Il PD Latisanese e il tema del sociale

La proposta totalmente diversa per i lasciti Samueli e Toniatti

Erano più di una cinquantina ieri sera, lunedì, al Polifunzionale per assistere alla prima serata organizzata dal neo segretario del PD locale Luca Abriola, e importante era il tema scelto: quello dell’utilizzo dei lasciti Samueli e Toniatti. Sul tavolo dei relatori, oltre a Abriola, Sergio Simonin, già sindaco di Latisana, e Orlando Fantin, già vice sindaco e da molti indicato come possibile protagonista della coalizione che si contrapporrà al PdL, o come diavolo si chiamerà l’attuale maggioranza. Dopo l’analisi storica (leggi tutto)


e economica dei beni in discussione, si tratta dell’immobile di Viale Stazione di proprietà della Casa di Riposo (1 milione di euro circa) e dei terreni e case dell’eredità Toniatti (circa 5 milioni di euro), dopo aver contestato il progetto dell’ ”Abitare Possibile” voluto dal Comune, e contestato per la mancanza di chiarezza sul gestore e sui costi di utilizzo e di gestione, il PD ha presentato la sua proposta, che è articolata e molto concreta. In primo luogo, il luogo dove eravamo: il Polifunzionale. Nato per essere centro di aggregazione per anziani e motore culturale e di iniziative, è stato svuotato di questa funzione e ora si vuole sistemare la palazzina di Viale Stazione per fare la cosa che già c’era. In secondo luogo vanno bene gli appartamentini per autosufficienti, ma ridotti e in misura inferiore, perché il futuro, che si voglia o meno, è fatto sempre di più di anziani non autosufficienti e di persone colpite da Alzheimer. Terza cosa  il potenziamento della Casa di Riposo aumentando spazi e servizi e dotandola di strutture integrate per il servizio di supporto alle famiglie, soprattutto nelle ore diurne. In questa ottica va anche sviluppata la sinergia con l’ASS n° 5 che, tradotto in soldoni, significa avere gratis gli spazi e il giardino posto tra Ospedale vecchio e  Casa di Riposo e lì costruire l’ampliamento necessario. Molti gli interventi: importante quello del Consiglio dei Pensionati, Luciano Agosti, che ha ribadito i concetti espressi dagli esponenti del PD e, purtroppo, degna di nota anche la chiusura di Ernestino De Marchi che ha così riassunto al situazione: “…la Sindaca ci ha detto che la Giunta ha già deciso…” Ma la sensazione, anche perché dire di vendere è una cosa e vendere è un’altra cosa, la sensazione è che a far decollare la nuova struttura sarà in effetti la nuova giunta. Che poi sia la stessa di adesso è un altro ragionamento.

Condividi il post!

PinIt