jazz, caserma dei vigili, casa di riposo

Caserma dei Vigili del fuoco, si inizia

Con un procedimento amministrativo, chiamato “ Avviso di esecuzione di immissione in possesso” inizia l’iter per la costruzione della nuova caserma dei Vigili del Fuoco, sfrattati dal vecchio stallo dietro le elementari ed attualmente ospiti dl magazzino comunale. La zona è quella tra il magazzino e viale Fontanin.

Jazz. Jazz?

Siamo il 19 giugno mentre scrivo, il 20 quando leggerete. Il giorno sabato 23 giugno si svolge in Aprilia Marittima il Jazz Contest. Sapete tutti cosa è. O no? A tutt’oggi, almeno per quello che risulta ad una persona mediamente informata come il sottoscritto, non esistono locandine in giro, pieghevoli, non se ne legge sulla stampa nazionale, sui periodici, sui quotidiani locali, non se ne sente parlare alla radio e tantomeno alla tv: e insomma nulla di nulla. Un po’ poco per una manifestazione che ha visto il Comune andare in trasferta alla BIT di Milano per presentare appunto questa manifestazione in abbinata alla Lignano Sabbiadoro Gestioni e nell’ambito del celebrato Festival “The Nightfly Jazz Festival on the Beach” di Lignano Sabbiadoro che si terrà dal 28 al 30 giugno 2012 con la direzione artistica di Nick the Nightfly. Pareva dovesse essere la manifestazione principe dell’estate, altrimenti che senso aveva presentarla a Milano? Pare invece che si svolga in sordina, non nel senso di tromba (wah-wah o Harmon), ma proprio con basso profilo. Non è così che si integra maggiormente il Comune con i giovani e Latisana con Aprilia Marittima, sempre che questo si voglia fare. Per chi amasse il Jazz, comunque, maggiori informazioni sono: inizio alle ore 20.00, in Aprilia (crediamo piazzetta Imbarcadero, ma non sappiamo) e che alla fine suoneranno Rudy Fantin e Antonino Puliafito che si esibiranno in Moderne Stravaganze – Progetto Bach. Buona musica.

Dal sito de Il Gazzettino

UDINE – Potrebbero costare 16 anni di reclusione i maltrattamenti nella casa di riposo per anziani “Umberto I” di Latisana (Udine). È stata questa, infatti, la richiesta di condanna del pm di Udine Maria Caterina Pace nei confronti degli ultimi sei imputati. Il pubblico ministero ha chiesto tre anni ciascuno per la direttrice, Valentina Maiero (60 anni), e per Adriano Di Luca (57), medico convenzionato con la struttura. Leggermente più bassa, due anni e nove mesi, la richiesta per le operatrici socio-sanitarie o assistenziali Carolina Bianco (43), Tosolina Masotti (55) e Zhivka Dimitrova Hadzhimitrova (46). A tutti sono contestati i reati di maltrattamenti, lesioni, sequestro di persona, procurato stato di incapacità e abbandono di incapace, per le vessazioni a cui sarebbero stati sottoposti nel 2006 gli anziani ospiti. Direttrice e medico, chiamati a rispondere per non aver impedito le condotte degli altri co-imputati, sono accusati anche di induzione al falso e truffa ai danni dell’Azienda sanitaria, per false attestazioni di presenza del medico in casa di riposo, dirette a ottenere i compensi. L’accusa ha chiesto però per loro l’assoluzione per mancanza di prova da una serie di falsi e truffe inizialmente contestate per prescrizioni relative a farmaci o prestazioni sanitarie formalmente attribuite ali ospiti ma utilizzate da terzi. Infine è arrivata una richiesta di condanna a due anni e mezzo per Elio Serra (60), socio e contitolare dell’impresa di pompe funebri, accusato di aver promesso all’addetto alla cella mortuaria dell’ospedale somme di denaro per indirizzare i parenti delle persone decedute verso la sua impresa.  Martedì 19 Giugno 2012 – 19:59    Ultimo aggiornamento: 20:03

Condividi il post!

PinIt