I titoli di oggi: Via della Cooperazione; la “verità” sulla Città della Salute; Latisana in Lego; estumulazioni a Latisana; appuntamenti culturali a Latisana; immondizie da incivili; Micaela Sette; Riunione del Nuovo Centro Destra; incontro Comune – operatori; Daniele Galasso

Micaela Sette

Abbiamo letto un pesante articolo sulla ex Sindaca, pubblicato dal solitamente ben informato ilperbenista.com; per chi volesse andare a leggerlo, si parla del compenso della dottoressa al Mediocredito.

Daniele Galasso

L’ex Capogruppo del PDL in Regione è stato condannato dalla Corte dei Conti a pagare 36.234 euro, più le spese processuali, per la nota vicenda dei rimborsi facili. Ricordiamo che poche settimane fa Galasso, che era sotto processo, è stato premiato con la nomina nella Commissione Paritetica Stato Regione, dove rappresenta, con altri, il Friuli Venezia Giulia.

Via della Cooperazione

Susanna ci scrive:  giusto perchè passavo di là, stamane sono andata dai vigili e ho esposto le mie osservazioni su via della Cooperazione al comandante, che gentilmente mi ha risposto che lui ha ereditato e messo in atto disposizioni precedenti, che comunque sulla statale è vietato parcheggiare (peccato che non si sia mai visto alcuna autorità elevare contravvenzione, anzi …), che provvederanno a posizionare paletti lungo la statale in prossimità dell’accesso alla via e che anche il titolare della pizzeria metterà paletti lungo il marciapiede che si affaccia sulla via…

n.d.b. sappiate, abitanti di Via della Cooperazione e cittadini fiduciosi, che qualcosa si sta muovendo, nella direzione giusta; a breve Voi avrete delle novità, e speriamo poi di pubblicarle, se qualcuno ce le dice. Intanto cominciamo coi paletti……ma non è tutto qui…

pizzeria

Nuovo Centro Destra, TAV/TAC

Sala degli Stucchi piena per l’incontro organizzato da Sclosa e Serafini del Nuovo Centro Destra e con la partecipazione dei consiglieri regionali Cargnelutti e Colautti, sul tema della linea ferroviaria Alta Capacità – Alta Velocità. Da segnalare, politicamente, l’assenza dei due consiglieri comunali del NDC, ovvero Costanza e il Vice Sindaco Valvason. I due esponenti regionali hanno fatto, il primo Colautti, una disamina dei rapporti tra Regione e Stato soprattutto in chiave economica e di limitazione della spesa pubblica voluta da Roma; attaccato anche l’attuale immobilismo della Serracchiani. Il secondo intervento è stato più tecnico, con  l’ex Sindaco di San Giorgio che ha ripercorso tutto l’iter della TAV per arrivare alla sua proposta, peraltro molto condivisa, di ammodernamento tecnologico delle attuali due linee esistenti, con il passaggio delle persone sulla Mestre Cervignano e delle merci sulla Mestre – Udine – Cervignano. Nessun impatto sul territorio, nessuna invasione di strutture, minori costi e maggiori benefici; insomma solo pro e nessun contro per Cargnelutti. Affollata la sala e poi dibattito.

DSCN4361

DSCN4362

Incontro Comune – Operatori

L’Assessore Tognato, spalleggiato dal Presidente della Pro Latisana De Marchi e da un leguleio Comandante dei Vigili, ha incontrato gli operato di Latisana e delle frazioni per presentare il programma delle attività e discutere sulla attuale situazione di crisi e cercare una maggiore collaborazione, offrendo disponibilità e calendario, per arrivare a rilanciare il comparto commerciale soprattutto di Latisana Capoluogo; sullo sfondo il calendario delle iniziative ( lo citiamo in conclusione) e due possibili novità: un Festival Reggae ed un’altra sorpresa tenuta ancora segreta. Dagli interventi dei presenti i problemi soliti, ovvero il coinvolgimento delle piazze meno centrali e delle attività dislocate diversamente. Un tema nuovo quello della musica e della conseguente zonizzazione acustica e norme relative, che però danno certezze agli esercenti: Latisana non ha ancora fatto come Lignano. Ecco il programma presentato: 13 aprile Festa dei fiori; 31 maggio Inaugurazione Stagione Aprilia; 31 maggio festa del ventennale della Scuola di Musica; 21 giugno Jazz Contest; 9 e 10 agosto Tra Terra e Mare; 9 e 10 agosto Calici di Stelle; 5,6 e 7 settembre Settembre DOC e 6-10 novembre San Martino.

DSCN4365

DSCN4367

Città della Salute

Per sapere “la verità”, laddove ovviamente fino a oggi sappiamo solo balle….. ci toccherà aspettare lunedì 24 febbraio, alle 20.30 in Palazzo Molin Vianello a Latisana, per la serata organizzata appunto da Forza Italia dal titolo: La verità sulla Cittadella della Salute. Interverranno il Sindaco Benigno, membri dell’Amministrazione, il consigliere regionale Riccardi e l’Onorevole Savino.

Estumulazioni a Latisana

Proseguono le estumulazioni, come da avviso  del Comune e anche in Cimitero; la prossima settimana verranno svuotati moltissimi loculi, di circa 60 anni e più, come da avviso con adesivo sul loculo stesso; martedì mattina siamo andati a vedere quelle dei terreni, immaginiamo sia tutto a posto e tutto regolare; ecco delle foto.

DSCN4341

DSCN4344

DSCN4345

DSCN4346

DSCN4347 DSCN4348

DSCN4349

DSCN4350DSCN4351

DSCN4352

Latisana in lego

Il successo del film “The Lego Movie” mi induce a tornare su una cosetta; nell’estate del 2013 avevo proposto ad un consigliere comunale di attivarsi per un progetto da fare nelle scuole elementari, o anche medie. Si trattava di ri costruire la chiesa del paese dei ragazzi con i lego, ovvero il Duomo in miniatura, idem per le chiese di Pertegada e via via con le altre. Naturalmente nulla è stato fatto, ma l’idea resta e i lego in casa delle famiglie anche. Inutilizzati perlopiù.

Immondizie da incivili

Sono dovuti intervenire uomini e mezzi del Comune per prelevare i rifiuti da una piccola discarica nel parcheggio del Cimitero; eccoli in azione. Per le foto del dettaglio, grazie Stefano.

DSCN4343

 

discarica cimitero 2

discarica cimitero

Appuntamenti culturali a Latisana, ecco due locandine

DSCN4358

DSCN4359

Condividi il post!

PinIt

11 commenti su “I titoli di oggi: Via della Cooperazione; la “verità” sulla Città della Salute; Latisana in Lego; estumulazioni a Latisana; appuntamenti culturali a Latisana; immondizie da incivili; Micaela Sette; Riunione del Nuovo Centro Destra; incontro Comune – operatori; Daniele Galasso”

  1. Marta ha detto:

    Vorrei rispondere ad alcuni commenti di Severino. Mi spiace, non siamo a scuola, ma siamo in Italia, ed è un obbligo morale di ogni italiano conoscere bene la propria lingua madre. Sembra quasi che un minimo di cultura sia un optional destinato a pochi imbecilli. Invece vediamo che proprio chi denigra la cultura ha posti di lavoro e pensioni statali, mentre i più meritevoli lavano i cessi. Per decenni abbiamo dato da lavorare a chiunque (per non usare altri termini più forti), anche chi non aveva la minima preparazione, e ora i nostri giovani fanno la fame e sono costretti ad esportare le loro menti all’estero per sopravvivere. Intanto che vecchietti con ottime pensioni si dedicano a parlare di politica… non si sa bene in quale lingua. Eppure per imparare non è mai tardi. Ci sono corsi gratuiti di italiano anche al centro polifunzionale, oltre che quelli dell’Università della Terza Età. Nel 2014 saper esporre concetti in un italiano corretto dovrebbe essere obbligatorio per ogni italiano. L’ignoranza non dovrebbe più essere giustificata. Gli italiani spendono tutti i giorni soldi per cretinate, ma guai ad attaccarli se commettono Orrori grammaticali e lessicali! Capisco i nostri nonni che al tempo della guerra dovevano zappare i campi 15 ore al giorno, ma da quella volta l’Italia è molto cambiata. Quindi, seppur un’ opinione possa essere giusta e condivisibile, è necessario porla in maniera corretta, altrimenti chi decide di esporre pubblicamente le proprie lacune linguistiche deve anche accettare di essere ripreso dagli altri lettori. Poi sulle idee, sui concetti, sulle opinioni si può discutere, ma sulla grammatica no! Vogliamo fare finta di essere italiani? Va bene! Vogliamo esserlo sul serio? Va bene. Ma per favore, cerchiamo di essere coerenti. La lingua è il primo elemento che unisce un paese, ed è insegnata a scuola da un centinaio di anni. Quindi non ci sono scusanti. Non facciamoci ridere dietro e correggere pure dagli extracomunitari, che di lingue ne parlano pure più di una….Abbiate tutti rispetto anche per le nuove generazioni (delle quali purtroppo non faccio più parte), alle quali vengono richiesti, anni di studi universitari e anni di lavoro sottopagato. Abbiamo ancora generazioni di gente che a 16 anni trovava un lavoro fisso con cui mantenere una famiglia a partire dai venti anni. Trovavano lavoro tutti quelli che ne avevano voglia, indipendentemente dalle capacità effettive. Italia che ha dato posti statali a gente senza laurea e neppure diploma, e poi pensioni ai quarantenni. Abbiate rispetto di chi vive oggi problematiche che chi, più attempato, nemmeno si sarebbe sognato di vivere. Oggi se vuoi lavorare per 500 euro al mese non devi parlare perfettamente solo l’italiano, ma anche altre due lingue straniere, avere almeno una laurea triennale,e alle spalle anni di esperienze lavorative gratuite… e non avrai mai né posto fisso, né casa, né famiglia, né pensione. A meno che non ci pensi il più facoltoso nonno ad aiutarti….

  2. valerio ha detto:

    Estumulazioni.
    Sarà anche una pratica comune e assolutamente legalizzata, ma che malinconia vedere spazzati via tanti nomi di concittadini da un momento all’altro, da un loculo al nulla.
    Spero inoltre che qualcuno, in caso di lapidi di un certo valore storico e artistico (ormai sempre meno) si premuri magari a incastonarle nel muro di cinta.

  3. Annamaria ha detto:

    Cara Marta, sebbene il tuo intervento sia corretto e ben strutturato, mi sembra eccessivo come bacchettata al Sig. Severino… per le altre considerazioni posso trovarmi daccordo. Diciamo che io preferisco la sostanza alla forma ed ho imparato molto di più da mia nonna analfabeta che da insegnanti con lauree comprate in qualche ateneo del sud. La laurea non garantisce un posto prestigioso e prima se ne rendono conto tutti, meglio è.

  4. Severino ha detto:

    Cara Marta, a me personalmente non interessa imparare l’Italiano scritto come lo scrivete voi, anche perché non saprei che farmene, per me l’importante e farmi capire e sono convinto che mi capite, si potrebbe anche tornare a scuola oppure come dici tu frequentare l’università della Terza età, pensiero che ho avuto alcuni anni fa, poi ci ho rinunciato in quanto ho ritenuto che non mi sarebbe sto utile. Non mi sono mai sentito molto Italiano dentro di me, ma non mi infastidisce il fatto di viverci. Faccio sera, passo il tempo e mi diverto ancora, non ho aspirazioni particolari. il fatto che frequenti qui il Bacucco e ogni tanto la sparo, non credo possa essere ravvisato come reato, e tenuto conto che le parole che uso sono parte della lingua italiana che puoi trovare in qualsiasi dizionario, ma che a voi possono fare male, sono solo fatti vostri. Non indosserò mai la cravatta per parlare l’Italiano. Mi piace scriverla come la penso.
    Per il Bacucco: http://www.isolajava.com/blogs.php?lng=it un piccolo appuntino da assumere prima dei pasti.

  5. il_bacucco ha detto:

    @ severino; grazie per le foto e le notizie su Via della Cooperazione; chi volesse leggerle, può cliccare. per quanto riguarda gli interventi, se non ci sono offese, va bene qualunque idioma.

  6. zaimon ha detto:

    a quanto vedo dalle foto mi sembra tutto normale per quanto concerne le esumazioni … nel camion finiscono le tavole e nel container i ruderi.. le ossa dovrebbero andare in appositi sacchi oppure in cassette di zinco per poi essere poste o nell’ossario comune o previa richiesta del loro recupero da parte di parenti, in altri tombali o loculi di appartenenti alla famiglia…In risposta a Valerio: beh senz’altro alcuni marmi sono patrimonio storico ed artistico dei mastri scalpèllini e meriterebbero una seconda vita ma che io sappia è il comune che deve dare il consenso alla loro affissione sulle mura di cinta ,senza nessuna direttiva temo andranno tutte belle e brutte in discarica. Ah si già che si parla delle lapidi affisse date un’occhio alla lapide in onore all’aviatore posta vicino alla tomba dei preti se non hanno in questi giorni provveduto a sistemarla dovrebbe ancora avere solo un un paio di dadi avvitati su quattro perchè dopo la inaugurazione ,la rottura , la rimozione , la riparazione e la ricollocazione le barre filettate di supporto sono risultate essere troppo corte ….

  7. Edi ha detto:

    Io ho ancora in mente un intervento poooooco politico del Signor Galasso a Pertegada durante la riunione per la piazza…peccato che non ci sia nessun rappresentante latisanese in regione…senno ci si rimetteva altri 30.000 euro di tasca….

  8. susanna ha detto:

    per marta: la peggior cosa è ostentare la propria cultura (critiche a Severino Valvason). Al di là della grammatica usata dal nostro amico Severino, egli ha espresso chiaramente, utilizzando rafforzativi, concetti e pensieri che tanti borbottano, ma non hanno il coraggio di esternare. Il tuo atteggiamento (se posso darti del tu), se mi consenti, sembra tipico di chi denigra “chi viene dalla campagna”, perché forse non ha avuto grosse possibilità di studio. Il tuo commento poco c’entrava con l’argomento “via della cooperazione”, perciò forse inutile…vai Severino!

  9. Maurizio ha detto:

    @ Susanna
    Non mi sembra che Marta abbia ostentato la propria cultura ma, a pari tuo, semplicemente fatto una critica E’ indubbio che Severino sia un italiano a pieno titolo tanto che, per quanto riguarda il linguaggio, ha pure dei rappresentanti in parlamento (v.Razzi, Scilipoti, ecc.). Ed è altrettanto indubbio che scrive come mangia ( 🙁 ) ma da qui a fargli la ola ce ne passa. Ma c’andrei cauto anche con quel “chi viene dalla campagna” perché se fate una visitina al suo sito, vi accorgerete che “tanto dalla campagna” Severino non proviene. Naturalmente ognuno ha le sue priorità e c’è chi a 50anni impara l’HTML e chi l’italiano. Rimane il fatto che il Sig. Severino è un “personaggio”. Personaggio di quelli che, se anche in maniera sgrammaticata, hanno qualcosa da dire e vi posso garantire che di questi tempi trattasi di merce rara.

  10. Marta ha detto:

    Infatti, Maurizio. Pensa tu che è proprio l’inverso, provengo io dalla campagna e lui dai salotti!
    Forse proprio per questo motivo le persone che nascono in ambienti più ostili sono spronate a migliorarsi giorno per giorno, e chi ha e avrà sempre le sue comodità, non avrà mai motivo di rimboccarsi le maniche. Non ho nulla di personale contro Severino, qualche volta concordo con lui, altre volte assolutamente no. Ma è questo suo vantarsi di non saper l’italiano che mi da fastidio, lo trovo un insulto alle persone che per avere meno della metà di ciò che ha lui devono mettersi in gioco e sacrificarsi per tutta una vita. Non giudico la persona, ma la sua conoscenza della lingua del paese di cui fa parte. D’altronde, chi non vuole essere oggetto di critiche, non dovrebbe postare su questo tipo di siti.

  11. il_bacucco ha detto:

    @ tutte/i, ok argomento severino finito. ok?

I commenti sono disabilitati.