Giovedì: Via Sottopovolo e altro; Castelli Aperti; Via Trieste; suggerimento per il fine settimana; Bibione; Via Stretta; Gorgo; Consiglio Comunale; incidente

Castelli Aperti, a Fraforeano, 4 ott.

Alla Vostra attenzione questo evento a Fraforeano . Apertura del parco storico di Fraforeano il 4 ottobre pomeriggio (dalle 14 alle 18) il 5 ottobre (dalle 10 alle 18). Visite guidate del parco con Tiziano Fratus, (Sabato alle 16 e domenica alle 10 e alle 15.30). Alle 18 presentazione del libro di Fratus Homoradix. Visite guidate della villa, con i proprietari, ogni ora. Mini mostra fotografica di Hemingway in Friuli e testimonianze. Vino e stuzzichini. Manifestazione organizzata dal Consorzio Castelli per Castelli Aperti. Ingresso € 7.

Incidente

Martedì sera in Via Marconi, tra un ciclista e un’auto; non abbiamo dettagli, pare solo ferito per fortuna.

Gorgo

Ha chiuso sabato il negozio di alimentari e panetteria del centro; peccato, segno dei tempi difficili e di una difficoltà delle attività commerciali. Arrivederci speriamo.

Via Sottopovolo e altro, nei commenti (interessante)

Via Trieste

Entro un paio di mesi nuova illuminazione pubblica ( …via dei pali storti non ci sarà più….) e poi nuova asfaltatura che alzerà il livello della strada.

Via Stretta

Stretta di nome e di fatto, ma almeno tagliare l’erba, rinfrescare le righe bianche, quattro punti luce e un po’ di asfalto…..

DSCN6811

DSCN6812

DSCN6813

DSCN6814

Consiglio Comunale

Martedì 30 alle 18.30, con alcuni punti all’odg, tra questi: comunicazioni, question time, variazioni di bilancio e sentenza Giudice di Pace di Vallo della Lucania; piano attuativo “Alessandra”, piano attuativo “Centro Cinofilo Latisanese”, sospensione procedimento revoca di PAC non ancora convenzionati ( zona chiamata COIN?? non sappiamo), interpellanze, interrogazioni e ordini del giorno vari.

Bibione

Consiglio Comunale  di San Michele al Tagliamento. All’ordine del giorno l’adozione del PAT. Giovedi 25 settembre, alle ore 19.00, approda in Consiglio Comunale il PAT, ovvero il Piano di Assetto del Territorio. Si tratta di uno strumento urbanistico che sostituisce, insieme al Piano degli Interventi, il vecchio Piano Regolatore Generale. E’ uno strumento completamente nuovo che rappresenta una svolta importante nel processo di pianificazione del territorio. Infatti, una volta completato l’iter, il PAT costituirà la “carta dell’autonomia urbanistica comunale”. Le scelte di dettaglio, contenute nel Piano degli Interventi, potranno essere decise e modificate dal Consiglio Comunale senza più la necessità di una approvazione di ordine superiore. I Cittadini, dalla data di pubblicazione sull’Albo Pretorio, avranno 60 giorni a disposizione per promuovere eventuali osservazioni.  Rispetto alla stesura inviata in Provincia non vi sono sostanziali modifiche, si tratta quindi di documenti già noti a molti. Il PAT sarà presentato, oltre che dall’Amministrazione Comunale, anche dallo studio che ha seguito la stesura, cioè la Proteco con l’arch. Francesco Finotto, e dal Dirigente Suat Arch. Alberto Gherardi.  All’Ordine del Giorno anche la Salvaguardia degli equilibri di bilancio, la variazione del Piano Triennale delle opere e l’accordo di programma del progetto strategico “Bibione Est”.

Suggerimento per il fine settimana

Ristorante A le Patrie dal Friul, a Campoformido (UD)

Se volete, potete andare a cena o a pranzo per voi, per una full immersion nella cucina friulana; potete farlo con l’amico o la coppia che parla solo friulano, oppure, meglio, potete farlo con quelli che…….” E ma voi friulani….” e sbagliano sempre l’accento. Insomma è come andare in un museo, solo che si mangia e si beve bene, a patto di sapere e parlare il friulano, magari assieme ai vostri amici bisiachi o veneti. Si perché qui si va dall’Isonzo al Livenza e dai monti al mare, e tutto quello che è fuori è sacrilego, straniero, foresto …. pussa via!! Stiamo parlando di un bel posto, piccolo e ben curato, con stanze accoglienti che pare di essere a casa dell’amico, con una cucina appunto tradizionalissima e, soprattutto, con la ricerca dei prodotti più genuini e rari se volete della nostra regione (non tutta…. Dal Lusinc a le Livence  ….eccetera). Magari certi prodotti sono mitizzati e introvabili, tipo l’Aglio di Resia, ma poi nelle carni, insaccati, formaggi, verdure e vini, per fortuna questa piccola patria offre molto e cose molto buone. Lui, il titolare, volentieri si dilunga a spiegare e a raccontare perché qui la regola è “une cerce di savors, une cerce di odors, une cerce di storie” e quindi se vi viene in mente l’amico che sa ( che dice di sapere) tutto, ecco portatelo qui e lui lo farà stare zitto, mentre voi sorriderete. Detto del posto, sulla statale, in centro a Campoformido, proprio di fronte al Municipio, parliamo della tavola; come vino la proposta è stata un Friulano di Butussi linea Kret e un Merlot 2011 di Rocca Bernarda, troppo anonimo il primo, buono il secondo. Antipasto misto di crudo di Villanova di San Daniele, lardo di Sauris, speck e poi una buona pitina, di quelle semplici e non troppo selvatiche, come invece piacciono a me. Abbiamo optato per i primi, perché ci sembravano più stimolanti, variando dai blecs con porcini alle tagliatelle con il crudo, o con bresaola e porro, tutti buoni devo dire. Assaggio di frico, molte patate e poco formaggio e poi ottimi dolci, dal croccantino agli strucchi e alla torta alla ricotta. Bene direi, posto diverso, perfetto per portare amici e prezzi nella norma, tenendo conto che la materia prima è molto più costosa rispetto al prodotto della grande industria. Per le foto vedi l’articolo su http://www.friuli.org/2014/ristorante-a-le-patrie-dal-friul-a-campoformido-ud/#more-11484

Condividi il post!

PinIt

4 commenti su “Giovedì: Via Sottopovolo e altro; Castelli Aperti; Via Trieste; suggerimento per il fine settimana; Bibione; Via Stretta; Gorgo; Consiglio Comunale; incidente”

  1. Monica ha detto:

    Buongiorno Bacucco, approposito di via Stretta.. È da anni che mando mail ai vigili per cambiare lo specchio che c’è all’incrocio con via Umberto Casasola e non ricevo risposte.La risposta che ho avuto da un vigile (non faccio nomi) è stata: ” Ma sai quanto costa uno specchio? 100€ e soldi non ce ne sono!”.
    Ok che soldi non ce ne sono, ma quando capiterà un’ incidente chi paga?

  2. il_bacucco ha detto:

    ok, lo aggiungiamo all’elenco…..grazie

  3. Marta ha detto:

    I soldi ci sono, Monica! Solo io ho versato quella cifra in contravvenzioni negli ultimi 6 mesi… moltiplica me per un migliaio di latisanesi (alcuni magari sono più virtuosi, altri sono pure peggio) e vedi quanti soldi entrano solo da quella fonte! Solo che come ho già detto molte altre volte si spendono per cazzate. Latisana è sempre più insicura sia come traffico e circolazione, sia per i continui episodi di micro delinquenza (sperando che resti tale…) che stanno facendo stancare gli abitanti. Le forze dell’ordine? Nell’ultimo mese, in cui viaggio in auto quasi tutti i giorni, ho visto solo 1 autovelox (ma nessuno che ferma e chiede le generalità ai circolanti…)….Ormai i vigili sono trasparenti, una razza in via d’estinzione, salvo che per quanto riguarda mettere multe per il disco orario scaduto ai residenti nella strada dove abitano….

  4. Adriano ha detto:

    Finalmente per i pali storti che diventano DRITTI …. per il rialzo della strada un po’ meno … e’ come la soluzione del Tagliamento anziché sistemare il fondo, sfalciare, fare manutenzione.., i passi carrai, i tubi rotti ….verificare “de visu” cosa succede quando piove etc etc si alzano gli argini .
    Cosi’ alle prime pioggie autunnali diversi abitanti di Via Trieste si troveranno l’ acqua in casa !!! Ma non importa è compito di un’ altra Amministrazione e di un altro capitolo di spesa…….. Come si fa in tutte le famiglie “Virtuose”.
    Poi sul rettilineo potremo anche far atterrare gli AEREI .
    Mandi a Presto 🙂 🙂 :(:(

I commenti sono disabilitati.