La Domenica del Bacucco: Messattino della settimana, Nostràn; Via della Cooperazione; 5 Stelle e Punto Nascita; lite in famiglia

Via della Cooperazione, Pertegada.

Articolo che dedichiamo all’Assessora Maddalena Spagnolo e al Comandante Eros Del Longo. Giova sempre sapere chi poi dovrebbe intervenire: siamo in campagna elettorale ormai.

Susanna -Oggetto: Via della Cooperazione: giusto per rinfrescare la memoria…stasera (venerdì) ore 21 circa percorrendo la statale in direzione Lignano dalla farmacia fin oltre la pizzeria non si contavano le vetture (auto e altro, specie di targa straniera) parcheggiate in strada: ora, oltre un anno fa furono posizionati, senza successo, i famosi panettoni “fantasma”; a seguire il comandante della polizia municipale rispose ad una mia mail che compatibilmente con disponibilità di cassa si sarebbe provveduto all’apposizione di paletti di delimitazione …attendiamo… senza poi commentare il fatto che anche stasera ore 19.15 la sottoscritta ha rischiato un frontale con un cretino su Audi A3 bianca che è uscito contromano sulla statale direzione Lignano. Grazie per l’attenzione, Susanna

5 Stelle e Punto Nascita

Un breve promemoria per ricordarti che Movimento Bassa Friulana ha in programma un Meetup per il domani. Ci sarai? Davide Morsanutto ha aggiunto questo Meetup per Movimento Bassa Friulana: Banchetto informativo e raccolta firme pro referendum uscita dall’euro; domenica 29 marzo 2015 10.00, in Piazza Garibaldi, Latisana. Sara’ presente il certificatore dalle ore 10.30 alle ore 12.15; al banchetto si potra’ inoltre firmare per il mantenimento del Punto Nascita a Latisana.

Nostràn, riceviamo e pubblichiamo

Enoteca del Comun….

Con il consueto interesse seguo le peripezie del “bacucco” alla ricerca del mitico “nostran” latisanese. Questa sorta di ambrosia alcolica e profumata, ….e con i primi caldi spesso anche acidina…, ora introvabile, ma che a Latisana molti rimpiangono, se non altro perché per tanti coincide con la giovinezza e con i bei tempi ormai andati.

I sapienti vignaioli latisanesi che un tempo lo producevano, lo facevano maturare in vetuste botti di legno ben prima che i “passaggi in barrique” facessero status nella produzione enologica. Una vera eccellenza del territorio il “nostran”, un vino tanto nobile del quale si è purtroppo rarefatta la produzione, ma che i latisanesi sembra non abbiano ancora dimenticato.

In questo li aiuta lo sforzo del “bacucco”, che con lodevole impegno si prodiga per il recupero della memoria locale, anche attraverso la riscoperta delle produzioni di ieri, per rinverdire e caratterizzare una “latisanesità” che oggi sembra sempre più sbiadita. A questo encomiabile sforzo per il recupero della memoria enologica di Latisana suggerirei però aggiungere anche una valorizzazione di ciò che nel presente già c’è: la “DOC FRIULI LATISANA”

Una produzione vinicola di tutto rispetto che i latisanesi, e un pochino mi pare anche il “bacucco”, sembrano ignorare o quantomeno sottovalutare. Magari non avrà i “quarti di nobiltà” di quella del Collio, ma si tratta comunque di un prodotto locale di tutto rispetto, che vede coinvolti alcune decine di produttori con più di 400 ettari di vigne, i cui filari caratterizzano, anche dal punto di vista “estetico”, una buona parte del nostro territorio.

Cosa si potrebbe fare quindi, oltre al recupero del “nostran”, per valorizzare il presente e non solo il passato dell’enologia latisanese? Al “bacucco” non difettano certo né la capacità né la conoscenza della materia per avanzare delle proposte. Personalmente, da inesperto della materia, ne suggerirei una: la presenza in tutte le manifestazioni locali (festa di primavera, calici di stelle, settembre latisanese, San Martino, ecc.) di una “ENOTECA COMUNALE” che presenti il meglio della produzione vinicola locale, magari curata e gestita con la solita capacità dalla Pro Loco. Negli stessi giorni, anche i bar e le osterie Latisana potrebbero proporre al banco i vini locali, ovviamente oltre ai soliti veneti o del Collio.

Mi pare che così, con iniziative abbastanza semplici, potremmo non solo recuperare lo “storico” latisanese, ma anche valorizzare il presente, gratificando, perché non farlo, i vignaioli locali, che con il loro lavoro e i loro prodotti sono un significativo pezzo dell’economia del nostro territorio. Mandi, ernesto de marchi

Lite in famiglia

da: (ANSA) – UDINE, 28 MAR – Una coppia di coniugi residenti in un paese della Bassa Friulana, entrambi sull’ottantina, è stata arrestata e posta ai domiciliari ieri dai Carabinieri con l’accusa di maltrattamenti in famiglia ai danni della figlia, una donna sulla quarantina che abitava con loro. La situazione in casa era diventata tesa per questioni legate alla gestione di un’azienda familiare. Ieri la situazione è degenerata in un’aggressione che ha costretto la figlia a ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Messattino della settimana

messattino

Domenica 22 marzo

Sul Gazzettino foto e articolo per il premio dato a Una Mano per Vivere da parte della Confartigianato Friulana durante la festa di domenica scorsa. Sul Messaggero la storia di Villa Zuzzi a San Michele al Tagliamento distrutta dai bombardamenti e ora se ne vedono i resti dopo il disboscamento fatta appena al di là del ponte. In cronaca si parla ancora di furti e vandalismi nell’ex Parco dei pappagalli, ormai abbandonato e ridotto molto male.

Lunedì 23 marzo

Sul Gazzettino l’incidente di Piancada, solo ferito e quello leggero a Latisana di un giovane sanmichelino, senza altri dettagli. Nulla sul Messaggero.

Martedì 24 marzo

Sul Gazzettino la scomparsa di Luigi Bertoja, mandi. Sul Messaggero il Sindaco parla dell’AVIS che si occuperà della pre accoglienza scolastica a Pertegada e Latisana, grazie ad un accordo e a un piccolo contributo. Niente per Paludo. Cronaca poi di un incontro a scuola, ISIS, per spiegare come funziona il 118 regionale.

Mercoledì 25 marzo

Nulla sul Gazzettino. Sul Messaggero si parla del sms per segnalare il bullismo a scuola; progetto nazionale applicato anche alle superiori di Latisana e di Lignano Sabbiadoro; annunciato poi il Concerto di Primavera di giovedì scorso all’Odeon.

Giovedì 26 marzo

Sul Messaggero in pagina Sanità la proposta di alcuni consiglieri comunali a proposito del Punto Nascita: si tende ad allungare il tempo di sperimentazione per valutare meglio i flussi soprattutto dal Veneto. In cronaca le valutazioni fatte da Pan di Zucchero sulle famiglie in difficoltà. Nulla sul Gazz.

Venerdì 27 marzo

Nulla sul Gazz. Sul Messaggero il Consiglio Comunale aperto con la partecipazione dell’Assessora Telesca; foto e dichiarazioni dell’esponente regionale.

Sabato 28 marzo

Nulla sul Gazz. Sul Messaggero la cartolina coi 10 motivi per non chiudere il Punto Nascita, a cura del Comitato Nascere a Latisana; poi la Mostra delle barche usate in Aprilia Marittima.

Condividi il post!

PinIt

4 commenti su “La Domenica del Bacucco: Messattino della settimana, Nostràn; Via della Cooperazione; 5 Stelle e Punto Nascita; lite in famiglia”

  1. Paolo Miotto ha detto:

    Possibile che questa via della cooperazione,sia ancora un problema dopo almeno 2 anni?
    Quando si tratta di dover pagare qualcosa,lo vogliono o subito oppure mettono un termine tassativo,usando lo stesso metro,queste cose dovrebbero essere state risolte da tempo!!!

  2. il_bacucco ha detto:

    caro paolo….. diritti di serie a e diritti di serie b….

  3. Stefano ha detto:

    Per non parlare del problema cassonetti! Ora che si esce solo su via del Varmo, vicino alla pizzeria e all’ incrocio con detta via sono rimasti sempre gli stessi! 8 cassonetti per cinquanta famiglie! In via Casette 4 cassonetti per tre case!!!

  4. il_bacucco ha detto:

    @ stefano: ..saranno tre case importanti 🙂 🙂

I commenti sono disabilitati.