La Domenica del Bacucco: Messattino della settimana, panettoni; Lega Nord; Alzheimer; SNOQ; carte di credito

Lega Nord

Incontro pubblico con la Lega Nord e con Maddalena Spagnolo, Massimo Fedriga e Pietro Fontanini, venerdì 16 gennaio alle 20.30 al Polifunzionale. Ospedale e Sicurezza i temi.

Ancora panettoni

Riceviamo da Susanna di Pertegada, pubblichiamo non senza prima aver fatto anche qui i nomi: l’assessore di cui si parla nel commento si chiama Sandro Vignotto, è assessore ai llpp ed è entrato solo da qualche mese in giunta; la foto del panettone con i canditi l’aveva messa lui sulla sua pagina facebook. Ecco il commento:

…bè almeno i panettoni a Latisana li avete ancora! quello che c’era sulla statale all’ingresso di via Cooperazione è sparito, deve aver veramente messo le ali (o se l’è mangiato qualcuno?) ! più volte è stato segnalato lo spostamento sia ai vigili che all’assessore competente, che dopo aver postato ironicamente la foto del panettone con i canditi “dovrebbe” essere venuto in sopralluogo già ad ottobre dell’ormai passato anno, …da lì il silenzio…e il panettone è sparito.

E i parcheggi selvaggi sulla statale continuano, creando come più volte segnalato situazioni di pericolo…e stiamo ancora attendendo una soluzione in merito all’uscita dei pedoni dalla via in direzione del semaforo, che si risolverebbe semplicemente apponendo dei paletti (vedi zona Salmaso) di delimitazione: ottenendo così un doppio risultato, niente parcheggi sconsiderati e possibilità di transito pedonale in sicurezza.   grazie per l’attenzione…

SNOQ

Nelle scuole di Latisana un progetto innovativo per educare al rispetto e alla prevenzione di ogni forma di violenza

Gli Istituti Comprensivi di Latisana, Palazzolo dello Stella, Lignano Sabbiadoro e l’ ISIS E. Mattei di Latisana hanno dato la loro convinta adesione al progetto Educare alle differenze e al rispetto delle diversità, ideato dall’Associazione Culturale SNOQ?UDINE e finanziato tra i Progetti Speciali dalla Regione Friuli Venezia Giulia.

Tale iniziativa intende essere un progetto pilota innovativo in quanto si propone di educare le giovani generazioni a convivere e rispettare tutte le differenze che la vita e la natura ci propongono, tenendo presente che siamo tutti/tutte individui UNICI e pertanto diversi/e. Riconoscere l’altrui aspetto, i modi di essere, le altre forme di cultura, purché basate sulla convivenza pacifica e sul rispetto reciproco, diventa in questa prospettiva un fattore ineludibile e improrogabile se vogliamo.

Si intende in tal modo prevenire ogni tipo di violenza (da quella di genere a quella razziale, da quella omofobica a quella religiosa), che nella scuola spesso appare, fin dai primi anni, sotto forma di bullismo, e si vuole inoltre concorrere a superare gli stereotipi ancora presenti nella nostra cultura.

Il ruolo centrale sarà degli e delle insegnanti che, nel classi sperimentali – che vanno dalla scuola dell’infanzia, alla primaria, alla secondaria di 1° e 2° grado -, attiveranno specifici percorsi didattici, con la consulenza e il supporto scientifico di esperti del settore provenienti dall’Università di Udine e Trieste.

E’ questo un grande segnale di attenzione e di sensibilità sociale da parte delle istituzioni scolastiche del territorio di Latisana/Lignano, che con questa iniziativa intendono rafforzare la collaborazione con le famiglie, le associazioni locali e la comunità tutta al fine di creare le condizioni per un’educazione che superi le burocrazie e i conflitti per diventare autentica occasione di crescita comune per tutti e tutte.

Non a caso il progetto proposto da Snoq? Udine è attuato con la collaborazione dell’Associazione Sorridi ancora di Latisana – che da anni si occupa di sradicare gli stereotipi relativi alla differenza di genere – ed è sostenuto dalle Associazioni dei genitori di Ronchis di Latisana Insieme ai bambini e di Lignano Sabbiadoro Lignano in fiore.

Le attività di progetto si aprono con un incontro rivolto a tutti il 22 gennaio 2015, alle ore 18.30, presso l‘auditorium dell’ISIS Mattei di Latisana (Via Bottari) con la presentazione del progetto ai docenti, alle famiglie, alle associazioni del territorio. Nell’ambito dell’incontro interverrà il prof. Daniele Fedeli dell’Università per gli Studi di Udine, profondo conoscitore delle problematiche connesse al fenomeno del bullismo a livello regionale e nazionale, che esaminerà il tema Scuola e famiglia insieme per educare al rispetto. Saranno inoltre presenti il Vice Questore di Udine dott. Massimiliano Ortolan, le Dirigenti Scolastiche, le Autorità locali, le Presidenti delle Associazioni SNOQ?UDINE e Sorridi ancora, oltre alla curatrice scientifica del progetto dott.ssa Rosalba Perini e alle componenti il gruppo di lavoro.

Carte di credito

Rubate…operazione dei Carabinieri; quattro denunciati, una di questi è una minorenne; le carte erano state sottratte questa estate a Lignano. Alcune carte trovate in una abitazione della zona

Alzheimer

Incontri di gruppo psicoeducativi per familiari di persone con diagnosi di demenza (aperti anche ai volontari, agli assistenti familiari ed a chiunque sia interessato). L’associazione Alzheimer Basso Friuli e Veneto Orientale organizza degli incontri rivolti a tutti i familiari di persone affette da demenza che vivono la difficoltà di comprendere la malattia, di gestirne i sintomi e fare le scelte assistenziali più adeguate. Gli incontri, totalmente gratuiti, coordinati dalla psicologa-psicoterapeuta dott.ssa Leila Gasparotto, si svolgeranno presso l’Oratorio di Latisana secondo il seguente calendario dei primi sette mesi dell’anno 2015 : lunedì 12 gennaio ore 15.30-17.00^^lunedì 26 gennaio ore 18.00-19.30 — lunedì 9 febbraio ore 15.30-17.00 — lunedì 9 marzo ore 15.30-17.00^^ lunedì 23 marzo   ore18.00-19.30 — lunedì 13 aprile        ore 15.30-17.00 — lunedì 11 maggio ore 15.30-17.00^^lunedì 25 maggio   ore 18.00-19.30 — lunedì 8 giugno ore 15.30-17.00 — lunedì 13 luglio   ore 16.30-18.00 — Solo durante il gruppo con orario 15.30-17.00 è attivo il “caffè Alzheimer” per le persone affette da demenza i cui familiari frequentano l’incontro. Chi vuole attivare tale servizio deve telefonare una settimana prima di ogni incontro al numero 3400533016.

Messattino della settimana

messattino

Domenica 4 gennaio

Nulla sul Gazzettino. Sul Messaggero l’Ospedale di Latisana per l’incidente in Autostrada; poi sempre Latisana per l’incidente sulla statale 14 di San Michele al Tagliamento, con una infermiera che appunto vi lavora che ha prestato i primi soccorsi ai feriti, compresa una bambina di 5 anni. Poche le notizie, incidente verso sera. In cronaca il non aumento delle rette alla Casa di Riposo e altre notizie ricavate dalla delibera dell’Ente.

Lunedì 5 gennaio

Nulla sul Gazzettino. Sul Messaggero pagina delle foghere gli appuntamenti di lunedì e martedì a Latisana e nelle frazioni.

Martedì 6 gennaio

Sul Messaggero il latisanese Loris Tramontin e il suo ricordo di Pino Daniele: molti i concerti organizzati dal patron di Azalea Promotion; idem anche sul Gazzettino. Nella paginona delle foghere spazio anche a quelle di Sabbione Paludo e di Pertegada. In cronaca un incendio a Latisanotta, Via Roma con una taverna distrutta, ma per fortuna pochi danni all’abitazione principale; poi il concerto del Coro E’ più bello Insieme, a Precenicco. Incendio anche sul Gazzettino e un incidente domestico ad una mano, tagliata, occorso ad uno che abita in zona Latisana.

Mercoledì 7 gennaio

Nulla sul Gazzettino. Sul Messaggero ironico articoletto contro il Sindaco e il suo post su facebook inerente il fumo e le foghere; sul giornale c’è scritto che Benigno (che è nato a Catania, quindi va capito) ha male interpretato la direzione del fumo….. In cronaca la vecchia sede dei Vigili del Fuoco, quella attaccata alla Casa del Mutilato dietro le elementari, diventerà sede di associazioni.

Giovedì 8 gennaio

Nulla sul Gazzettino. Sul Messaggero nella pagina dei dragaggi della Laguna di Marano e di San Giorgio di Nogaro, si parla di Aprilia Marittima, al momento esclusa dai lavori.

Venerdì 9 gennaio

Sia Gazzettino che Messaggero, ma anche altri quotidiani nazionali, danno spazio all’omicidio-suicidio di Piancada di Palazzolo dello Stella; l’assassino, il Brochetta, era molto conosciuto per la sua attività Orogemma davanti al Duomo; in città non si parla d’altro e ampi sono stati i servizi in tv. Cordoglio per la morte del finanziere Pavan. In cronaca del Messaggero i lavori di riasfaltatura di Via Isonzo, che si alzerà di circa 3 centimetri; speriamo venga anche risolto il problema dell’acqua che scivola nelle case.

Sabato 10 gennaio

Sul Gazzettino e sul Messaggero tiene ancora banco la tragedia di Piancada, con l’omicidio suicidio; si scava ora nei motivi del folle gesto; ci sono fiori e bigliettini davanti al negozio dell’omicida. In cronaca si parla del corso per lettori volontari in Biblioteca.

Condividi il post!

PinIt

6 commenti su “La Domenica del Bacucco: Messattino della settimana, panettoni; Lega Nord; Alzheimer; SNOQ; carte di credito”

  1. Paolo Miotto ha detto:

    Io non mi intendo molto,ma mio nonno era ossessionato dal fatto che la strada fosse più in alto della casa perchè,in caso d’acqua,questa sarebbe arrivata sicuramente dentro.

  2. denis ha detto:

    A me i personalismi degli assessori con il loro profili Facebook mi fanno un po pena, una volta, ai tempi di Beznev, c’erano i comunicati stampa ufficiali e non c’era la smania di essere dei tuttologi che sentono il bisogno di postare sui loro profili commenti e news.
    Il risultato è che chi ha tanta smania di apparire e di far vedere che risolve alla fine viene bersagliato di continuo. Vignotto ammetto non mi è simpatico ma è come il prezzemolo e alla fine non si capisce perché l’assessore ai lavori pubblici deve occuparsi del lavoro dei operai, delle telecamere. della segnaletica stradale, dei cassonetti e ora dei panettoni e della segnaletica. Alla fine diventa il colpevole di tutto e sembra si faccia carico di tutto. Da esterno mi pare che in giunta c’è chi si attiva lavora e si prende tutte le colpe anche per quello che non riesce o non può fare, c’è’chi sta solo al bar, chi è all’estero e ogni tanto mette la divisa davanti la tv, e chi solo parla di sicurezza, ma stringi stringi non fa nulla.
    Puntare il dito sul più giovane e meno navigato fa comodo solo ai più vecchi che nn mollano l’osso. Il vignotto è lì da sei mesi non mi pare che i panettoni e la viabilità gli competano… mi sembra invece che i prossimi paletti di via percoto li hanno volui i vigili & sp.
    Quindi bisogna chiedere al politico giusto visto che qui va ognuno per la sua strada perché è evidente che manca una regia unica!
    Buon proseguimento

  3. andrea ha detto:

    Tagadà….chi fa il giro di Bergamin per andare a S. Michele. L’ asfalto consumato dal passare dei camion e auto….

  4. milan ha detto:

    Ai tempi di mio nonno le strade avevano i fossi…ora quanti di noi hanno un fosso davanti casa e quelli che lo hanno scommetto che vorrebberoche venisse intubato per non avere le bisce i ratti e la scocciatura di tagliare l’erba…alla fine se impermeabiliziamo tutto non c’è fogna e caditoia che con certi eventi ti protegga la casa dall’acqua…era meglio avere i fossi.

  5. laurisa ha detto:

    Progetto innovativo sempre così lo chiamano,genitori aprire gli occhi questo è indottrinamento gender opponetevi a queste schifezze che entrano nelle scuole dove si dice che omosessuale è bello che la famiglia nature non esiste… APRITE GLi OCChi l educazione si insegna a casa e non è compito della scuola

  6. il_bacucco ha detto:

    @ laurisa: io son vecchio, e mi ricordo di una materia scolastica……. si chiamava “educazione civica”……..

I commenti sono disabilitati.