Luigi Bertoja, di Valerio Formentini

Mi giunge la tristissima notizia della morte del carissimo Gigi Bertoja. Gli avevo fatto visita due settimane fa, nella speranza si potesse rimettere in salute dopo il ricovero, ma ormai purtroppo il suo fisico si era troppo indebolito. Amava ricordarmi che nei miei settimanali ritorni da Pordenone dove studiavo, la mia tappa , ancor prima di andare a casa, era il suo negozio per una chiacchierata, sempre su temi fotografici. Ci aveva accolti con lungimiranza, noi “fotoamatori” degli anni Sessanta in memorabili serate nel suo studio e aveva portato dal suo apprendistato canadese il sapore della fotografia tipicamente americana, dai toni più leggeri e sofisticati. Mi ricordo che aveva stupito tutti, all’apertura del suo negozio in via Vendramin (poi ripetutamente danneggiato dalle alluvioni con tutto un preziosissimo archivio), una gigantografia di Borgo Blu, con povere reti metalliche e vasi di conserva arrugginiti.

Artista dal cuore d’oro. Mandi “zio” Gigi.

Condividi il post!

PinIt

7 commenti su “Luigi Bertoja, di Valerio Formentini”

  1. jimi zanelli ha detto:

    Proprio l’altro giorno sistemando alcune vecchie fotografie, mi son capitate in mano un paio di foto in cui ero ritratto io e mia sorella, negli’anni delle comunioni e festivita’ carnevalesche…dove era d’obbligo qualche scatto di gran classe, nello studio del mitico Gigi Bertoja. Dispiace che un altro tassello della Latisana DOC e per bene, ci abbia lasciato, ma di sicuro finche esistera’ vita in questo pianeta, resteranno le sue grandiose fotografie, a tenerlo vivo più che mai! CIAO GIGI!

  2. Carlos ha detto:

    Caro Gigi, quanti come me si ricordano della tua professionalità…eri un punto di riferimento anche per la mia generazione…
    A casa dei miei genitori c’è una foto di me bambino vestito da carnevale, fatta nel tuo studio. Avevo quasi tre anni (erano gli anni 70)…
    Un altro pezzo storico di Latisana che se ne va.
    Ciao Gigi

  3. Adriano ha detto:

    Indimenticabile e Sorridente Gigi !! Ciao

  4. Alberto Martinello ha detto:

    La foto più bella che ho di mio papà l’ha scattata il fotografo Bertoja nel suo negozio. Ora quando guarderò quella foto mi ricorderò di due persone

  5. Lucia Romanelli ha detto:

    Come non ricordare la prima fotografia scattata al mio piccolo Luigi?…
    Come dimenticare il condominio in via Vendramin dei tre Luigi, dove ho vissuto la mia adolescenza?…ed, in particolare, l’affiatamento tra il mio adorato papà ed il cordiale signor Gigi?…
    Lucia

  6. leonilda pagano roma 25 marzo 2015 ha detto:

    un caro ricordo al fotografo che ha immortalato il mio matrimonio e che ha tenuto esposta per mesi la mia foto da sposa

  7. barbara ha detto:

    anche la mia foto da sposa è stata esposta in vetrina, era un punto d’ orgoglio, un piccolo privilegio.Ricordo con molto affetto anche i genitori di Gigi Bertoja, affettuosissimi e accoglienti, come fossero stati i miei nonni.

I commenti sono disabilitati.