La Domenica del Bacucco: Messattino della settimana; panettoni; meteo; Cioccolatiamo

Meteo, vedi www.lignano-sabbiadoro.it

Ancora panettoni ( e parcheggi nei commenti)

E attraversamento sulle strisce, nei commenti e un suggerimento utile qui http://www.aci.it/fileadmin/documenti/notizie/Studi_e_ricerche/linee_guida_attraversamenti_pedonali_2011.pdf, grazie a… Stefano Cozzutti ARTICOLO 145

(Art. 40 Cod. Str.) Attraversamenti pedonali.

  1. Gli attraversamenti pedonali sono evidenziati sulla carreggiata mediante zebrature con strisce bianche parallele alla direzione di marcia dei veicoli, di lunghezza non inferiore a 2,50 m, sulle strade locali e su quelle urbane di quartiere, e a 4 m, sulle altre strade; la larghezza delle strisce e degli intervalli è di 50 cm (Fig. II.434).
  2. La larghezza degli attraversamenti pedonali deve essere comunque commisurata al flusso del traffico pedonale.
  3. In presenza del segnale FERMARSI E DARE PRECEDENZA l’attraversamento pedonale, se esiste, deve essere tracciato a monte della linea di arresto, lasciando uno spazio libero di almeno 5 m; in tal caso i pedoni devono essere incanalati verso l’attraversamento pedonale mediante opportuni sistemi di protezione (Fig. II.435).

( DA PROPORRE SUBITO PER L’ATTRAVERSAMENTO DELL’ORATORIO)

  1. Sulle strade ove è consentita la sosta, per migliorare la visibilità, da parte dei conducenti, nei confronti dei pedoni che si accingono ad impegnare la carreggiata, gli attraversamenti pedonali possono essere preceduti, nel verso di marcia dei veicoli, da una striscia gialla a zig zag, del tipo di quella all’articolo 151, comma 3, di lunghezza commisurata alla distanza di visibilità. Su tale striscia è vietata la sosta (Fig. II.436).

…e ancora panettoni e strisce ( ma perché il Sindaco, gli Assessori e i Vigili non sentono le lamentele e le proteste della popolazione?? Cosa sono impegnati a fare???) .. riceviamo e pubblichiamo

Buon giorno Bacucco. Mi collego al problema serio degli attraversamenti pedonali. Vorrei ribadire che sono molto pericolosi a Latisana e non adeguatamente segnalati dopo il crepuscolo. Oltre a quello posto fronte Oratorio, mi permetto di segnalare sempre quello fronte bar Gambrinus, quello fronte Vida auto, quello fronte asilo E. Gasperi. Voglio inviarle una foto raffigurante due vigili in piazza Matteotti. Più volte visti e credo non solo da me. Spero un giorno di immortalarne almeno uno in prossimità di un attraversamento pedonale. E’ oramai ovvio che i panettoni non risolvono. Ci vuole presidio di tanto in tanto, almeno per lo stesso tempo che viene presidiata piazza Matteotti. Un saluto a tutti – Emilio

2015-01-23 11.09.42

2015-01-23 11.09.42

Cioccolatiamo: finale domenica 1 febbraio 2015 a Udine

Ultima giornata domenica 1 febbraio, per Cioccolatiamo, la manifestazione dedicata al cioccolato, in tutte le sue declinazioni, in centro a Udine in via Cavour e Piazza Libertà. Sedici stand da tutta Italia, con espositori provenienti da Torino, Perugia, Pavia, Treviso, Milano, dalla Sicilia e naturalmente dal Friuli Venezia Giulia, che propongono assaggi e vendita di cioccolatini, praline, cioccolata calda, grappe, torte, dolci e molto altro ancora. Non mancano gli esperti cioccolatieri e le forme di cioccolato più stravaganti. Si potrà dunque degustare e comprare cioccolata per tutti i gusti: da quella al latte fino a quella fondente, dalla cioccolata bianca a quella con il peperoncino. Un’occasione inoltre per scoprire come si lavora uno dei prodotti più golosi al mondo. Gli stand sono aperti dalle 9 alle 20 e la disposizione in pieno centro udinese permette di passeggiare in mezzo al cioccolato, godendosi la città e la manifestazione allo stesso tempo.

Messattino della settimana:

messattino

Domenica 25 gennaio

Sul Messaggero in prima pagina la coltivazione di marijuana di Bevazzana, con nome e cognome del denunziato e foto della serra tecnologica. Nelle brevi le notizie del karate di domenica al Palasport e le serate dedicate all’Alzheimer in Oratorio. Sul Gazzettino i disagi legati allo sciopero, poco pubblicizzato, dei treni.

Lunedì 26 gennaio

Gazzettino e Messaggero danno ampio spazio ( troppo per me…) agli imbrattatori con le bombolette che hanno fatto danni a Latisana in diverse situazioni; foto e considerazioni e, ovviamente, molta pubblicità all’accaduto.

Martedì 27 gennaio

Sul Gazzettino i domiciliari al bagnino di Bevazzana che coltivava in casa la marjia….. Idem sul Messaggero; poi articolo sull’andamento anagrafico di Latisana, calato negli ultimi anni e ben lontani dai 14.000; 10% stranieri, perlopiù romeni e albanesi. Infine scoperti nuovi danneggiamenti con lo spray nel raid notturno di sabato scorso, in aule delle Medie.

Mercoledì 28 gennaio

Sul Gazzettino una iniziativa di una banca in una scuola. Sul Messaggero articolo paragone tra Latisana e Cervignano, con quest’ultimo che sorpassa Latisana per abitanti; in cronaca anche l’inaugurazione del Centro Servizi al Volontariato che si trova all’Intermodale.

Giovedì 29 gennaio

Nulla sul Gazzettino. Sul Messaggero allarme per lo sviluppo di Aprilia Marittima; secondo il Piano Regionale di Assetto Idrogeologico, la zona di Bevazzana e Aprilia è a rischio 4, il massimo, e viene pregiudicata tutta la futura edificabilità; a rischio darsene, capannoni e ovviamente case e alberghi.

Venerdì 30 gennaio

Nulla sul Gazzettino ovvero solo pagina cultura con la serata teatrale all’Odeon e il Coro Foraboschi in chiesa, rispettivamente sabato e venerdì. Sul Messaggero il comunicato del PD sul riordino degli enti locali, con accuse al centro destra di Latisana e poi la notizia già annunciata della chiusura dell’Agenzia delle Entrate; dalla sede in Piazza delle Poste si sposterà in Via Rocca, ex Vigili, per uno sportello di serie b.

Sabato 31 gennaio

Nulla sul Gazzettino. Sul Messaggero si parla dell’ordinanza del Sindaco che vieta di gettare sigarette, mozziconi e pacchetti a terra e prevede multe per chi non si adegua. Poi l’annuncio di Precenicco per l’incontro con l’Assessora Telesca, giovedì, a Precenicco e non a Latisana. In cronaca anche due denunce per droga a San Michele al Tagliamento, beccati dalla Polizia Locale (si occupa anche di droga??..). Infine Benigno che si scaglia contro Stato e Regione per i soldi dell’IMU che deve mandare a Roma: 1.200.000 euro, una bella botta e si lamenta che ai sindaco viene di fatto impedito di amministrare. Beh….. se pensiamo ai soldi buttati via per la ex caserma Radaelli….. qualche pensiero lo facciamo….

Condividi il post!

PinIt