I titoli: Diga e 5 Stelle; metadone; cassonetti e visibilità; incidentino; Artport; jazz; condanne

Diga castorina, riceviamo e pubblichiamo

Permettetemi di fare una premessa prima di entrare nel merito della questione.  L’obiettivo principale che ha costituito il MoVimento 5 Stelle é stato quello di portare la partecipazione attiva dei cittadini nelle istituzioni. L’utilizzo della partecipazione attiva dei cittadini ha portato il meetup del MoVimento 5 Stelle bassa friulana ovest a recepire il malcontento diffuso sulla questione delle cataste di legno sui ponti del Tagliamento. Durante gli incontri dei meetup si é discusso del problema cercando di reperire le fonti amministrative con le eventuali proposte.   Evidenziata la portata delle responsabilità si é deciso di portare il problema all’attenzione dei consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle.    Il risultato della partecipazione diretta dei cittadini é nelle parole del portavoce regionale del MoVimento 5 Stelle Sergo Cristian.

Tronchi d’albero sul Tagliamento, Sergo (M5S): «La giunta Serracchiani intervenga subito per sbloccare questa situazione paradossale»

«Bisogna agire in fretta per ripulire una volta per tutte il fiume Tagliamento dai tronchi d’albero che si sono depositati sui piloni del ponte ferroviario di Latisana». Il consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle Cristian Sergo interviene su uno dei casi più paradossali degli ultimi tempi.        «Stiamo seguendo molto da vicino la situazione – spiega Sergo -. Dopo aver letto delle azioni del sindaco Benigno abbiamo cercato di approfondire la questione per capire cosa – ancora – stesse effettivamente bloccando l’esecuzione dei lavori e così abbiamo contattato direttamente Rete Ferroviaria Italiana spa (Rfi). Alla fine siamo rimasti abbastanza perplessi – prosegue il portavoce M5S -. La società, già di per sé poco “contenta” di intervenire per risolvere un problema “a monte” (in tutti i sensi), sostiene, infatti, che una volta affidati i lavori ad una delle ditte che sono state regolarmente contattate, devono passare i 35 giorni canonici per le verifiche di legge e per dare il tempo alle ditte escluse di poter fare ricorso, qualora lo ritenessero opportuno».

«Il termine dei 35 giorni può essere sospeso “solo” previa decretazione d’urgenza dei lavori da parte di una delle autorità competente – precisa Sergo -. Ha ragione quindi il sindaco Benigno a lamentare una eccessiva burocrazia che in queste occasioni non permette di individuare i responsabili o le autorità competenti. Eppure i rischi sono sempre dietro l’angolo, basta dare un’occhiata alle “bombe d’acqua” cadute di recente nel Lazio. Senza dimenticare – aggiunge – che interessati alla questione sono anche il Genio civile, la Protezione civile, il Servizio Difesa del suolo della Regione oltre che i comuni direttamente interessati».

«Auspichiamo quindi che anche gli assessori regionali competenti in materia intervengano al più presto per sbloccare questa situazione. Bisogna evitare – conclude – che i lavori partano “solo” dopo la prima settimana di luglio, visto che si conosce già dal 27 maggio il nome della ditta che dovrà fare questo tanto atteso intervento sul Tagliamento».

Infine mi permetto di segnalare alla popolazione che se volesse partecipare attivamente alle riunioni del MoVimento 5 Stelle, per portare il proprio contributo sia informativo che propositivo, di consultare il link:

http://www.meetup.com/Movimento-5-Stelle-Bassa-Friulana/  O di contattare il sottoscritto via mail   toniogaudiano@msn.com  —  Il co-organizer del MoVimento 5  Stelle Bassa Friulana Ovest – Antonio Gaudiano

integriamo l’intervento con un’altra nota di Antonio Gaudiano:

Sarebbe, altresì, interessante sapere e conoscere quanto verrà a costare quest’intervento, considerato che non è il primo e non sarà nemmeno l’ultimo intervento di questo tipo, ricordiamo che nel dicembre 2012 le Regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto hanno predisposto una gara d’appalto per “Interventi di messa in sicurezza idraulica del basso corso del fiume Tagliamento”, affidati il 26 febbraio 2013 che dovevano riguardare la difesa del territorio veneto-friulano, il rinforzo dei corpi arginali nel tratto compreso tra Latisana e la foce, nonché la costruzione dell’opera di presa del canale Cavrato e l’adeguamento strutturale dello scolmatore, tutti interventi previsti nel Piano Stralcio per la sicurezza idraulica del Tagliamento approvato con DPCM 28/08/2000, gara poi vinta al “Costituendo RTI tra 3TI PROGETTI ITALIA INGEGNERIA INTEGRATA spa (mandataria) Via del Fornetto n. 85 Roma – TECHNITAL spa (mandante) Via Cassano d’Adda 27/1 Milano – ARCHEST srl (mandante) Via Giustinian 31 Palmanova (UD)”” per l’importo di € 359.996,00, oltre IVA.

….come si vede torna in campo la Archest che già avevamo incrociato ai tempi della famosa commissione consiliare sul progetto della Città della Salute, vi ricordate??

Metadone

Ci hanno segnalato la presenza di una fiala di metadone in zona Centro Intermodale; ecco le foto.

DSCN5937

DSCN5938

DSCN5940

Cassonetti e visibilità

Ecco altre due situazioni di scarsa visibilità per chi esce dal parcheggio a causa cassonetti e altro; zona parcheggio di Via Sottopovolo e zona Interspar di Crosere.

DSCN5946

DSCN5947

Incidentino

Un’auto è uscita di strada, finendo nel fossato, giovedì mattina davanti alla Lidl; nulla di grave per fortuna.

DSCN5936

Venerdì 27 giugno al Marinaretto

DSCN5941

Martedì 24 giugno dal Campanile

DSCN5944

Jazz, sabato 21 e domenica 22 in Aprilia Marittima

jazzz

Condanne

Coppia di sordomuti condannata per il tentato omicidio del marito della donna, anch’egli sordomuto:Dagmar Sojkova, 46 anni, originaria della Repubblica Ceca, ma residente a Latisana (Udine), e l’amico-amante Sergio De Lorenzi, 57 anni di Erto e Casso, ma residente adAviano (Pordenone) sono stati arrestati dagli agenti della Squadra mobile di Udine.  Devono scontare una pena definitiva per il tentato omicidio del giardiniere sordomuto Franco Galasso, 60 anni di Pertegada, colpito ripetutamente con la gamba di una sedia, la sera dell’11 febbraio 2010, nel cortile di casa pare per motivi economici.

Condividi il post!

PinIt

Un commento su “I titoli: Diga e 5 Stelle; metadone; cassonetti e visibilità; incidentino; Artport; jazz; condanne”

  1. denis ha detto:

    Scrivi “torna in campo archest” , ti cconsiglio di vedere per un attimo il loro sito e scoprirai che assieme a incarico di Udine sono gli studi piu grossi e strutturati della regione per cui lavorano per eni, rizzani, Zamparini, Danieli, fvg strade……e capita anchè latisana. Forse a latisana ci son troppi studioli anchè di bravi professionisti ma chè fra loro fan poco squadra!

I commenti sono disabilitati.