giunta, teghil, pertegada

La giunta ha fatto il tagliando

Come tutte le auto, dopo un certo periodo occorre intervenire sulle parti logore e quindi ecco che la giunta del sindaco, eletta da poco più di un anno, ha dovuto fare un intervento di cosmesi e riparazione. Premettiamo che nessuno del “palazzo” parla con noi, anzi, c’è un veto a interloquire col bacucco, ma qualcosa siamo riusciti lo stesso a sapere e magari ci prendiamo. La notizia più importante e più attesa è il ritorno in giunta e in maggioranza della leghista Maddalena Spagnolo. Bocciata come sindaca dall’elettorato, ha deciso di dare il suo apporto alla maggioranza portando in dote il “carroccio”, ancorché traballante, e beccandosi un assessorato alle pari opportunità e alla Polizia Municipale. Pari opportunità alla Lega, vista la legge sul welfare prodotta (e bocciata) a livello regionale,  è come dare la delega alla musica a Raoul Casadei, molto sbilanciata, ma tant’è! Non viene toccata la consigliera Lauretta Juretig, che aveva alzato le barricate culturali con parole (secondo Il Perbenista) molto pesanti. La dimissionaria Daniela Lizzi lascia il referato al bilancio al Sindaco, probabilmente l’unico che ne capisca qualcosa, con una sostanziale bocciatura in termini economici ai colleghi di giunta. Infine l’assessorato all’Ambiente passa da Geremia a Canova: probabilmente la costruzione dell’impianto a bio masse non centra nulla e quindi è solo un riassetto giuntale, ma ricordate Andreotti………. Queste le novità riferiteci ieri sera. Se abbiamo sbagliato non ci preoccupiamo, tanto il Comune a noi non ci smentisce, se abbiamo detto cose vere, tanto meno ci preoccupiamo. E sbagliamo, perché invece dovremmo farlo.

Da Davide Morsanutto riceviamo e volentieri pubblichiamo

Serata piacevole quella dello scorso sabato a Pertegada. Nella cornice della gremita chiesetta di S. Agata si è tenuta la sobria cerimonia di riconsegna della scultura di Sante Monachesi “Lo Spirito del Tagliamento” restaurata in occasione del 40° anniversario del dono della stessa da parte del grande Maestro futurista alle “bambine pittrici” della locale scuola elementare; alcune di esse hanno partecipato con emozione alla serata, che è stata moderata dal presidente dell’associazione culturale ViviPertegada, Luca Celeghin. Questa associazione ha infatti promosso il restauro dell’opera, finanziando direttamente l’intervento e occupandosi anche di reperire il resto dei fondi necessari presso le altre associazioni paesane, a cui va ancora il ringraziamento di tutti; la serata, come detto molto sobria, ha visto intervenire nell’ordine il sindaco Benigno per i saluti di rito, una “bambina pittrice” per un ricordo di quegli straordinari eventi che portarono Monachesi a interessarsi a Pertegada e una delle restauratrici dello Studio Righini di Udine, affidatario dell’incarico, che ha concluso la serata con la relazione tecnica dell’intervento. Proprio da quest’ultima relazione si è evinto quanto il polimetilmetacrilato, di cui è fatta la scultura, abbia patito quarant’anni di intemperie meteorologiche, non essendo un materiale “da esterno”, che hanno provocato alcuni danni e alterazioni non più restaurabili; per questo motivo il loro qualificato consiglio è stato che la scultura venga posizionata in opportuno riparo da raggi ultravioletti e sbalzi termici, per ora all’interno della chiesetta, in futuro nel meritato e visibile alloggiamento che sarà certamente previsto nella nuova piazza della frazione. Un ringraziamento d’obbligo va alle autorità che hanno presenziato, oltre al già citato sindaco, anche il vicesindaco Valvason, nella veste anche di socio fondatore dell’associazione ViviPertegada, e gli assessori Lizzi, Tognato e Garbuio, ma soprattutto alle tante persone che con vivo interesse hanno partecipato alla manifestazione.

L’associazione culturale ViviPertegada

Territoriali, di Luigi Damiani

Non è più un mistero per nessuno, anche il Gazzettino in un piccolo articolo di fondo pagina , ha confermato che verranno riproposte le territoriali del turismo con 6 responsabili e non 8 come chiedeva la Seganti in una prossima giunta regionale. Quindi non ci sarà l’aggiunta del responsabile territoriale di Carso-Collio, mentre non verrà smembrata la territoriale di Udine -Lignano che rimarrà unica. Praticamente nulla cambia. Io ribadisco quello che ho scritto altre volte, le territoriali, e io parlavo di 4, hanno ragione di esistere se sono il braccio operativo sul territorio di Turismo FVG, con rapporti con le istituzioni  e le varie associazioni collegate al turismo. Devono essere però delle territoriali operative, devono avere un minimo di struttura, rispettare degli orari, e devono avere delle persone che hanno una conoscenza profonda del turismo.. Altrimenti saranno ancora un raccoglitore di personaggi esclusi dalla politica che conta. L’ipotesi che venisse riproposta in giunta la figura ormai decaduta delle territoriali io l’avevo scritto e dichiarato più volte, era chiaro che Galasso non avrebbe mollato facilmente. Merito e capacità di Galasso che insieme alla Seganti è riuscito a far cambiare idea a Tondo. Però mi sorge un dubbio, non è che anche la situazione politica di Latisana abbia influito? Il comune di Latisana per certi versi è importante per Galasso, ma anche per la lega con la Spagnolo che alle ultime elezioni ha bucato, allora si arriva al vecchio detto “combinin”. Spagnolo della Lega salva la maggioranza del PDL latisanese a danni dell’UDC, in cambio la Seganti punta i piedi con Tondo e fà riproporre le territoriali, Galasso convince Tondo a riproporle in giunta visto la mano data dalla Lega a Latisana. Salve le 6 territoriali, con gli stessi uomini, forse il cambio sarà solo nel tarvisiano Contenti tutti, Teghil compreso che sarà riconfermato responsabile territoriale di Udine – Lignano, Galasso che è riuscito in una operazione politica nel suo territorio, la Seganti che vede riconfermate le territoriali anche se solo 6 invece delle 8 richieste.. Forse la mia è solo una fantasia politica, ma pensandoci bene il tutto potrebbe essere credibile. Potrebbe essere anche la prima mossa politica di una alleanza PDL- Lega alle prossime regionali. Forse nessuno si è accorto ma siamo già in campagna elettorale 2013. Luigi Damiani.

Condividi il post!

PinIt

7 commenti su “giunta, teghil, pertegada”

  1. Davide Lorigliola ha detto:

    La re-inaugurazione della statua di Monachesi é passata – a Latisana capoluogo – in assoluto silenzio. Figuriamoci fuori dal Comune di Latisana. Poteva essere molto diverso se qualcuno – invece mandare comunicati scritti in stile da cancelleria asburgica – avesse riso di meno. Ma – si sa – risus abundant in ore stultorum.

  2. genio ha detto:

    Secondo me Damiani è un genio. I suoi articoli , le sue considerazioni, le sue analisi di tutti i tipi sono perfette.

  3. Stefano Marchesin ha detto:

    Fa sempre piacere vedere come le scelte dei cittadini durante le elezioni siano rispettate dai politici che ricevono la carica istituzionale…. Che schifo… Almeno la avessero presa perchè è competente in qualcosa..

  4. Silvano ha detto:

    Ringrazio l’amico Luigi Damiani
    che ci aggiorna continuamente di questa stagione turistica da scordare.
    Presenze poche, incarichi o conferme ai politici tanti.

  5. paolo miotto ha detto:

    Grande Bacucco!!! L’esempio di Casadei vale da solo l’articolo.

  6. luca ha detto:

    LA PROVA DEL CUOCO
    E’ tempo di rimpasti o se preferitedi nuove ricette. Già perché a distanza di un anno, da quando l’attuale amministrazione ha vinto di “misura” le elezioni, sono iniziate le manovre politiche per capire chi e come da che parte sta in vista del 2013 (Maya permettendo).Voglio però fare un paio di riflessioni visto che ci ho messo la faccia e l’impegno anche se di politica capisco poco. Capisco poco perché certe cose per me non hanno senso. Non ha senso avere un assessore esterno solo per accontentare qualche mal di pancia. Non ha senso votare oggi a favore dell’abbassamento del numero minimo per la maggioranza(da 11 si è passati a 9, la matematica non è più un opinione), quando un anno fa qualcuno votò contro. Non ha senso avere 2 amministratori (oggi 1) che fanno parte di una loggia massonica. Non ha senso far entrare un partito (la lega ) che alle ultime elezioni non ha voluto far parte della coalizione. Non ha voluto perché aveva delle velleità e aspettative molto più alte di un misero assessorato per cui oggi si è venduta.
    Ma forse il gioco è molto più alto per noi povere menti semplici. Sono tempi difficili per i politici di oggi, tutti cercano il modo di assicurarsi un posticino al sole una “carega”che permetta loro di arrivare serenamente alla fatidica pensione, sulle spalle ovviamente di chi? Di chi come me crede che far politica significhi soprattutto esser al servizio del cittadino e non al contrario. Quindi il tuo voto da cittadino onesto e serio che paga le tasse e ha difficoltà ad arrivare a fine mese, viene disatteso da chi hai eletto che si sposta e agisce a seconda dell’interesse personale( e spesso di qualche amico a lui vicino). Dov’è la democrazia in tutto questo?
    E in mezzo a questo marasma non ho sentito due autorevoli voci quelle degli amici severino e massimo che hanno sempre difeso e spiegato le ragioni di questa alleanza, a spada tratta. Vorrei sapere cosa ne pensano o forse anche per loro tutte queste cose non hanno senso?
    Sono infine convinto che non è finita qua ne vedremo ancora delle belle. Ci sarà la crisi però almeno l’ inverno che verrà sarà denso di colpi di scena……maya permettendo ovviamente.
    Alla prossima luca m.

  7. Massimo Della Siega ha detto:

    Ciao Luca M. ( mettici anche il cognome che non c’è nulla da temere, anzi da ancor più valore al commento ) . Ti ringrazio per avermi definito “voce autorevole” , sempre che ti riferissi a me e che non volesse essere affermazione troppo ironica . Concordo su molto di quello che dici , esclusa sicuramente la questione dei Maya : temo che , a parte qualche scivolone ad personam , nel 2013 dovremo essere ancora qui . Ti spiego la mia posizione : in campagna elettorale si difende un’idea , un’ipotesi , forse una speranza basata su una serie di personali esperienze e considerazioni . Le idee vengono disilluse dai fatti ? Molto spesso . Le illusioni si sciolgono come neve al sole di luglio ? Altrettanto spesso . Ma vedi tutto ha un’origine , nulla accade per caso ( a parete situazioni particolari) . Oggi magari esplode qualcosa che è stata innescata tanto tempo fa ; e parlo anche di decenni . Corsi e ricorsi . La responsabilità di tutto questo ? I protagonisti di oggi sono solo raccoglitori di un’eredità che ha la propria origine nella natura umana . Troppo “filosofico” ? E’ la vecchiaia .

I commenti sono disabilitati.