grillo, capitano, scrassole, brevi, festa dell’amicizia, questa politica, ragazzi e questua, “g”, unione di comuni

Grillo a Latisana

Ancora non sono definite le date e le città che ospiteranno Beppe Grillo per la campagna elettorale delle regionali del 21 aprile. Sicuramente le quattro città capoluogo delle ex province….., ma anche i paesi più grossi e, visto il legame di Grillo comico con Azalea, c’è da sperare, quasi da esser certi, che verrà anche a Latisana.

Capitano dei vigili

Aperto il Bando per la venuta a Latisana del nuovo (si fa per dire) capitano dei Vigili, ovvero colui il quale andrà a sostituire Adami, in partenza per Lignano Sabbiadoro. Come abbiamo fatto con la funzionaria venuta da Codroipo, tentiamo anche stavolta di “indovinare” chi sarà il nuovo ufficiale. Con la nomina di Manuela Sartore siamo stati molto fortunati ad indovinare con largo anticipo e quindi ci riproviamo. Latisana vicino al mare, Adami va al mare…..chissà che il nuovo Capitano non sia legato anch’esso al mare….. e per non perdere l’abitudine di mangiar pesce provenga da dove il pesce è di casa. Vedremo.

Prove di unione? — segue  — clicca —

L’accordo fatto tra Latisana e Precenicco e Ronchis per un unico sportello delle attività produttive potrebbe essere il primo step per qualcosa di più impegnativo e che vedrebbe questa amministrazione portare a casa un risultato concreto e utile, molto di più delle opere pubbliche faraoniche promesse. Di unire i comuni più piccoli si parla sempre e ovunque e quindi, la buttiamo lì, crediamo che i due sindaci nostro e di Precenicco si stiano parlando proprio per copiare iniziative vicine, vedi Rivignano e Teor. Speriamo bene.

G musicale

Dopo l’omaggio a Gaber, stavolta è tocca a Julio Iglesias: non deve essere giovanissimo/a il/la nostro “G”. La zona è quella, anche qui gatta ci cova, di Via V.Veneto, ex Chittaro e la scritta…….quasi un karaoke….

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Per nostra scelta omettiamo il nome, perché il problema sollevato prescinde da chi lo sottolinea. Grazie comunque della missiva

Ciao Latisana! Ti scrivo perché negli ultimi giorni ci sono molti ragazzi di colore che camminano per Latisana chiedendo soldi. Entrano anche nei locali girando tavolo per tavolo. A me è successo di incontrarne 3 nel giro di un’ora. Al primo avevo dato qualche spicciolo, se posso nel mio piccolo cerco di aiutare chi ha meno di me ( sono in cassa integrazione col marito disoccupato e un neonato da mantenere), ma al secondo mi è venuto un dubbio…e al terzo il dubbio si è rafforzato: siamo sicuri che non esista un’organizzazione che porta in giro queste persone? Sarebbe da mafiosi. Il fenomeno comunque è preoccupante. Anche mio marito è extracomunitario, e per portarlo in Italia ho dovuto andare a sposarlo nel suo paese e dargli garanzie di sostentamento qui da noi (col mio stipendio, la casa ecc.). Possibile che per qualcuno sia così difficile entrare in Italia e per altri sia possibile andando in giro a fare la questua? Che tipo di permesso di soggiorno hanno? Evidentemente non quello per lavoro o quello di ricongiungimento (anche qui sono richieste garanzie). Mi sembra che le regole ferree esistano solo per i soliti stupidi noti come me…..E che la polizia locale si occupa solo di multare le auto se il disco orario è scaduto per rimpinguare le casse di Latisana per promuovere i soliti “cjochinsi sot ta lis stelis”…. invece di fare controlli utili ai cittadini. Lettera firmata

Questa politica

Questa politica che a Roma non sa trovare un accordo, che è lontana mille miglia dalla gente, che mette sempre davanti i propri interessi e dietro, molto dietro, quelli della gente.

Questa politica che in Regione mette in lizza quattro candidati e il quinto non partecipa perché sbaglia a fare le carte: o regole troppo complicate o dilettanti allo sbaraglio. Idem per le elezioni comunali.

Questa politica che parla di ridurre le spese e poi mette in scena le elezioni provinciali, ente inutile così com’è, con una popolazione di 1 milione e poco più e 4 province, delle quali una ha 136 comuni e un’altra ne ha 6. O 136 son troppi o 6 son pochi, in entrambi i casi è un ente inutile oggi.

Questa politica che per le elezioni provinciali mette in lizza una lista che si chiama “Aboliamo la Provincia”…perfetto ossimoro che la dice lunga sulla schizofrenia dei partiti e delle liste. Si fanno le elezioni della provincia per abolire la provincia. Come a dire che ci si sposa per divorziare, si costruisce per demolire o si scava un buco per poi riempirlo, come si faceva durante la naja.

Questa politica che mette in fila spese pazze, felpe, salmone, gomme da neve, feste in discoteca, cenette a lume di candela, capesante di Natale, bagni in Toscana, igiene intima e caffè presi da soli a meditare…..e poi dicono che non siamo tutti uguali, che nelle altre regioni hanno fatto di peggio. Come a dire che siccome in Siria fanno strage di bambini, qui anche se ne ammazziamo solo un paio……….

Questa politica che in venti e più anni non è stata capace di risolvere il problema dei dragaggi e manda a arenarsi tutto un comparto turistico: prima ci prova con la tassa di stazionamento e poi ci riesce con la burocrazia. Salvo poi farsi fotografare in barca al largo delle coste sarde o della Croazia.

Questa politica che a Latisana progetta piazze che non servono, costruisce vele che non si muovono e che non si sa a cosa servono, che  costruisce musei e poi li destina a sede dell’Associazione del gioco della lippa, che progetta citta della salute che sono solo dei doppioni fatti a spese dei contribuenti, che da anni dice di chiudere la piazza e fa chiudere bar e negozi, che inventa feste e premi che di latisanese hanno solo il nome, e basta.

Questa politica e la gente, come acqua e olio.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

“Festa dell’amicizia”. Alla scoperta dei Balcani. Lunedì 15 e martedì 16 2013, in biblioteca. Da Belgrado a Belgrado: dalla Serbia al Belgrado di Varmo (Udine). Tradizioni e melodie di Albania e Kosovo. Il periodo bellico (1992-1995) sul territorio bosniaco-erzegovese. La cucina dei Balcani, con degustazione e assaggi.  Ingresso gratuito per bambini e adulti.  Festa dell’amicizia dedicata “Alla scoperta dei Balcani” lunedì 15 e martedì 16 2013, a Latisana (Ud).  Ricco il programma della manifestazione, promossa dall’Amministrazione municipale – Assessorato alla cultura, in collaborazione col Centro solidarietà immigrati Onlus, l’associazione culturale “Femminile Cinampa”, associazione culturale “Molino Rosenkranz”, Università della terza età – Sezione di Latisana, Istituto comprensivo di Latisana e club lettori volontari “TiRaccontoUnaStoria”.  Lunedì 15, alle ore 17, “Festa delle fiabe”, con racconti e narrazioni sul tema dell’amicizia e della pace, per i bambini di età compresa tra i 3 e i 7 anni.  Martedì 16, dalle ore 17 alle ore 19, laboratori per bambini e ragazzi “Da Belgrado a Belgrado: dalla Serbia al Belgrado di Varmo (Udine)”, un percorso di conoscenza delle diversità e somiglianze tra questi due Paesi. L’attività è diretta ai bambini della scuola primaria. Secondo incontro “Tradizioni e melodie di Albania e Kosovo”, con la presentazione di questi due Paesi attraverso le tradizioni e la musica locale; per la scuola secondaria di primo grado. In scaletta anche “Il periodo bellico (1992-1995) sul territorio bosniaco-erzegovese: le conseguenze socio-culturali”, una presentazione dei momenti di cruciale importanza per la società bosniaco-erzegovese durante il periodo bellico; per la scuola secondaria di secondo grado.  Sempre martedì 16, dalle ore 17 alle 19, conversazione su “La cucina dei Balcani”, per adulti. Al temine, attorno alle 19.15, un rinfresco multietnico, mentre alle 20.15 largo a una testimonianza sul tema “La solidarietà educativa come sfida contro logiche violente. Il centro educativo di Shtupel in Kosovo”, a cura di Paola Cosolo Marangon, presidente del Cesi. Si chiude alle 21.30 con assaggi di dolci balcanici.  Le attività si terranno negli spazi della Biblioteca civica, presso il Centro Polifunzionale di Latisana, via Goldoni, 22; ingresso gratuito. L’iscrizione ai laboratori va fatta in biblioteca entro il 12 aprile 2013. Info +39 0431 520686/512840; e-mail biblioteca@comune.latisana.ud.it.

Brevi

Ha preso servizio dal 11 marzo la dott.sa Manuela Sartore, dirigente assunta fuori pianta organica e proveniente da Codroipo.

Si smaltisce l’amianto dalla tettoia dell’appartamento di proprietà comunale sito in Via Risorgimento 135; spesa prevista 1.611 euro.

La rassegna “Incontri con….2013” non avrà alcun costo per il Comune.

Contributi per la riduzione del canone di affitto; il bando è attivo in Comune

Ieri mattina, venerdì, dal campanile di Latisana i ragazzi hanno fatto suonare le scrassole, ovvero quei strumenti in legno che suonano roteando; si sentivano in tutto il centro.

Condividi il post!

PinIt

Un commento su “grillo, capitano, scrassole, brevi, festa dell’amicizia, questa politica, ragazzi e questua, “g”, unione di comuni”

  1. marco ha detto:

    ma forse pensava che ci fosse la raccolta firme per il lascito Toniatti? e da li: se mi lasci non vale……ipotesi strettamente personale,

I commenti sono disabilitati.