Latisana: Zelkova, commercio e negozi

Che fine ha fatto la Zelkova?Il maestoso albero della Villa Rossetti  è caduto tre anni fa, il 16 gennaio 2008,  e il legno? Una parte magari sarà andata dentro qualche caminetto, ma una piccola parte si trova in Municipio, sotto forma di statua. “Natività” si chiama ed è opera dello scultore Nico Colle; non siamo esperti e quindi non sappiamo dire se è bella o brutta. E’ lì, guardatela; l’importante che un pezzo di storia latisanese sia tornata a “vivere”

Commercio e negozi: Latisana non piace    (leggi tutto)

 

 

Dopo l’articolo pubblicato ieri, alcuni lettori ci hanno scritto per manifestare le loro idee. Le riportiamo volentieri; esse comunque sono in gran parte negative e questo dovrebbe far riflettere sia l’Ascom che la maggioranze che governa il Comune e anche la minoranza. Claudia Toffolon dice:” secondo me non attraggono gente da fuori. Più che bar,oreficerie e negozi non c’è nulla. Ciò che attirerebbe gente sono attrazioni,centri commerciali,piazze e parchi e Latisana offre ciò che offre…cioè poco” e poi aggiunge : “almeno una volta vicino c’era il boowling, sala giochi, ritrovo…”

 Alberto Paro afferma a seguire: “esatto centri commerciali……attrazioni giovanili…….Latisana sta andando a schifio…..se dovessi uscire e non vedere Latisana sarei proprio contento!!!!!!!!!!! non c’è niente nè x i +giovani nè x i -giovani…….”

Più articolata la disamina di Riccardo Cicuttin, che scrive: “L’attrattiva di un’attività commerciale non è di per sè caratterizzata soltanto da ciò che è messo in commercio (a meno che non si tratti di un mercato ben specifico e/o di nicchia); è invece alimentata da una serie di servizi materiali e immateriali che formano il contesto in cui l’attività commerciale è inserita. Pertanto se devo acquistare un paio di occhiali, probabilmente mi servirò in un posto in cui posso trovare anche altre cose per me soddisfacenti (persone, attività culturali, proposte di varia natura, ecc…tanto per fare dei banali esempi); inoltre, da alcune ricerche di urbanistica e psicologia ambientale, sembra che ci sia una forte correlazione tra “attrattività e pedonalità” di un’area commerciale (il che potrebbe declinarsi in una rivisitazione di Piazza Indipendenza). Latisana è una città senza piazze (storicamente luogo deputato all’incontro ed allo scambio anche commerciale), e senza piazze si hanno meno contesti di socialità, e la socialità è un ingrediente fondamentale dell’attrattività.”

sono intervenuti poi ancora….

ecco i vari commenti:

Marialuisa Pagliani: Forse ci vorrebbe appunto un’idea che valorizzasse le risorse ed i valori locali proprio in alternativa all’effetto globalizzante del centro commerciale, che io in particolare detesto….

 ed ancora…
Alberto Paro: il centro commerciale attira tt famiglie e ank ragazzi……e cmq manca proprio 1a piazza x ritovo degli anziani e giovani……bowling……cinema(l’odeon nn è k offra 1a gran scelta ank se a me piace cm cinema)…..

Davide Lorigliola: Ce ne sono pochi attraenti e tanti inutili

domani ancora??

 Condivido appieno il concetto di Latisana senza piazza, anche quella principale è solo uno “slargo” e nemmeno pedonalizzato.

Condividi il post!

PinIt