La domenica del Bacucco: Messattino della settimana; Sindaco; Madia; scuole ok; Paperopoli; previsioni meteo; Comune di Latisana; Golia/Davide; lavoro stagionale; sciopero;

Previsioni meteo a cura di Gabriele Mamone(appassionato e collaboratore).

L’ingresso di aria più fredda di origine artica ha favorito la formazione dei primi fenomeni temporaleschi della stagione, anche di modesta entità. Vediamo ora cosa dobbiamo attenderci nei prossimi due giorni: SITUAZIONE GENERALE. Nella giornata di domenica e in quella di lunedì affluiranno correnti settentrionali decisamente più asciutte e stabili. DOMENICA 19 APRILE. Avremo cieli in prevalenza sereni o poco nuvolosi. Soffieranno ancora venti di bora moderati al primo mattino, quando farà più freddo. Clima più mite di giorno. ATTENDIBILITA’ 70%. LUNEDI’ 20 APRILE. Avremo cieli sereni o poco nuvolosi con la possibilità di qualche maggiore annuvolamento. Venti a regime di brezza e clima ancora freddo al primo mattino, massime in rialzo. ATTENDIBILITA’ 70%

Lavoro stagionale

Vedi www.lignano-sabbiadoro.it

Scuole ok

Le scuole di Lignano e di Latisana sono ok, o almeno questo è quello che risulta evidente dall’elenco dei comuni interessati ai contributi regionali per l’edilizia scolastica; nel lungo elenco di soldi da spendere, Latisana e Lignano non ci sono. Scuole ok quindi, non ci sfiora nemmeno qualche altra ipotesi….

Sciopero della scuola

Il 5 maggio è stato proclamato lo sciopero generale della Scuola; sono anni che non vado a scuola, ma credo di poter lo stesso dire che l’idea di avere un preside-sceriffo, che decide chi sono i buoni e chi i cattivi, sia esattamente il contrario di una scuola buona. Mi auguro che, oltre ai prof, anche gli studenti facciano sciopero, ma non stando a casa, ma andando sotto i palazzi a dire la loro. 5 Maggio…. “..ei fu….”

Golia/Davide

Golia ha paura di Davide.   Lignano, la più importante località turistica del FVG e una delle più importanti dell’Alto Adriatico, anziché ergersi a leader dello sviluppo economico della bassa friulana occidentale si rintana nel suo microcosmo, rifiuta qualsiasi rapporto costruttivo con l’entroterra, in particolare Latisana, non vuole fare sistema con nessuno (lasciamo stare la fantasiosa e irrealizzabile idea Lignano-Grado).

Che visione miope e anacronistica; viene riferito che andare in un’UTI con Latisana sarebbe un ritorno al passato di 50 anni … ma è proprio ciò che sta facendo l’amministrazione (e non credo che gran parte dei lignanesi sia d’accordo), riporta Lignano al passato, ad un’enclave isolata dal mondo, scelta poco lungimirante per una località che proprio al mondo rivolge la propria offerta turistica.

Negli anni duemila dappertutto si ricercano sinergie, si cerca di “fare sistema”, di adeguare qualsiasi tipo di offerta ad una società in rapida evoluzione; leggiamo in questi giorni dell’iniziativa App Carnia Map, un progetto di valorizzazione della Carnia per la quale il visitatore (turista) col proprio smartphone può essere accompagnato su un percorso guidato verso paesaggi, bellezze naturalistiche, percorsi tematici, quindi promozione e marketing per area vasta, proprio l’opposto di ciò che si vuole fare a Lignano.

Da tempo peraltro chi ha visitato qualsiasi località della Carinzia ha potuto verificare come la promozione turistica sia sempre attuata almeno a livello regionale, sia sui siti on line che semplicemente con depliant cartacei e in qualsiasi albergo della regione (dotata di wi-fi gratuito) forniscono notizie, informazioni, itinerari turistici di area vasta.

Da noi no; Lignano preferisce seguire il motto friulano “fasin di bessoi” o il più italico “meglio soli che male accompagnati”; che grande rivoluzione sistemica è stata avviata da un’amministrazione innovativa, composta da persone giovani ed intraprendenti che desideravano guardare al futuro, rottamare il vecchio potere, così almeno si sentiva dire in campagna elettorale, ma se questi sono i risultati, “ridateci Baffone”.

Mi scuso se ho osato parlare di Lignano da latisanese (come qualcuno potrebbe obiettare); ma quanti cittadini latisanesi o della Bassa friulana hanno attività imprenditoriali a Lignano? Quanti lavorano come stagionali, quanti artigiani o libero professionisti vi svolgono parte dell’attività, quanti di noi si sono pagati gli studi “facendo la stagione” in alberghi e spiagge o, più semplicemente raggiungono Lignano come semplici turisti, magari solo della notte (i più giovani).

Per questo ci sentiamo tutti un po’ latisanesi e quindi legittimati a parlare di Lignano, preoccupati non per un calo di presenze, ma per il declino culturale di una classe dirigente anagraficamente giovane, ma fuori tempo. – Ferruccio Casasola. (altro commento di Valerio nei commenti)

Sindaco

Così…tanto per alimentare qualche cin cin, facciamo un primo elenco di nomi che abbiamo sentito dare come possibili (possibili, non probabili) candidati a Sindaco, eccoli.

Marco Caineri, Gianni Martin, Salvatore Benigno, Micaela Sette, Sergio Simonin, Gianfelice Colonna, Virgilio De Marchi, Roberto Cicuto. Così è, se vi pare.

… e a Paperopoli, che si dice?

In questi giorni a Latisana e a Lignano, e soprattutto a Precenicco, si parla di UTI, Unioni Territoriali Intercomunali; la “K” comprende appunto la Bassa friulana occidentale e Latisana sarebbe comune capofila…..

uti_ufi

Comune di Latisana

like_comune_di_latisana

Facciamo uno screenshot da facebook; si legge dell’articolo sul centro intermodale apparso sul Messaggero Veneto, l’inchiesta di venerdì, e il “mi piace” del “Comune di Latisana”. Ovviamente, MOLTO OVVIAMENTE, noi non abbiamo nulla a che fare con quella pagina. Anche se, per burla o malizia, hanno messo il nostro sito di riferimento. (pagina salvata a futura memoria).

Madia, gusti e sapori

Madia Spa, di San Quirino, a Villa Borgo dei Conti della Torre, Morsano al Tagliamento (PN) – Due giorni dedicati ai rapporti con la clientela, ai rivenditori e ai nuovi amici: roba da professionisti insomma, questa Expo realizzata dalla nota ditta Madia di San Quirino(PN) in una location assolutamente stupenda, baciata anche dal sole di questa estate anticipata e che ha offerto, negli spazi della villa, l’opportunità di fare un “giro” tra le specialità gastronomiche italiane e non solo, messe a disposizione dei ristoratori soprattutto e dei pubblici esercizi in genere. Fuori l’aperitivo dei vini della Cantina I Magredi, dentro varie tavolate con i responsabili ad illustrare caratteristiche, usi e ricette con i vari tesori da tavola che si potevano tutti assaggiare. Adoro questo “giro del mondo gastronomico” fatto in pochi metri e in poche ore; raramente infatti il prosciutto spagnolo, i gamberi rossi della Sardegna, le “moeche”, il lardo o l’olio d’oliva fatto anche con le taggiasche si offrono al palato con mille altre prelibatezze, dall’antipasto al finger food, dal dolce al pesce passando per la carne e i formaggi. Abbiamo fatto qualche foto, ma odori e sapori sono solo nella nostra memoria e, spero, nella vostra voglia. Più avanti analizzeremo le varie ditte con i loro prodotti.

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. aperitivo in villa

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. pesce

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. carne

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. altra saletta

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. tiramisù e non solo

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. formaggi

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. dessert

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. prosciutto bianco

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. olio

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. una delle sale

Madia a Borgo dei Conti della Torre, Morsano al T. una situazione molto particolare

Messattino della settimana

messattino

Domenica 12 aprile

Nulla sul Gazzettino; sul Messaggero i ritardi per il completamento della Caserma dei Vigili del Fuoco; manca la recinzione e, come avevamo anticipato, una cifra sui 120.000 euro dice il giornale; la struttura sarebbe completata e risulta evidente la lungaggine di tempi. A lato viene presentato il progetto sulla attività motoria per anziani organizzata dalla Provincia.

Lunedì 13 aprile

Nulla sul Gazz. Nulla sul Mess.

Martedì 14 aprile

Sul Messaggero la Festa delle Fiabe di mercoledì scorso in Biblioteca. Nulla sul Gazz.

Mercoledì 15 aprile

Nulla sul Gazz; nulla sul Mess

Giovedì 16 aprile

Sul Messaggero e sul Gazzettino l’incidente di Latisanotta, con un 60enne, proveniente dall’Udinese, che è caduto da una scala mentre lavorava a casa sua a Latisanotta; ricovero, ma non dovrebbe essere una cosa grave per fortuna.

Venerdì 17 aprile

Nulla sul Gazz. Sul Messaggero pesantissimo articolo sul Centro Intermodale e stazione di Latisana, con foto e descrizione veramente da terzo mondo; ci sono poi interviste che testimoniano di furti e danneggiamenti e interventi dei consiglieri comunali. Una cosa molto brutta a leggere l’articolo. In cronaca si parla della protesta delle mamme di Gorgo per lo spostamento della cuoca dall’asilo a quello di Pertegada e la sostituzione con il catering. Poi la ginnastica per over 60anni al Polifunzionale.

Sabato 18 aprile

Sul Gazettino i cuccioli salvati in autostrada, in zona Latisana. Sul Messaggero stessa notizia; poi nelle brevi si parla del Premio Solimbergo all’Odeon, sabato mattina e di Istria e Dalmazia, convegno in Aprilia Marittima. In cronaca la vicenda della cuoca contesa tra Gorgo e Pertegada e la decisione del Comune di fare servizio catering con tutte le scuole, da giugno. Infine l’assemblea di Fermenti, sabato pomeriggio a Paludo.

Condividi il post!

PinIt

3 commenti su “La domenica del Bacucco: Messattino della settimana; Sindaco; Madia; scuole ok; Paperopoli; previsioni meteo; Comune di Latisana; Golia/Davide; lavoro stagionale; sciopero;”

  1. Paolo Miotto ha detto:

    Vorrei capire come mai solo adesso sul Messaggero Veneto appare la notizia del Zigaina coperto dalla vernice,all’Odeon.Mi piace quando un giornale è “sul pezzo”,ma vorrei segnalare il fatto che su Facebook la vicenda era stata segnalata già da qualche anno….

  2. il_bacucco ha detto:

    …non solo….ma ricordo bene che il Comune, allora, chiese al Maestro di quell’opera, che egli stesso non difese, quasi disconoscendola. Ma si sa che gli artisti spesso fanno così.

  3. valerio ha detto:

    Se veramente a Comune e attuale Proprietario stesse a cuore il recupero dell’altro lacerto di dipinto dell’ex-Cinema Bassi, si potrebbe fare una sottoscrizione, chiedendo ad un restauratore le possibilità di riuscita.

I commenti sono disabilitati.