gatti, volontari e teatro

Teatro a Latisana, domenica 3 febbraio 2013

Riceviamo e pubblichiamo

Arrivano i Volontari per la sicurezza “certificati” a Latisana e a Ronchis (Ud). Al termine di un corso della durata di 20 ore, 10 cittadini di Latisana e 3 del vicino paese di Ronchis, sono stati iscritti nell’apposito Elenco regionale dei volontari e sono pronti per aiutare la comunità in forma volontaria e del tutto gratuita. Il periodo formativo è stato curato da personale della Regione, dal vicecomandante della Polizia municipale di Latisana, Stefano Blaseotto e dal comandante, Alberto Adami.  “Il corso, organizzato dalla Regione Friuli Venezia Giulia in base alla legge regionale 9 del 2009, si è tenuto alcune settimane fa a Latisana e vi hanno preso parte anche residenti dei Rivignano (Ud) e San Vito al Tagliamento (Pn), per un totale di circa 60 persone – spiega il comandante Adami -. I cittadini, quasi tutti uomini, si sono iscritti volontariamente nel rispetto nei parametri richiesti dalla normativa: non avere carichi penali pendenti, non aver avuto condanne penali, essere abili fisicamente a svolgere il compito loro assegnato, essere moralmente retti”. “I 13 volontari faranno da “osservatori” e aiuteranno i concittadini a vivere meglio gli spazi di Latisana e Ronchis – spiega l’assessore alla Polizia municipale, Maddalena Spagnolo -. Coordinati dalla Polizia municipale di Latisana, in convenzione col Comune di Ronchis, i 13 uomini saranno presenti vicino alle scuole, sulle strade, in occasione di eventi e manifestazioni, dalle processioni religiose a Settembre Doc, per fiere e festeggiamenti, per aiutare la comunità quando si renda necessario. Nella forma del “pedibus” potranno pure accompagnare a scuola i bambini, aiutare le persone ad attraversare la strada, segnalare alla polizia municipale situazioni particolati del territorio: dal cassonetto rovesciato al danneggiamento di beni pubblici, a disservizi fino a situazioni che possono sembrare sospette. In questo senso è stata predisposta una specifica modulistica. Si tratta senza dubbio di un importante servizio per la comunità, che nasce, peraltro, dalla comunità stessa”. Abbigliamento. I volontari saranno riconoscibili per il loro abbigliamento, caratterizzato da tessuto rifrangente e dalla scritta “Volontari del soccorso”. Coperti sul fronte assicurativo dal Comune, potranno svolgere la loro attività di osservazione anche con un operatore della polizia locale. I cittadini potranno rivolgersi a loro per un aiuto.  Foglio di servizio.  A coordinarli la Polizia municipale di Latisana: non appena il servizio entrerà a pieno regime, il comandante Alberto Adami stenderà ogni mattina per loro un piano di attività, foglio di servizio che indica cosa fare in quella giornata. Il documento sarà conservato per un anno, a disposizione del prefetto.   Si tratta, in sostanza, del servizio sul modello del “nonno vigile” già attivo a Latisana e a Ronchis, che adesso, però, è certificato e regolamentato, per maggiore sicurezza sia dei volontari che dell’intera comunità.  Un nuovo corso, iscrizioni nel mese di febbraio.  Chi desidera far parte del gruppo di Volontari per la sicurezza può presentare domanda presso l’ufficio della Polizia municipale di Latisana nel mese di febbraio 2013. Una successiva adesione è prevista per il mese di agosto. Possono partecipare al progetto non solo pensionati ma tutti coloro che desiderano dedicare il loro tempo libero a favore della comunità.  Info  +39 0431 521551  via Rocca 10, Latisana polizia.municipale@comune.latisana.ud.it

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Ciao bacucco!  Ieri sera tornando a casa ho trovato questa sorpresa attaccata alle serrande del mio negozio!  Considerati firma (G.) e soggetto “felino” credo di non sbagliare a pensare che sia dello stesso autore dei simpatici gatti immortalati in giro x il nostro comune negli ultimi periodi!  E siccome siamo in inverno oggi l’ho messo al caldo in vetrina….. 🙂 Saluti!  Luca  

Riflessione bacucchesca, o bacucchiana. L’arte è sicuramente espressione di un sentimento e di un’emozione, voglia di far vedere e trasmettere quello che uno sente. Ma, di solito, l’artista ha anche voglia di essere gratificato, personalmente. Qui invece siamo all’essenza dell’arte in quanto tale. L’opera, e non mi permetto di valutarla e tantomeno giudicarla, l’opera esposta e basta e il signor “G” spero che non si fermi qui e anzi….Latisana è grande e i gatti sono belli.

Condividi il post!

PinIt

3 commenti su “gatti, volontari e teatro”

  1. Il Malusà ha detto:

    Sicuramente l'”opera” in oggetto è migliore di quel pezzetto di cartone ondulato appoggiato al muro del Municipio giorni fa e che spirito civico, degno del miglior “Volontario della Sicurezza” di recentissima istituzione, ho pensato bene di rimuovere e buttare nel cestino vicino.
    Non conoscevo le “performances” di questo Benedetto Croce. Mi scuso. Vorrà dire che se ne troverò un’altra me ne impossesserò, in attesa di una rivalutazione dell’Artista.
    Comunque, debbo rassicurarlo: ripassando più tardi ho rivisto il cartone rimesso al suo posto, a fare la sua gatta figura.

  2. Il Malusà ha detto:

    IBene tutto quanto per i Volontari della Sicurezza, ma “segnalare alla polizia municipale situazioni particolari del territorio: dal cassonetto rovesciato al danneggiamento di beni pubblici, a disservizi fino a situazioni che possono sembrare sospette ” non dovrebbe essere ancora demandato ai semplici cittadini o non verranno più ascoltati senza la compilazione della apposita “modulistica” ? Ancora carte? Non basta una telefonata?

  3. luca giacomini ha detto:

    …..ehm…..sig.malusà…..ehm….benedetto croce non è il nome dell’artista……
    a parte questo non ho visto il pezzetto di cartone ondulato di cui lei parla ma probabilmente avrei messo in vetrina anche quello….almeno ora avrei due gatti a farsi compagnia! 🙂

I commenti sono disabilitati.