Latisana de na volta, commenti al Pirata, Degustazione e Getur

Latisana de na volta.


Oggi, grazie a Marco Caineri, pubblichiamo tre foto di Via Vendramin, zona tra i Giardini Pubblici e Piazzale Osoppo (Pascotto). La prima è datata 1911,  la seconda 1965 e la terza ovviamente oggi.

{jcomments on}

 

Sull’articolo del Pirata Piero Nici, registriamo ancora delle risposte e commenti, eccoli.

Nici Il Pirata così risponde a Massimo Della Siega.
La difesa d’ufficio di Ezio Simonin fatta dall’amico Massimo Della Siega è ben articolata, ma del tutto fuorviante e strumentale:
– una persona, alla quale riconosciamo intelligenza non solo politica, non può non capire che il linguaggio militare “da Pirata” era una semplice metafora senza intenti bellici, così come metaforico era il simbolico rogo che non intendeva colpire il singolo, ma rappresentava un’idea, un progetto, seppur personificato nel candidato Sindaco, mandato in fumo;
– un leader che si pone alla guida di una coalizione per un progetto politico, non raggiunto per poco, ha assunto anche delle responsabilità verso i gruppi che ha guidato e che lo hanno sostenuto e non può prendere decisioni personali e unilaterali che vanno contro il progetto collettivo;
– un leader (che guida o sorestant) non può improvvisamente trasformarsi in follower (discepolo o sotan) senza perdere la dignità politica, aderendo peraltro (dopo pochi mesi) ad un gruppo avversario che è stato determinante per il mancato successo elettorale;
– chi ha sempre  dichiarato di non provar passione per la politica e di voler rivolgere i propri interessi solo al comune, non può dopo pochi giorni trasformarsi in un ideologo, parlare di grandi progetti nazionali, di Partito della Nazione; è palese che un tanto non è “farina del suo sacco”, ma è teleguidato.
Per non incorrere nell’accusa di bellicismo guerrafondaio ricorrerò ad una metafora biblica: Ezio Simonin si è proposto come un novello Mosè che voleva portarci verso la terra promessa attraversando il Mar Rosso dopo l’apertura delle acque, ma prima si è fermato in coda (con le dimissioni dal Consiglio Comunale) e poi è ritornato indietro, alleandosi con gli uomini del Farone che volevano sterminarli, e qualcuno vorrebbe pure che lo ringraziassimo.
Amico Massimo, buona l’operazione politica dell’UDC  latisanese che ha portato a casa Simonin e un po’ di seguaci, ma non tentare di difendere l’indifendibile.   “Il Pirata”

Piercarlo DANELUZZI, ci scrive:

Posto che il traditore e’chi tradisce, ovvero viene meno alla fiducia, ad un impegno preso, e chi, piu’ in generale delude un’aspettativa, una convenienza, francamente non comprendo come, falso perbenismo a parte, si possa obbiettare il fatto che EZIO SIMONIN sia UN TRADITORE, soprattutto per quanti lo hanno votato e sostenuto. L’impegno verso i candidati e gli elettori era forse quello, passate le elezioni, di dimettersi dal consiglio comunale di li’ a poco? non direi..; o forse l’aspettativa era quella che, dopo pochi mesi, passasse dalla parte avversa, per di piu’ adducendo delle scuse a dir poco risibili..? non credo proprio.. Beh, a questo punto saranno altri a condividere questo alto senso civico e politico con il nostro ex candidato sindaco, c’e’ solo da sperare che molti latisanesi non abbiano pero’ la memoria troppo corta, e sappiano mantenere il ricordo di questi avvenimenti, soprattutto quando il campanello della loro abitazione suonera’ all’avvicinarsi delle prossime scadenze elettorali.

Corrado Guerin, aggiunge:

….in risposta al punto 3 e 4 di Massimo della Siega, che stimo con affetto:
punto 3, le dimissioni da consigliere era una scelta: o dimissioni o trasferimento in altro comune….
punto 4, nessuno discute sulle capacità, coraggio o azioni in campagna elettorale.
SI DISCUTE E NON A TORTO, SULLA COERENZA DI UNA PERSONA CHE HA DIMOSTRATO DI NON AVERE….QUESTA POLITICA DEVE FINIRE. I TEMPI SONO CAMBIATI! CI VUOLE COERENZA NELLA VITA PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI!

Mauro Matteo afferma:

Son contento del cambio di partito di Ezio Simonin, e dovreste esserlo anche voi, in quanto questo vi farà aprire gli occhi, almeno spero, ed ora non avete più scuse per poter dire “ho votato la persona sbagliata”, la prossima volta ci penserete 2 volte prima di dire “voto per lui”, questo è solo un caso, la politica è così…

Degustazione al Caffè Commercio

Degustazione (non gratuita) dei vini di Costa, Scolaris e Zorzettig accompagnati da formaggi locali e pane particolare preparato dal panificio Guilo, venerdì 13 aprile a partire dalle ore 18.00, ecco la locandina.

Getur, restituisci la statua alla chiesa!

http://www.latisana.it/index.php/component/content/article/711-madonnascomparsa-getur-1d-aprile-tasse-e-tariffe-e-multe

Condividi il post!

PinIt