dov’è, bunga bunga, locasi, cena a tema, aprilia marittima, luci a paludo, biciclette

{jcomments on}Latisana, brevi, utili…. e anche no

Dov’è?  ( ..e soprattutto perché è messo così male….?)

Manca la luce



 

La illuminazione pubblica di Paludo, almeno nel primo tratto, e questo ormai da un paio di settimane. Il Comune di Latisana ha affidato alla ditta Sinergie Spa di Pordenone la gestione di tutta la luce pubblica e l’ufficio dei Servizi Tecnologici altro non può fare che segnalare il guasto ed inviare solleciti. Così è stato fatto  il 10 ed anche il 24 ottobre. Stanno cercando di risolvere il guasto, ci è stato assicurato. ….”Sinergie….. vediamo di darci una mossa……rapida!”

Il piatto piange

Mancano soldi alle casse comunali, lo avevamo già riferito, soprattutto per multe e parcometri. Detto e fatto: ieri la polizia era attiva sia a Paludo (radar) sia in Piazza Indipendenza (ticket).Occhio a come guidate e dove parcheggiate.

Bunga Bunga

Ora è anche un orologio; gli emuli di Berlusca e dei suoi ospiti possono fregiarsene acquistandolo da Photoservice in Via Rocca. Ogni 10 orologi,una serata con una dell’Olgettina. Forse.

Locasi

Lo avevamo notato anche noi, ma la cosa ha colpito più di uno. Locasi invece do affittasi: segno di grande cultura o di cartello vecchio di decenni. Il vero problema è che un posto così bello e grande (sotto il Municipio, dove c’era la Cartoleria Cigaina) ancora vuoto, la dice lunga sulla crisi del commercio latisanese. Lo abbiamo già detto, non serve rifare “I Negozi Amici” se prima non si aprono negozi! A proposito, un negozio in zona….Piazza….. verrebbe affittato a….2.500 euro circa mensili: non è poco vero?

Biciclette nascoste

Da gennaio il negozio di biciclette ex Stefani si sposta, in zona Via Risorgimento; oggi svendita e promozione, domani altra vetrina vuota. Speriamo che qualcuno sostituisca le due ruote con altre attività.

Cena a tema….. nella notte di halloween! 

Lunedì 31 ottobre all’ Osteria al Castello di P.le Osoppo cena della vigilia; il menù:  antipasto con salumi regionali, bis: con crespelle alla zucca ripiene con ricotta della malga carnica e tagliatelle ai funghi porcini; bis: coscia di capriolo al forno e arista di maiale al forno con ripieno di speck e formaggio; contorni a base di funghi e verdure fresche.

Aprilia Marittima

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Convegno “Lo sviluppo del polo della nautica da diporto”.  Il nascendo Centro servizi per la nautica da diporto progettato dall’amministrazione comunale di Latisana può concretamente trasformarsi in “torre di controllo per monitorare ad ampio raggio lo specifico settore, dalla progettazione al rimessaggio, da Venezia fino alla Slovenia e oltre”. Lo ha affermato ieri ad Aprilia Marittima, in occasione di un tavolo promosso dal Municipio di Latisana, il direttore operativo del Distretto Ditenave, Sergio Bisiani. “È fondamentale fare massa critica per diventare più forti e competitivi. Nel Polo che sorgerà sul sedime della ex-Radaelli opererà non solo un ufficio di Ditenave ma farà riferimento pure un gruppo di imprese coordinate, raggruppate in un piano pilota unico, al momento, in FriuliVg”. Bisiani ha invitato gli operatori del comparto del comprensorio (rappresentati al convegno anche da Francesco Reboldi di Confartigianato) a creare una filiera solida fin da subito, organizzando quindi la nascente nuova zona artigianale a nord di Aprilia in maniera economicamente sostenibile, ad esempio progettando spazi per uso comune e acquistando mezzi e strumenti costosi in unica soluzione, da utilizzare insieme. Come Ditenave, anche il presidente del Bic-Incubatori di aziende Fvg del Gruppo Friulia, Lino Vattovani, ha ribadito la ferma volontà a partecipare all’innovativo progetto: “nell’area ex-Radaelli sono disponibili 3mila metri quadrati, uno spazio vasto, invidiabile: con le nuove tecnologie sarà possibile incubare nuove imprese e, con Bic Fvg, dare la fattiva possibilità alle nuove idee di essere concretizzate, anche grazie a fondi “mirati”, tra cui quelli anticrisi”. Per Vattovani, studi e indagini di settore sono completi: “abbiamo la teoria, ora ci impegneremo nella concreta pratica”. Fiducioso il sindaco di Latisana, Salvatore Benigno: “puntare sulla nautica da diporto e sulle concrete possibilità di espansione del settore è ciò che ci prefiggiamo come amministrazione comunale, prevedendo anche “lo sviluppo di una nuova area artigianale a nord di Aprilia Marittima” all’interno del nostro nuovo Piano regolatore generale, attualmente in fase di esame da parte della Regione, area contermine a un’analoga zona artigianale sita nel comune di Marano, Ente con cui spero si possa arrivare entro breve tempo a una forte sinergia con la realizzazione di una nuova area di alaggio e varo”.

Condividi il post!

PinIt