Latisana: Bassa friulana o Riviera friulana?

La Fiera di San Martino come spunto per il turismo di domani

Sono attese migliaia di persone a Latisana tra giovedì, giornata di San Martino e domenica, ultimo giorno del mercato e l’occasione è buona per una riflessione, scaturita dalla visita, venerdì scorso, alla Sagra dell’Oca di Morsano al Tagliamento. La manifestazione che si svolge appena dopo il Ponte di Madrisio, nella bella tenuta del Borgo del Conte della Torre è un tipico esempio di sagra che si identifica col territorio, ne possiamo fare altri di esempi, il Prosciutto a San Daniele, il Formaggio Montasio a Codroipo, i funghi a Budoia solo per fare citare i più noti. Andateci se vi capita alla Sagra dell’Oca a Morsano, dura fino al 21 di questo mese. Ma l’argomento è un altro e parte dal titolo; Bassa friulana o Riviera Friulana?

(leggi tutto)


Il termine Bassa è ormai entrato nel gergo comune e identifica quel territorio che va da Lignano Sabbiadoro a Grado, comprendendo magari anche San Michele al Tagliamento, per vicinanza storica ed affettiva. Realtà vivaci come Cervignano, San Giorgio di Nogaro ed Aquileia hanno già avviato un processo che tende invece a evidenziare il termine Riviera Friulana, che dal punto di vista del marketing è molto più spendibile. Soprattutto la Strada del Vino di Aquileia e il progetto Terre di Aquileia sono molto avanti su questopercorso. Se noi vogliamo che Latisana riacquisti quel ruolo di leader o “capitale” che aveva decenni fa, dobbiamo innanzitutto partire dal prodotto identificativo del territorio che altro non può essere che il vino. La nautica ed Aprilia Marittima sono sicuramente il fiore all’occhiello della nostra cittadina, ma per costruire un “prodotto” che sia vendibile fuori regione e capace di attrarre turisti, visitatori e magari investitori, si deve puntare sul territorio e quel che esso offre e la Nautica può essere quel di più che altri non hanno: si tratta, in altre parole, di sfruttare chi viene a Lignano, Bibione, Grado e Aprilia Marittima, per farli circolare nella Riviera Friulana, tutta la Riviera, con percorsi e luoghi di interesse capaci di soddisfare la visita e stimolarne altre. A mio avviso il centro di questo progetto dovrebbe essere quel sito a ridosso della Stazione Ferroviaria e del Centro Intermodale: la ex Stazione ippica che oltre a museo, messo magari sopra, potrebbe essere, al p.t. , la sede turistica della Riviera Friulana. Oltre a questo occorrono  altri tre elementi: vino buono, promozione e capacità dei titolari delle aziende di fare sistema e essere accoglienti coi turisti. Mi piaerebbe che i prossimi candidati sindaci di Latisana nel 2011 si confrontassero anche su questo tema.

Condividi il post!

PinIt