lignano europa, vini al marinaretto, valzer di vigili

Funzionari e Vigili

Udine-Latisana-Grado-Latisana e a luglio a Lignano, e poi San Michele, Lignano, Latisana, San Michele Lignano…..  Questi i possibili percorsi di alcuni funzionari pubblici con le stellette: così dicono a Lignano. Sarà vero?

Solstizio DiVino

Ricordiamo l’appuntamento gustoso e benefico di venerdì.Solstizio divino 2013

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

lignano europa

Un tuffo in Europa a Lignano, dal 21 al 23 giugno 2013, per il grande evento mercatale della Fiva Confcommercio realizzato con il patrocinio del Comune e con il sostegno di Sil e Confcommercio provinciale. Nel contesto della manifestazione anche il sostegno alla onlus AGMEN – FVG Lignano Europa.  Tutto pronto per la tre giorni di “Lignano Europa, il Mercato d’Europa della Fiva Confcommercio,  – una kermesse sempre molto attesa e circondata d’entusiasmo- , che porterà a Lignano Riviera, in Lungomare Riva dalla zona terme fino a viale dell’industria, un lungo serpentone variopinto con 150 stand e bancarelle aperte al pubblico dalle 9 a mezzanotte. A farla da padrona la gastronomia. La gustosa paella dello stand spagnolo di Juan Solbas, catalano di Barcellona, preparata all’istante, sotto gli occhi dei visitatori, in padelloni che sfamerebbero una caserma si affianca la ristorazione di Westland con carne argentina alla griglia, fagioli messicani, tacos & tortillas che portano i sapori e il gusto dell’epopea americana. Dalla Russia arrivano invece le ricercatezze di questo Mercato, vere prelibatezze per gli appassionati e gli intenditori: vodka, per tutti i gusti e per tutte le tasche, caviale nero e rosso e pesce secco di fiume e di mare.  Per appetiti robusti sembra fatto apposta il gigantesco grill tedesco che arriva direttamente da Amburgo. Qui tutto è di misura maxi: i wurstel anche da mezzo chilo, gli spiedini di mezzo metro, fino ai colossali stinchi di maiale che ti porti via con 10 euro. Roba per stomaci capienti! Come gli immancabili sauerkraut, la carne della Turingia, le zuppe di gulasch e gli altri piatti tradizionali di Mario Geier, naturalmente tutto accompagnato da birra a fiumi. E parlando di birra, impossibile non nominare la tradizionale birra belga nelle sue diverse e migliori varietà tutte da scoprire. Dal Belgio all’Irlanda, a “Lignano Europa”, il passo è breve. Lo stand irlandese, da segnalare e consigliare, è dominato dai colori verde e nero: il verde d’Irlanda soprattutto sulle maglie da rugby della nazionale del trifoglio, affiancate dalle divise (blu) che ricordano il torneo “Sei Nazioni”. A dire il vero il verde si trova un po’ su tutti gli articoli, persino su quelli musicali: tamburelli, strumenti vari e cd di musica tradizionale celtica, la stessa che ha prestato i suoi simboli millenari alle t-shirt, alle spille, ai mille gadget che propone questo banco. Il nero invece è quello inconfondibile della birra Guinness, che nell’occasione non è da bere ma da indossare. I giovani si riversano sempre in massa sui cappelli con visiera segnati dall’inconfondibile marchio, come pure su polo-shirt, polsini, spillette, bandane, maglioni con o senza cappuccio, tutti rigorosamente neri. Il Mercato Europeo non è dunque solo per chi ha fame. Si passa dal tripudio di colori e profumi delle essenze e spezie provenzali alle pelli e i gadget finlandesi che hanno più volte fatto il pieno di gradimento. Così come esauriscono spesso le scorte anche Tania e Svetlana: sono russe, vengono da San Pietroburgo, e il loro stand di “cimeli” dell’Unione Sovietica presenta alcuni pezzi forti assolutamente ineguagliabili. Per i bambini, uno stand da non perdere è quello di marionette e pupazzi di pezza ungheresi. Coloratissimi, morbidi e di produzione rigorosamente artigianale hanno molto spesso vinto il premio per il banco più originale. Olah Zoltan, l’inventore, li propone riscaldati o congelati, – sembra incredibile -, anche come anti-stress e rimedio per piccoli malesseri quali mal di testa o mal di stomaco. Resta da dire che in questo serpentone coloratissimo e suggestivo non saranno da meno gli operatori italiani, presenti col meglio del meglio tra alimentari e non: dai peperoncini di Calabria (sott’olio e non, ripieni e non) alla pasticceria siciliana, dai salumi del Mugello ai formaggi sardi; dalle stampe d’epoca ai complementi d’arredo e tanto altro.  I Mercati Europei di FIVA Confcommercio nascono nel 2001, come mostre-mercato dei venditori su aree pubbliche provenienti dai paesi dell’Unione Europea, con l’intento di far incontrare gli operatori italiani e i loro omologhi europei con il consumo italiano. Il loro punto di forza è il contributo operativo offerto dall’intero mondo del commercio, dalla Federazione nazionale alle associazioni territoriali del commercio ambulante che, grazie anche al supporto delle Istituzioni locali, hanno permesso all’evento mercatale di crescere e consolidarsi, in tanti anni di presenza nei “salotti all’aperto” di moltissime città italiane, con afflussi di pubblico che hanno raggiunto le 250mila presenze. Nel contesto dell’evento troverà accoglienza anche il sostegno della Fiva provinciale all’AGMEN FVG, l’Associazione Genitori Malati Emopatici Neoplastici – FVG per lo studio, la cura e l’assistenza dei bambini con tumore, una onlus regionale nata nel 1984 e che in quasi trent’anni di attività, oltre al sostegno a centinaia di famiglie, ha donato al Burlo il nuovo reparto di emato-oncologia e le foresterie, per pazienti e famiglie, Casa AGMEN & Trapianti. Alle offerte che i volontari della onlus raccoglieranno nell’ambito di “Lignano Europa” si aggiungerà una donazione degli ambulanti Fiva partecipanti alla manifestazione: una “piccola cosa” per sostenere un grande lavoro di volontariato.

Condividi il post!

PinIt