l’affare della città della salute, denuncia anonima, immondizie, consiglio comunale, conferenza per le medie, casa dell’acqua, gita in austria, libri in omaggio, ci prendono in giro… e tares

L’Affare Città della Salute

Ieri, nella buca delle lettere, abbiamo ricevuto una lettera anonima, che promette di raccontare a puntate, la vera storia della Città della Salute e dei retroscena soprattutto economici. Trattandosi di una lettera anonima è da prendere con le molle tutto quello che viene scritto, anche se l’estensore giura di avere tutte le documentazioni a supporto. Le ha lui, purtroppo, e non noi e quindi abbiamo girato tra le mani più e più volte questa lettera. Anche la tempistica è studiata: domani, giovedì, in Consiglio Comunale si discuterà proprio della Città della Salute e ci sono molti malumori, sia nella minoranza che, anche, nella maggioranza. Cosa fare? Se non la pubblichiamo perdiamo quella che dovrebbe essere la seconda e forse terza puntata, se la pubblichiamo gettiamo discredito senza prove su taluni personaggi della politica e dell’amministrazione e anche liberi professionisti. Tra il fare e non fare, abbiamo deciso di adottare una via di mezzo: pubblichiamo censurando i nomi. Con un duplice scopo: avvisare tutta l’opinione pubblica che su questa vicenda occorre avere la massima attenzione e il massimo controllo, e sperare che l’anonimo mittente ci mandi le pezze giustificative in copia, onde poter liberare gli omissis e mettere nomi e cognomi. Siccome siamo certi che ci legge, lo invitiamo a farlo e a comprendere la nostra prudenza: in molti vorrebbero vederci chiusi e di tutto abbiamo bisogno fuorché di un paio di denunce per diffamazione. Ecco la lettera con le x al posto dei nomi. segue

Al Bacucco.  Mani nella marmellata tutto qua? Se intendi il pasticcio che sta alla base della gestione della Cittadella della Salute, troppo poco. Forse ti mancano notizie in alcune puntate, tu pubblichi la prima e arriva la seconda e così di seguito. Tutte notizie rigorosamente documentate.

Prima puntata:

In consiglio comunale e nelle varie sedi ufficiali l’assessore ai lavori pubblici sostiene che il progetto di base è stato seguito personalmente da lui e disegnato dall’ufficio lavori pubblici (architetto Bianco), unica eccezione la determina di incarico ad una struttura di disegno grafico (non progettuale quindi) di Manzano.

In realtà il disegno è stato fatto dallo studio Xxxxxxx di Xxxxxxxxx (per capirci ing. Xxxxxxx e arch. Xxxxxxx).

La cosa è risultata lampante quando alcuni file della bozza di progetto sono stati inviati alle parti politiche. Le proprietà del file riportano chiaramente l’estensore del file.

La scoperta dell’imbroglio è già stata contestata a chi di dovere. Xxxxxxxxxx Xxxxxxx dell’XXX ha contestato la cosa durante un burrascoso incontro tenutosi in ufficio lavori pubblici in Comune di Latisana nei confronti dell’assessore Xxxxxxxx e nei confronti dell’architetto Xxxxxx il quale ha dovuto ammettere la verità ossia che i! disegno è stato concepito dallo studio di Xxxxxxxxx (pare che i 2 consiglieri del XX abbiano cercato di vedere le carte ma risulterebbe sia stata fatta una “pulizia dei computer” ma i file originali sono rimasti nelle mani di quelli dell’XXX e con l’aria che tira tra loro non è certo stato difficile averne copia. Xxxxxxx per altro è stato denunciato a suo tempo da Xxxxxxxx)

Nonostante la cosa fosse a questo punto scoperta si è portata avanti una gara di progettazione “particolare”. Requisiti alti, poco tempo per partecipare e soprattutto il bando pubblicato nella directori “albo perentorio” e non in quella più consona “gare bandi e appalto”. L’albo è utilizzato per mille cose con il risultato che dopo un giorno è finito in terza pagina e dopo tre giorni era introvabile.

Il bando fissava un limite di 8 partecipanti ammissibili. Con questo giochino ne sono stati ammessi solo 3 (per un bando da 8 milioni di lavori !!)

Si tenga presente che un alto punteggio veniva affidato a valutazioni soggettive della commissione. In commissione la presenza importante dell’architetto Xxxxxx.

Guarda caso ha vinto lo studio Xxxxxxx di Xxxxxxxxx (che chiaramente aveva già da tempo in mano tutti gli elementi per fare una offerta vantaggiosa e mirata).

L’assessore non ha trovato nulla di strano nell’apprendere che chi aveva aiutato Xxxxxx a fare il progetto posto a base della gara aveva vinto anche la gara.

Lo studio Xxxxxxx ha vinto in associazione con l’architetto Xxxxxxxx di Udine (su questo argomento alla seconda puntata).

Nel frattempo il geometra Xxxxxxxx continua a mantenere segretata la vicenda evitando di rispondere a Xxxxxxx Xxxxxx che in consiglio comunale gli chiedeva chi avesse fatto il progetto iniziale della Cittadella della Salute. Fine prima puntata.

Tares

In tutti i Comuni d’Italia sono nel panico, perché mancano i regolamenti e manca soprattutto il tempo; probabile che la prima rata slitti a aprile 2013 e che si vada ad un grosso conguaglio a fine anno.

Immondizie

Le foto sono state scattate martedì mattina a Paludo; come si vede la gente divide e poi….trova i cassonetti pieni, e butta a terra. Del resto, se tu vai a portare le immondizie separate e trovi tutto pieno, cosa fai?? Pochi cassonetti e piccoli, e ….ricordatevelo….., manca quello del verde.

Casa dell’acqua

Casa o “chiesa” dell’acqua a Pertegada e storica a Latisana. Trattandosi di un’opera “d’ingegno” non si può discutere la casetta dell’acqua progettata ed installata a fianco di chiesetta e campanile in Piazza Santo Spirito. Piace o non piace. A Latisana però abbiamo una “casa dell’acqua” del 1928, in Piazza Garibaldi, solo che non funziona. Da anni. Su questo interviene “Il Pirata” Piero Nici :” Non si capisce perché i cittadini dovrebbero pagare 3 cent. al litro o 7 (gasata) per un’acqua che è la stessa che sgorga dai rubinetti di casa, fornita dalla rete idrica pubblica. Visto che siamo in un mondo dove la concorrenza è l’unico modo (parlo di concorrenza vera….) per abbassare il prezzo dei prodotti, si potrebbero ripristinare le vecchie “pompe” che erano presenti in tutto il territorio comunale, iniziando da quella stupenda di Piazza Garibaldi. Mi resta un dubbio che vorrei venisse chiarito: l’acqua che sgorga dai nostri rubinetti, è sana e bevibile? oppure no? Se è la stessa, a cosa serve la “casa dell’acqua”? (gasata a parte). Oppure mi si vuole dire che l’acqua della Casa dell’Acqua è diversa e più buona? Come mai?

Ci prendono in giro

Ieri, martedì, a Portogruaro sulla statale 14 il distributore IP vendeva il gasolio a 1.599; anche il distributore a marchio Carrefour, a ridosso del centro commerciale, vendeva il gasolio a 1.599. Ora va bene l’IP che segue le sue regole e i suoi prezzi su scala regionale, ma il gasolio a marchio Carrefour proviene sicuramente dalla stessa raffineria di Marghera dove si servono anche gli altri. Ma allora perché a Latisana e zone vicine il gasolio costa sempre di più? Sempre più alto del Veneto, e si raggiunge una cifra simile solo con lo sconto. Ma che razza di sconto è se a 10 chilometri lo trovi allo stesso prezzo da noi “scontato”? Ci prendono in giro: ci fanno credere che abbiamo lo sconto, ma è come quel negozio truffaldino che prima dei saldi alza i prezzi e poi mette il cartellino dello sconto. Ci prendono in giro.

Volumi in dono alle scuole. Iniziativa dell’associazione “La Bassa”. Sarà presente anche l’assessore regionale alla cultura, Elio De Anna.Oggi, mercoledì 19 dicembre 2012, ore 11.30

Mercoledì 19 dicembre, alle 11.30, presso le scuole medie di via Verdi, e quindi presso il complesso dell’Isis di via Tempio, l’associazione “La Bassa” presenterà le pubblicazioni realizzate negli ultimi anni e ne farà dono agli istituti per la loro biblioteca interna. I volumi saranno consegnati successivamente, in parte, in base a criteri stabiliti da dirigenti scolastici e docenti, anche ad alcuni alunni che si sono particolarmente distinti nell’impegno scolastico, raggiungendo un ottimo rendimento. Alla consegna sarà presente l’assessore regionale alla cultura, Elio De Anna, il presidente dell’associazione “La Bassa”, Enrico Fantin, l’Amministrazione comunale di Latisana, la dirigenza scolastica e gli insegnanti. Si tratta di un’iniziativa che intende far conoscere ai ragazzi la storia del territorio ove vivono. Le pubblicazioni de “La Bassa”, infatti, trattano tematiche strettamente legate alla Bassa Friulana e al comprensorio di Latisana. Oltre a un numero cospicuo di riviste edite dall’associazione nel 2011 e 2012, tra cui l’ultima fresca di stampa, alle scuole saranno donati, tra gli altri, volumi di pregio tra cui “La storia di Latisana”. “La storia della lotta antimalarica nella Bassa Friulana” – cui ha collaborato anche un docente dell’Università di Graz che ha già trattato il tema della diffusione della malaria nell’area di Aquileia – e “La Bassa Friulana al tempo del Risorgimento 1821-1866”, testo, quest’ultimo che contiene documenti inediti di particolare importanza tra cui lo spoglio della votazione del primo consiglio comunale.

Gita in Austria

Una piacevole giornata in Austria per il Gruppo Corale Latisanese quella di domenica scorsa, 16 dicembre. Il coro, con al seguito una quarantina di amici e simpatizzanti, assieme al proprio gruppo strumentale ed ai chitarristi della scuola “Aperta Musica” di Ronchis ha accompagnato la S. Messa delle ore 10.30 a Schiefling, un paesino sul lago di Velden. Il parroco, don Lucian Ferenčic, che ha celebrato in quattro lingue (latino, tedesco, sloveno ed italiano) e l’organista, prof.ssa Barbara Lerchbaumer , direttrice della locale scuola di musica, che ha accompagnato il coro, hanno avuto parole di sincero apprezzamento per il gruppo vocale e strumentale. La giornata è proseguita, dopo il pranzo, con la vista ai tradizionali mercatini natalizi di Klagenfurt e di Villach.

Mini Conferenza…..

Ieri per un’ora presso le scuole medie di Latisana, si è tenuto un incontro con il dott Luca Bertolli, “Parole della Prevenzione”, simile a  quella fatto lunedì in collaborazione con l’ISIS di Latisana. Temi; alcol, e fumo, affrontati in modo leggero e simpatico. Con questa mini video conferenza. Non c’è altro da aggiungere perché è stata una mini conferenza lampo, però ha reso l’idea. – Oumaima Gourchane.

Consiglio Comunale da casa

Mentre stavo guardando in internet  il consiglio comunale in diretta video e audio di Lignano Sabbiadoro, collegandomi al sito del Comune, mi è arrivata la notizia che anche quello di Latisana sarà in diretta, solo audio per il momento, a partire da giovedì mattina. Un passo avanti, meglio di nulla……….. alc à l’è alc….

Condividi il post!

PinIt

4 commenti su “l’affare della città della salute, denuncia anonima, immondizie, consiglio comunale, conferenza per le medie, casa dell’acqua, gita in austria, libri in omaggio, ci prendono in giro… e tares”

  1. giulia ha detto:

    Finalmente qualcuno si è accorto che ci prendono in giro! Di là da l’aghe è sempre costantemente più basso il prezzo della benzina! Che caso eh?!
    Visto che alla fin fine ci costa uguale che nei paraggi con la tessera, bisognerebbe andare sempre a fare il pieno in veneto senza…magari si accorgono che non siamo tutti stupidi.

  2. andrea ha detto:

    A Gorgo i cassonetti nuovi devono ancora arrivare.
    Spero che ce lo tolgano lo sconto cosi’ a ridere saremo noi tornando in Slovenia a fare il pieno….. una volta facevamop 5000 lire di benzina per arrivare a pelo al confine, oggi con 2,5 euro arriviamo a San Giorgio……..

  3. davide ha detto:

    Mi viene il dubbio che l’estensore della lettera anonima coincida con uno dei partecipanti al bando che ha deliberatamente voluto perderlo… o quantomeno una persona a lui vicina; mi risulta inoltre che della commissione esaminatrice facesse parte almeno una persona non riconducibile all’attuale maggioranza, anzi strettamente collegata alla minoranza… quindi, se qualcosa di losco c’è stato, chi meglio di questa persona può confermarlo?

  4. piantone ha detto:

    sono anni che dico che lo sconto è una truffa e francamente mi sorprendo che la gente se ne stia accorgendo solo ora..
    Oltretutto ho venduto l’auto dimenticando la tessera all’interno e l’acquirente ha continuato ad usarla, risulatoto.. una bella parcella da pagare con la quale mi venivano richiesti tutti gli sconti goduti.. Slovenia tutta la vita o carrefour mal che vada..
    Parlando di cassonetti, dietri l’ospedale non vi è traccia del vetro e posto c’è nè..

I commenti sono disabilitati.