daniele Galasso funziona alla grande) la giunta ha quindi deliberato il rifacimento totale della vecchia struttura appunto per 480 mila euro. La struttura verrà allargata sui lati brevi con due scale e un ascensore, al piano terra sale e stanze e al primo piano servizi igienici; all’esterno tre pensiline a protezione dei tre accessi. La domanda è: se ne sentiva il bisogno? Serve a qualificare il paese? Difficile dare una risposta, anche perché obbiettivamente se non si fa nulla si viene criticati perché non si fa nulla, se si fa vengono contestate le scelte: è difficile mi rendo conto. L’importante è fare economia e muovere lavoro, poi, sull’utilizzo e sulla fruizione, c’è tempo per discutere. Solo proteste quindi? No ecco la proposta: va bene un Centro…ma che guardi al presente e al futuro e non al passato, un Centro che godendo della ottima posizione tra parcheggi, treni e corriere e grande via vai turistico soprattutto estivo, possa essere il moto e il punto centrale del turismo della Riviera Friulana, informazioni e percorsi, elenchi di cantine e agriturismo, luogo di noleggio biciclette magari dotate dello stesso sistema delle T.A. BIKE ( lo conosce vero Assessore al Turismo??), punto di noleggio di veicoli elettrici per visitare la zona senza inquinare e entrare nella piazza chiusa al traffico (forse), distributore di mappe, carte e schede, e che sia di supporto al moribondo percorso Vino e Sapori che resta una buona idea se gestita bene, ma …basterebbe …gestita. Un centro, insomma, che sia degno del ruolo turistico comprensoriale di Latisana. E’ chiedere troppo di guardare avanti? La Riviera Friulana cerca la sua capitale, Latisana potrebbe esserlo e questo Centro la sua sede.

Il Bacucco con la TA BIKE

Condividi il post!

PinIt