La pista ciclabile, finalmente

Pubblicato il bando di gara per la realizzazione della pista ciclabile da Aprilia Marittima al ponte di Bevazzana, primo lotto del più corposo progetto che servirà a collegare la parte nord di Latisana alla spiaggia di Lignano Sabbiadoro. Dopo anni di richieste finalmente la Provincia di Udine ha emesso il bando, si tratta di un’opera del valore di circa 525.000 euro con lavori che devono iniziare entro giugno di quest’anno e dureranno, all’incirca sette mesi (210 giorni). Sulla validità di questa pista ciclabile nessuno solleva dubbi, ma il problema vero è un altro: è chiaro che se per fare 6 chilometri di pista ciclabile si spendono 500 mila euro e passa, per fare la tratta Codroipo – Lignano ci vuole una vincita al Superenalotto. Eppure spesso la soluzione migliore è anche quella più semplice, con interventi minori, fatti sulla sommità dell’argine, con una massicciata di agglomerato ghiaioso rassodato con asfalto, tipo la Cervignano – Aquileia, con segnaletica semplice e interventi minimi, e conseguentemente spesa anche minima. La domanda che ci poniamo è questa: risulta più utile alla comunità e al comparto turistico sistemare un Museo nella ex Stazione Ippica che nessuno ha chiesto , che non si sa come riempire, che avrà dei costi di gestione enormi e una dubbia molto dubbia valenza turistica, oppure sarebbe meglio fare la pista ciclabile da Lignano e Villa Manin? I vari agriturismo della zona, i ristoranti, le aziende vinicole, il parco dei pappagalli e di commercianti di Latisana, vedrebbero più turisti d’estate sulle due ruote? O dentro il museo-di-non-si-sa-cosa? Su questi discorsi vorremmo impegnare i candidati sindaci, e che non vengano sempre tirate in ballo norme e procedure amministrative: una decina di anni fa si era proposto un velo club locale per fare la pista ciclabile, e aveva titoli e capacità, ma non aveva sponsor politici. Come sempre.

L’API apre un laboratorio di idee a Latisana    (leggi tutto, clicca)



L’Anonima Petroli Italia ha deciso di aprire una pagina su Facebook dal titolo “Il Laboratorio delle idee”; uno spazio, come dichiara il responsabile locale M.M. che vuol essere dedicato solo ad idee costruttive, niente scontri politici, ma solo proposte. 

L’Associazione Piccole e Medie Imprese ha deciso di aprire una pagina su Facebook dal titolo “Il Laboratorio delle idee”; uno spazio, come dichiara il responsabile locale M.M. che vuol essere dedicato solo ad idee costruttive, niente scontri politici, ma solo proposte.

L’Associazione Pizzerie Italiane ha deciso di aprire una pagina su Facebook dal titolo “Il Laboratorio delle idee”; uno spazio, come dichiara il responsabile locale M.M. che vuol essere dedicato solo ad idee costruttive, niente scontri politici, ma solo proposte.

L’Associazione Piscicoltori Italiani ha deciso di aprire una pagina su Facebook dal titolo “Il Laboratorio delle idee”; uno spazio, come dichiara il responsabile locale M.M. che vuol essere dedicato solo ad idee costruttive, niente scontri politici, ma solo proposte

.….andiamo avanti???  

Tutto nasce dall’articolo del MV di mercoledì: se leggete bene tutto l’articolo viene citata l’API (Alleanza per l’Italia, il partito di Rutelli a Roma e di Bertossi a Udine) senza mai spiegare cosa sia: ora se è facile per tutti capire cos’è la FIAT, forse era meglio spiegare che a Latisana questa nuova formazione politica vuole presentarsi per le prossime elezioni amministrative, che fa parte del terzo polo e che è alleata a FLI e UDC a Roma, mentre qui i due alleati sono rivali. Le idee sono importanti, la comunicazione è fondamentale.

Condividi il post!

PinIt