Latisana con la pioggia, i due 150°, la taronda e il camper

La Rotonda e il sottopasso

Speriamo mantengano le promesse, e non c’è alcun motivo per metterle in dubbio; parliamo dei poteri commissariali della Regione in merito alla S.R. 354, abbinata strategicamente alla terza corsia dell’autostrada per evitare lungaggini burocratiche; in questi giorni, a supporto della campagna elettorale della giunta uscente, è venuto due volte l’assessore regionale Riccardo Riccardi, per presentare le rotonde sulla 354 e poi per la posa della prima pietra di quella dei Picchi. Per la rotonda dei Picchi abbiamo già espresse le nostre perplessità sul fatto che si entra a due corsie e si esce solo a una corsia, con probabili incolonnamenti nelle ore di grande traffico; abbiamo anche dubbi sulla tempistica, con le grandi giornate di traffico di Pentecoste, Ascensione, Pasqua e I° Maggio in pieno cantiere aperto: non si poteva fare prima? O dopo? Ma il dubbio di oggi riguarda Paludo; siamo andati in Comune che correttamente ci ha messo a disposizione il materiale ufficiale in suo possesso e la rotonda di paludo appare, oggi in Comune, senza il promesso sottopassaggio utile sia alle biciclette che hai pedoni e che dovrebbe collegare Paludo alla zona verso Precenicco. I funzionari ci hanno anche detto che, stante la natura commissariale dell’operazione “rotonde” il Comune può anche essere coinvolto solo dopo, o durante e non prima. Insomma il progetto che hanno in Comune e che pubblichiamo, potrebbe essere vecchio- Ci auguriamo che le dichiarazioni fatte in pubblico trovino pronta applicazione sulla carta dei progetti definitivi: la permeabilità pedonale e ciclabile tra Latisana e Precenicco va salvaguardata a tutti  costi. Domanda curiosa: le foto dell’Assessore Regionale Riccardi davanti alla sede elettorale di Benigno, sono istituzionali?

150 divisi                                                 (leggi tutto, clicca)



 

Oggi giovedì 17 Marzo alle ore 10.30 in Piazza Indipendenza a Latisana, in occasione del 150° dell’Unità d’Italia, verrà eseguito l’alzabandiera con la presenza dell‘Amministrazione Comunale e delle autorità. Subito dopo, alle 11.00, sempre in Piazza, sarà il PD a fare una cerimonia, che prevede letture e ricordi dei due latisanesi che fecero parte della spedizione dei “mille”!: il fornaio Coriolano Gnesutta di Latisana (1839-1887) e  l’ingegner Paolo Scarpa di Latisana, nato nel 1839 e trasferitosi poi a Bologna dove morirà. Chissà se la Lega sarà presente; abbiamo notato che Maddalena Spagnolo in qualche caso in giunta ha votato contro gli altri assessori, chissà se ci sarà in piazza per la manifestazione ufficiale.

La sede, anche del PD

Poteva mancare la sede elettorale del PD? Non poteva mancare e verrà infatti aperta nei prossimi giorni, in Via Vittorio Veneto, dove c’era la antica oreficeria Bruno. Non era meglio un camper e girare anche nelle frazioni? Povere Pertegada, Gorgo, Bevazzana, Latisanotta, abbandonate a favore del capoluogo, che pure ha meno della metà degli abitanti totali del Comune.

Condividi il post!

PinIt