La Fiera di San Martino riempie Latisana

L’Itinerario eno gastronomico si sta estinguendo

Torna la Fiera di San Martino e torna anche l’Itinerario gastronomico “Le giornate DOC di San Martino”: bene  la fiera soprattutto con l’innesto da qualche anno della sezione zucca e vino novello, male invece il coinvolgimento dei bar e ristoranti della zona che ha esaurito la sua spinta iniziale ed ormai vede solo sette locali aderenti di cui due istituzionali: o si cambia o meglio chiuderla questa parte di programma. La Fiera inizia domani sabato 6, con l’apertura delle giostre, della pesca di beneficenza e di una Mostra di Pittura presso la Galleria La Cantina di Giovannni Toniatti Giacometti; nelle sale al piano terra anche una mostra fotografica. Domenica 7   (leggi tutto)


si inserisce nel programma la manifestazione dedicata alle Forze Armate.  Giovedì 11, giornata di San Martino che, giova ricordarlo, non è il patrono di Latisana (ma di Precenicco, di Marano Lagunare e dei Sommelier, per esempio)  mercato con bancarelle e mercatino dell’hobbistica, con replica sabato 13 e domenica 14. Lunedì ultimo giorno con molti biglietti omaggio per le giostre distribuiti dal Comune. Previsti disagi per il traffico e aperti tutti i parcheggi possibili, anche quelli delle scuole. Come spesso ci capita di rilevare, le cose che funzionano a Latisana sembrano quasi intoccabili e, a nostro parere, soffrono della mancanza di inventiva e di innovazione. I tempi cambiano e la gente si stanca facilmente: forse offrire delle alternative, magari azzardate e sperimentali, potrebbe portare ad acquistare nuova utenza e pubblico. Un ragionamento a mò di esempio: accontentati i bambini con le giostre e gli adulti con le bancarelle, la fascia 18-35 come la stimoliamo? Io per conto mio amo sia la zucca che il Vino Novello, ma forse è un po’ poco.

Condividi il post!

PinIt