Foghere e musica

Concerto a Latisanotta

La Scuola Comunale di Musica organizza per venerdì 6 gennaio alle ore 16.00, in Chiesa a Latisanotta, il concerto degli allievi della scuola comunale di musica di Latisana; parteciperanno solisti ed il gruppo strumentale misto della Scdm. Vi aspettiamo numerosi.

Foghere che passione

Anni fa all’assessore Milo Geremia era stato presentato un progetto per una manifestazione da fare ad inizio estate e che potesse raggruppare e mettere in “sana competizione”  le varie frazioni di Latisana. Nulla è stato fatto, ma il concetto di frazioni e questa latente rivalità esiste e persiste e, per esempio durante il Settembre Latisanese, viene fuori con il successo dei chioschi di Latisanotta e di Sabbionera in particolare. Gorgo, Bevazzana e Pertegada vivere in casa le loro emozioni, magari spostandosi nella vicina Aprilia Marittima quest’ultima. Ma le foghere in qualche modo riaccendono questa competizione e con molto piacere alimentiamo il fuoco dell’orgoglio e vi invitiamo a partecipare alle varie foghere e magari a dirci quali sono le più belle. Per contro nostro parliamo subito (male) di quella organizzata dalla Pro Capoluogo in Piazza Indipendenza. Come si sa la Pro Capoluogo è espressione diretta dell’Amministrazione Comunale, anzi, della Giunta Comunale, si applica moltissimo nelle iniziative del capoluogo, è quasi assente in quelle delle frazioni. Inutile poi nascondersi dietro il dito dell’ipocrisia: siccome a Sabbionera-Paludo gode di molto seguito la Foghera animata dagli amici di Ezio Simonin, ex candidato Sindaco, la Pro Capoluogo nemmeno la cita nella home page del sito internet: ecco la fotografia che riporta Pertegada e Latisanotta, ma non appunto Sabbionera.

Per contro Sabbionera sdegnosamente nemmeno chiede soldi al Comune, che infatti sostiene le domande di Latisanotta e Pertegada, pur con cifre minime. Generoso invece il Comune nella distribuzione gratuita della pinsa, ottima. Torniamo alla foghera di Piazza Indipendenza. Molti anni fa venne reintrodotta la



{jcomments on}foghera anche a Latisana e veniva allestita una grandissima piramide sulla golena del fiume, proprio davanti a Via del Battello (Trevisan) che per altezza e dimensioni rivaleggiava brillantemente con le altre. Poi, a parer nostro, la mancanza di volontari e di un gruppo di persone che stabilmente si occupassero della cosa, indusse la Pro Capoluogo a trasformare la festa in una festa di piazza per bambini e di “inventarsi” quella cosa ridicola della mini befana sul braciere poco più grande di un cerino. La differenza tra capoluogo e frazioni sta proprio nel fatto che nel Capoluogo, fatto prevalentemente di gente arrivata a Latisana, si fa più fatica a sollecitare l’appartenenza e lo spirito di comunanza che invece vive nelle frazioni. Siamo quindi a domani 5 e dopodomani 6 gennaio con gli appuntamenti di rito. Belli tutti e tutti da vedere; belli anche quelli spontanei e ridotti di Gorgo, Via Tommaseo e di Paludo Via Gnesutta ( il 5 alle 21.00), di Bevazzana ( il 5 alle 16.00 circa) e di altre situazioni che non citiamo solo perché non le conosciamo (ditecele…), Belli soprattutto i tre classici di cui riportiamo le locandine: Sabbionera ( il 5 alle 18.30), Pertegada ( il 5 con inizio alle 19.15) e Latisanotta (il 6 alle 18.00); adatta ai bambini e alle famiglie la festa di Piazza Indipendenza, (il 5 a partire dalle ore 16.00). Sul fumo e le interpretazioni lasciamo la parola all’augusto interprete Mons. Carlo Fant: nessuno meglio di lui sa essere dolce e incisivo in quei momenti.

Condividi il post!

PinIt