Giovedì: la nuova stagione teatrale; università della terza età; Don Aldo; 50 anni alluvione; nuova Cantina Baccichetto; previsioni meteo

Previsioni meteo a cura di Gabriele Mamone(appassionato e collaboratore).

SITUAZIONE GENERALE. Il Triveneto nei prossimi giorni sarà interessato da un flusso di correnti sudoccidentali che precedono un fronte freddo in transito nella giornata di sabato. GIOVEDI’ 3 E VENERDI’ 4 SETTEMBRE. Avremo tempo instabile con la possibilità di qualche pioggia o di locali rovesci temporaleschi, i fenomeni saranno comunque alternati a schiarite. Non si escludono dei temporali forti con grandine, nubifragi, forti raffiche di vento e locali trombe d’aria. Ventilazione anche moderata tra scirocco e libeccio. Caldo nella norma con massime sui 24/28°C nei settori pianeggianti e costieri. WEEKEND: la giornata di sabato sarà ancora all’insegna di piogge o rovesci anche a sfondo temporalesco, possibile qualche breve nevicata alle alte quote. Ingresso di venti da nord moderati o forti specie dalla sera, quando il tempo potrebbe migliorare. Forte calo termico con massime anche sotto i 20°C su pianure e coste. Domenica invece, dovrebbe essere una giornata più stabile con clima molto fresco specie al mattino e nelle ore serali.

2-9-65/2-9-15: 50 anni alluvione

Cerimonia e convegno; una cronaca per immagini

50 alluvione 1

50 alluvione 2

50 alluvione 3

50 alluvione 4

50 alluvione 5

50 alluvione 6

50 alluvione 7

Poi, per chi crede alle promesse, qui sotto in fondo riportiamo la nota dell’Assessora Regionale Vito che parla del Tagliamento.

C’è anche un foto ricordo di Valerio Formentini

Mi piace riproporre in queste giornate di ricordi tragici, un aspetto del Tagliamento non “rapax” , ma amico. La cartolina degli anni Trenta (propr. Società Filologica Friulana) ripresa dal campanile mostra un fiume tranquillo, con sulla sponda sanmichelina un nugolo di donne intente a sciacquare i panni. Ieri come oggi una piccola “isola” di ramaglie staziona pigramente sotto il ponte… Inusuale l’aspetto della primitiva S. Michele (vecchio) così dirimpettaio all’abitato di Latisana. E poi, la vecchia Loggia vicino la chiesa e le vecchie case di via Sottopovolo che i bombardamenti raderanno al suolo di lì a poco.

Latisana. Anni Trenta r

Nuova stagione teatrale

ert

U.T.E.

ute 1

ute2

Ricordo di Don Aldo

Di don Aldo ricordo la dedizione alla causa missionaria, in special modo l’attaccamento alla Associazione “I nostri amici lebbrosi” con molte iniziative a Latisana negli anni Settanta e la ri-fondazione del bollettino parrocchiale “La Voce della Parrocchia” le cui pubblicazioni erano cessate ormai da decenni e che continua ancora ad informare periodicamente i parrocchiani latisanesi. Mandi don. Valerio Formentini

n.d.b. Don Aldo era stato da noi scelto per il nostro matrimonio; ebbe un incidente pochi giorni prima; era un buono con un carattere tenace. Mandi.

Cantina Baccichetto a Precenicco

Inaugurata la nuova Cantina; una serata raccontata per immagini

baccichetto 1

baccichetto 2

baccichetto 3

baccichetto 4

baccichetto 5

baccichetto 6

baccichetto 7

baccichetto 8

Dal sito della Regione Friuli Venezia Giulia

Ambiente: Vito, Foce Tagliamento Passa a Demanio Regione

Trieste, 02 set – È imminente il passaggio dallo Stato al demanio idrico della Regione Friuli Venezia Giulia dell’ultimo tratto di 35 chilometri del fiume Tagliamento, dalla località Canussio di Varmo alla foce. Ad anticiparlo è Sara Vito, assessore regionale all’Ambiente, in occasione delle commemorazioni per il cinquantenario della prima alluvione di Latisana (UD) provocata da una esondazione del Tagliamento, il tragico episodio del 2 settembre 1965 che si è poi ripetuto, con esiti ancora più gravi, l’anno successivo, il 4 novembre del 1966.

“Finalmente dopo anni – commenta l’assessore – si è arrivati al passaggio delle tratte del Tagliamento al demanio idrico regionale, e questo vale anche per il Livenza e lo Iudrio. Ciò permetterà sicuramente di garantire interventi di manutenzione più costanti ed efficaci, finora resi difficoltosi dalla frammentazione delle competenze”.

Come precisa l’assessore, la Commissione paritetica, proprio su proposta dell’Amministrazione regionale, ha già approvato in via definitiva le norme di attuazione dello Statuto speciale per il trasferimento dell’ultimo tratto del Tagliamento al demanio idrico regionale. Adesso sono necessari solo i tempi tecnici per arrivare al decreto legislativo da parte del Consiglio dei Ministri.

“Più in generale, questa Amministrazione – ricorda Sara Vito – ha avviato un deciso cambio di passo sulla via della prevenzione dal rischio idrogeologico e della corretta manutenzione del territorio. La direzione centrale Ambiente della Regione sta collaborando con l’Autorità di Bacino per la redazione del Piano contro il rischio alluvioni, senza dimenticare che il primo disegno di legge del 2015 d’iniziativa della direzione Ambiente, poi approvato dal Consiglio regionale, è stato proprio quello relativo al Testo unico sulla Difesa del Suolo e l’utilizzazione delle acque: un provvedimento che mette al centro la valorizzazione e la sicurezza del territorio”.

“Per quanto riguarda in particolare il Tagliamento – aggiunge l’assessore – ci siamo mossi su due linee principali: da un lato risolvere il problema delle competenze, per dare continuità ai lavori di manutenzione del fiume, e dall’altro riavviare l’attività di pianificazione e progettazione, anche individuando le necessarie risorse nel Bilancio regionale per le opere di manutenzione ordinaria e straordinaria”.

Da segnalare, a questo proposito, che la progettazione preliminare avviata in collaborazione con la Regione Veneto per gli interventi sul basso corso del fiume è stata consegnata alla Regione nel mese di agosto. È anche in fase di revisione il Piano stralcio per la sicurezza del medio e basso corso del fiume Tagliamento, grazie a una Convenzione sottoscritta dalla Regione con l’Autorità di Bacino.

Entro quest’anno dovrebbe essere pronta la proposta di revisione del Piano stralcio a cui seguirà il Piano per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. I lavori sul Tagliamento, riferisce ancora l’assessore Sara Vito, sono tra le priorità indicate dalla Regione negli incontri con la Struttura di missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri contro il dissesto idrogeologico, in vista della definizione del Piano nazionale degli interventi.

La Regione ha infine coinvolto tutti gli Enti interessati (Comuni, RFI, ANAS, Provveditorato interregionale per le Opere pubbliche, Genio civile di Udine) per garantire la continuità dei lavori di manutenzione all’altezza dei due ponti (stradale e ferroviario) che attraversano l’ultimo tratto del Tagliamento ed evitare l’accumulo di materiali.

Per coordinare in modo efficace gli interventi, la Regione ha promosso un Protocollo d’intesa tra tutti i soggetti: la bozza è stata condivisa da tutti e quindi la firma è imminente. ARC/PF

Annunciata anche la firma del protocollo per la pulizia immediata e sempre dell'”isola” sotto il ponte; era ora. Bene

Condividi il post!

PinIt

2 commenti su “Giovedì: la nuova stagione teatrale; università della terza età; Don Aldo; 50 anni alluvione; nuova Cantina Baccichetto; previsioni meteo”

  1. Adriano ha detto:

    2 Settembre 2015
    Bella cerimonia , bei discorsi, Bel tempo …
    Visto il tanto parlare accorato di questi anni, da parte di Latisanesi e non, tanto predicare di sofferenze, di mancato sviluppo… era auspicabile una decisa presenza piu’ numerosa … fa pensare … il Tagliamento è un “Vero” problema ??? o no … In questa Occasione importante tanta gente viene a casa Tua, Latisana, magari una pulizia Straordinaria della riva di questo Bel Fiume, dell’ argine si’ in cemento ma zeppo di erbacce… bello sarebbe stato !! grande Conquista di Immagine , di cura … NO! Latisana è superiore a tutto cio’, la Nostra casa … il Nostro Paese lo teniamo sporco senza cura , abbiamo altro a cui pensare … è meglio farsi vedere trasandati per qualche fine sconosciuto ai piu’.
    A monte il Tagliamento è amato e curato, a Valle , nella Provincia di fronte a noi …E’ Amato e curato e anche usato dal punto di vista Immagine e Turistico. Lo pubblicizzano anche in Germania . Provate a fare una Gita in bici , la consiglio anche agli Amministratori ,dal Comune di Latisana sotto argine fino al ponte della Delizia e ritorno dalla Parte opposta fino a Bibione . Provare x credere !!
    Mandi 🙂 🙂
    ps Mai vista l’ APP Tagliamento ?? E’ fatta in Veneto …

  2. Annamaria ha detto:

    Adriano la presenza più numerosa alle 18.00 di mercoledì la vedo dura, probabilmente chi non c’era era al lavoro, come la sottoscritta. Per quanto riguarda lo sfalcio dell’erba direi che non è il caso di aspettare un evento per farlo… direi che in questo caso la cerimonia per location era azzeccata e chi poteva vi ha partecipato, non cerchiamo la polemica a prescindere.

I commenti sono disabilitati.