luna park, latisana canta, cicche, sanità e sindaco, privacy, postini, sette, firme, morossi

Sanità, riceviamo e volentieri pubblichiamo

LUI NON C’ERA … non aveva tempo………..

Molte volte capita di non avere tempo per fare quello che ciascuno di noi ha da fare.  Ci sono cose che si devono fare per sopravvivere e altre non obbligatorie.  Non è obbligatorio sicuramente fare politica e occuparsi della cosa pubblica ma se lo fai ti impegni con quelli che ti votano e anche con quelli che NON ti votano dicendo a tutti: io mi occuperò di te.

Cari concittadini ci ricordiamo quella serata all’Odeon con i cinque candidati a Sindaco? Dove una delle domande era: “ Se dovesse essere eletto quanto tempo dedicherà a fare il Sindaco”?  Ora lasciamo perdere quelli che hanno perso le elezioni e che dovrebbero fare opposizione, lasciamo perdere la candidata leghista che ha perso le elezioni ma ora è assessore salvatrice della maggioranza allora avversa, e pensiamo all’eletto.

L’eletto ha dichiarato di dedicare tutto il suo impegno per la collettività. E’ chiaro … cos’altro avrebbe dovuto dichiarare per prendere i voti? Questo succede in primavera 2011.  Il 2012 è un anno impegnativo (la crisi imperversa) e il tempo dell’eletto scarseggia anche perché i suoi assessori non gli lesinano i problemi.

Per tanti latisanesi il 2012 è stato un anno difficile perché la crisi generale porta meno lavoro, si chiudono attività e negozi, i prezzi e le tariffe salgono, i dragaggi, l’ospedale e la salute …   Un anno orribile per tutti, per le famiglie, per i pensionati e anche per l’eletto che è costretto, per dirla in metafora, a “nascondere la polvere sotto al tappeto”. Ma perché??

Forse, essendo un moderato, non ha parole forti da indirizzare a chi di dovere??  O forse perché nella sua veste di dipendente quasi regionale assolutamente NON può contraddire chi governa la Regione?? O forse NON ha tempo per fare il sindaco??

Gli aspetti amministrativi tutti molto anestetizzati, tanta polvere sotto al tappeto. Ma ci sono le pressioni delle opposizioni, anche queste soft, che comunque sono impegnate a consolidare posizioni politiche sia locali che regionali perché il gioco vero ci sarà ad aprile con le elezioni.

E nel frattempo anche quello che si poteva fare NON SI E’ FATTO perché NON SI E’ TROVATO IL TEMPO.  C’è un argomento che sembrava e sembra STABILITO e INELUTTABILE: la chiusura del punto nascita dell’ospedale di Latisana con tutto ciò che di collegato ci sta. Se ne parla dal 2009, mi pare di ricordare, come il depotenziamento dell’intero ospedale a vantaggio di Palmanova.

Domandiamoci perché la nostra collettività è maltrattata del governo regionale, che pure appartiene alla stessa maggioranza politica. Basta dedicare tempo, non molto, e trovi risposte.

Ma se chi dedica TEMPO GRATUITO trova risposte dovrebbe trovare di più e meglio chi il proprio TEMPO GLIELO PAGANO politicamente e/o economicamente.

Il Sindaco NON HA MAI AVUTO TEMPO per andare alle riunioni della CONFERENZA PERMANENTE PER LA PROGRAMMAZIONE SANITARIA E SOCIOSANITARIA REGIONE FVG.

Lui che è il presidente dell’Ambito Latisanese e rappresenta 14 sindaci della nostra Bassa Friulana che ne sono membri su cinque riunioni del 2012 … MAI presente una volta!!

In quelle riunioni i rappresentanti dei  vari ambiti/zone tutelano le loro esigenze proponendo, opponendosi, chiedendo, mediando, e se leggiamo le cronache, alle volte OTTENGONO.

La Carnia, la montagna, il sanvitese, lo spilimberghese, il muggesano, il goriziano il cervignanese hanno fatto le loro richieste, esposto le loro posizioni e necessità e, in periodi di restrizioni se non hanno mantenuto ciò che avevano si sono sacrificati di poco. Altri addirittura hanno ottenuto ciò che chiedevano. Non parliamo di Udine, Trieste e Pordenone che l’hanno fatta da padroni.  Ma erano li, presenti, non sempre ma abbastanza per tutelarsi.

SE NON E’ STATO MAI PRESENTE o considerava inutile questo “organismo” o NON AVEVA TEMPO.  Il risultato è che gli assenti hanno sempre torto. Ma questo non è tutelare il benessere della collettività. Questo è perdere un servizio sanitario per i cittadini della zona e per i turisti senza dire la propria. Questo è accettare migrazioni per partorire a Portogruaro con aumento di spesa regionale. Questo è perdere posti di lavoro in loco, perdere possibili affitti dei medici e dei sanitari, … le spese al supermercato, il vestito comprato in centro, lo spritz al bar… quindi anche un danno economico.

SINDACO LEI NON C’ERA!!!

In quei cinque verbali per due volte troviamo “Latisana”: la prima volta quando un componente di un altro ambito la nomina e la seconda volta nel verbale n. 4 quando è presente l’Assessore Claudio Garbuio. Peccato che fosse presente SENZA la possibilità di VOTARE o rappresentare il nostro ambito perché SOLO I MEMBRI SINDACI POSSONO ESSERE DELEGATI.

Possibile che NESSUNO abbia letto il regolamento e che un nostro assessore sia stato inviato come ascoltatore semplice? Per farsi un’idea … per cultura personale …?? Un anno e mezzo dopo essere diventato assessore … tardino.

Prima le assenze … poi l’assessore … risultato che emerge: Latisana e la zona se ne fregano.  E intanto ti tagliano il punto nascita … e Lei stai zitto nelle sedi opportune, non presenta memorie, ordini del giorno o altro in quella sede. E’ vero che presenta una protesta con tutti i consigli comunali … quando … fuori tempo massimo!!!

Benedetta la rete. Concittadini e lettori Vi invito caldamente a leggere i cinque verbali e troverete argomenti importanti anche per tutti noi.

MA NOI NON C’ERAVAMO PERCHE’ IL SINDACO, NOSTRO RAPPRESENTANTE, NON HA MAI AVUTO TEMPO PER CINQUE VOLTE. PER TUTTE LE VOLTE DEL 2012. PER UN INTERO ANNO.

Ecco Bacucco una parziale risposta per te che sei così insistente su questo argomento.  E adesso, cittadini, vedete VOI CON I VOSTRI OCCHI, e poi se volete incazzatevi pure.

–        Entrate in: google

–        Digitate: conferenza permanente per la programmazione sanitaria e sociosanitaria regione fvg

–        Appare il sito: consiglio delle autonomie locali

–        Sulla sinistra trovate VERBALI (ultimo punto della tendina) e cliccateci sopra

Appaiono tutti i verbali delle cinque riunioni del 2012 e buona lettura.

La morale è che se butti la polvere sotto al tappeto corri il rischio che prima o poi arriva qualcuno che la trova, la tira fuori  e tu, come minimo,  fai la figura dello sporcaccione.

TEX WILLER

n.d.b. Nota del Bacucco; ribadisco che la lettera non è anonima, ma inviata da person a nota con la formula del “lettera firmata”. Abbiamo letto, con molta pazienza, i verbali ed effettivamente ci siamo imbattuti, abbastanza spesso, in richieste specifiche di questo o quel sindaco, che chiedevano tac o risonanza o altre cose. Non ci capiamo molto, ma vale sempre la regola del “chi è assente ha sempre torto..”  leggi, clicca..

Posta e postini

Abbiamo avuto un sacco di segnalazioni sui disservizi della consegna della posta; ci ha scritto un latisanese del capoluogo per segnalare i continui ritardi e la mancata consegna di bollette; un altro ha detto che è andato dai Carabinieri per segnalare e protestare; una lettrice di Gorgo segnala nella frazioni ritardi e consegne con cadenze……settimanali. Un abitante del centro dice, con ironia, sincera, che se il postino va in ferie la consegna salta. Bollette consegnate in ritardo che generano solleciti o multe.  Pertegada dice che sta peggio di Gorgo. Si arriva al suggerimento – paradosso di scaricare col camion tutta la posta in piazza e..self service!!  Voi avete segnalazioni? Ci potete dire come va il servizio postale dalle vostre parti??

Era meglio o peggio

I due piani del palazzo ex Cigaina sono ancora chiusi e hanno qualche problemuccio, e sono stati pagati all’incirca 800.000 euro; questo palazzo, in Piazza Garibaldi, Palazzo Morossi, era ed è in vendita, pare ad una cifra di poco superiore. Dentro è una delle più belle case della regione, con vista sul fiume. Quale era meglio comperare?

Cicche. Senza commento

Firme

Alcune centinaia? Un migliaio? Sono comunque tantissime le firme raccolte dai volontari del Comitato per la Difesa del Lascito Toniatti; li abbiamo visti all’opera ieri domenica e ci hanno garantito che sono tantissime le firme raccolte e….molte di più quelle che verranno raccolte nei prossimi giorni. Una bella iniziativa, che ha evidentemente sorpreso l’Amministrazione Comunale e che merita rispetto e attenzione. Poi sui contenuti è aperta la discussione civile.

Sette

Si parla della Sette, nostra ex Sindaca, sul blog de Il Perbenista; il noto giornalista la cita in quanto Miky ha chiesto le dimissioni del Vice Segretario provinciale del PDL Simone Bressa, durante una trasmissione televisiva. In sostanza la Sette ha preso le parti di Gottardo e contro Blasoni, sulla questione fax. Lotta interna al PdL in chiave regionali, ne vedremo delle belle anche nella Riviera Friulana.

Sara canta

Abbiamo una latisanese verso Sanremo…..  si fa per dire, ma non si sa mai…. 

Ciao, sono Sara Ciutto,  da un anno studio canto e chitarra da Aperta Musica a Ronchis; quest’estate ho fatto i provini di TI LASCIO UNA CANZONE e sono arrivata tra le 50/70 su 4000, purtroppo pero’ all’ultimo giorno hanno deciso di non prendermi. Ora ho fatto 2 provini per IO CANTO, ma sono in attesa di risposta; nel frattempo  ho inviato uno dei video ad un concorso nazionale UNA VOCE CHE INCANTA, dove però, vengono selezionati solo 12 ragazzini, mi hanno detto che nella giuria c’è il maestro Vice Tempera e che la serata finale l’anno scorso è andata in onda su SKY,comunque mi fanno sapere entro 15 marzo. Speriamo  bene  e spero che mi chiamino per il 15 marzo e magari poi ti faccio sapere….  Ecco il link del video su youtube

http://www.youtube.com/watch?v=Wxyz2qoQ5Ms&feature=share

Ci vuole una laurea, o anche due…..

Vi sarà capitato, spero di no, ma forse vi capiterà, di inter agire con l’ospedale di Latisana e quindi dovrete compilare il questionario sulla privaci che qui riportiamo in foto. Non è facile e ci mettiamo nei panni di chi ha poca voglia di leggere con attenzione o di chi è anziano o di chi è arrivato in Italia da poco. Domande impegnative e risposte difficili. Pare poi che siamo i primi (…gli unici??.) a farlo noi dell’ASS 5. Insomma tra tacito consenso e tutto come prima c’è questo bel questionario di livello molto alto. Che sia nato per tutelare la privacy di tutti ..o per questione di…..altro….. non sappiamo, ma sappiamo che praticamente se andate in un’altra regione altro ospedale la cosa si complica abbastanza. Comunque questo è…..

Luna Park di primavera

Alla “stazione delle corriere”…sarebbe il Centro Intermodale, ecco la locandina

Condividi il post!

PinIt

10 commenti su “luna park, latisana canta, cicche, sanità e sindaco, privacy, postini, sette, firme, morossi”

  1. AlessandroS ha detto:

    Curioso! La filippica contro il sindaco che “non ci mette la faccia” è portata avanti da uno che si nasconde dietro ad uno pseudonimo! A questo punto, Bacucco, faccio una proposta: perché non aprire una nuova sezione del tuo sito, e chiamarla “Lo sfogatoio anonimo”? In un paese di pettegoli criticoni sarebbe senza dubbio apprezzato. Così Tex Willer potrebbe sparare a raffica tutti suoi colpi! E, perché no, potrebbe anche prendersi la responsabilità delle proprie affermazioni firmandosi, pubblicamente e non solo col proprietario del sito. Alessandro (ma se preferite i nomi dei fumetti potete chiamarmi Topolino).

  2. dimitri ha detto:

    A pertegada, per quanto riguarda la posta, la settimana scorsa ho ricevuto una prioritaria spedita 18 giorni prima…

  3. maurizio ha detto:

    …ma più che essere incuriosito da chi stà dietro allo pseudonimo (tex willer), sarei curioso di sapere perché il sindaco non ha mai partecipato ad una riunione?!

  4. il_bacucco ha detto:

    il sindaco scrive.
    Il sindaco di Latisana, Salvatore Benigno, risponde a chi afferma che “non avendo partecipato alle sedute della Conferenza permanente per la programmazione sanitaria della nostra Regione”, non avrebbe difeso sufficientemente la paventata chiusura del punto nascite di Latisana, evidenziando, quindi, un ipotetico scarso impegno a difesa della comunità locale.

    “Prima di fare certe affermazioni inviterei colui, o colei, che si cela dietro un nome “di fantasia” – dice Benigno – a palesarsi pubblicamente e avere un confronto col sottoscritto. In questo modo capirà che i luoghi ove si può incidere veramente a difesa delle prerogative del nostro ospedale cittadino sono altri, pur mantenendo il massimo rispetto della Conferenza sanitaria”.

    Quali? “La III Commissione del Consiglio Regionale, ad esempio, dove, assieme ad altri sindaci, ho sottolineato le prerogative degli ospedali di rete alla luce della riforma del Sistema Sanitario Regionale, con particolare attenzione al punto nascita di Latisana, attirandomi le non tanto velate critiche di vari consiglieri regionali anche appartenenti al mio stesso partito. In quella sede non ho sentito particolari interventi a difesa di Latisana da parte di alcuno; nemmeno da parte del Presidente della III Commissione che poi, per finalità elettorali, si è fatto paladino della difesa dell’ospedale di Latisana “in zona cesarini”, dopo che altri, e in tempi non sospetti, si erano esposti, conducendo battaglie che, sino a ora, hanno fermato la chiusura del punto nascite di Latisana. Per “gli altri” intendo il sottoscritto e il Consigliere Regionale Daniele Galasso.

    “Sulle cinque riunioni citate, ben tre avevano a oggetto i Piani Attuativi degli ospedali rispettivamente di Pordenone, Udine e Trieste e quindi non direttamente connessi con il nostro ospedale, per cui ho ritenuto di non parteciparvi, dando spazio ad altri impegni istituzionali. Mentre grandi risultati sono stati raggiunti dal presidio costante, in qualità di Presidente, della Ristretta Sanitaria della Ass 5 (la Presidenza della Conferenza generale dei Sindaci è appannaggio del Sindaco di Cervignano). In quel contesto si approva il Piano degli Investimenti dell’Azienda Sanitaria che per Latisana hanno significato: l’apertura h24 del servizio di CSM (Centro Salute Mentale), l’inserimento di nuovi professionisti giovani e motivati nei reparti di chirurgia generale, pronto soccorso, ottorino laringoiatra, la possibilità di effettuare, presso il laboratorio di analisi, il prelievo del sangue anche il sabato mattina, un sostanziale contenimento della spesa farmaceutica (-13% rispetto anno precedente) che ha permesso di accantonare risorse a fine anno per circa 4,3 milioni di euro che abbiamo chiesto, come sindaci, di impiegare a beneficio della stessa Azienda Sanitaria per attività di investimento, in un generale contesto di contenimento della spesa sanitaria.

    “La nostra Azienda sanitaria ha raggiunto importanti punti di forza tra cui un basso tasso di ricovero (il migliore a livello regionale), una buona rete di servizi, un elevato tasso di vaccinazione, una buona collaborazione tra Azienda, convenzionati, Comuni e partner sul territorio, sostegno psicologico a pazienti e famigliari nell’area della disabilità, approccio interdisciplinare nella salute mentale”.

    L’auspicio è che, anche nella futura Azienda di Area Vasta Udinese, quest’esperienza possa diventare un modello per organizzare i nuovi servizi, salvaguardando al contempo le specificità territoriali degli ospedali di rete, quali ad esempio il nostro caratterizzato da evidenti peculiarità turistiche.

    “Le accuse che mi vengono rivolte si commentano da sole: alle chiacchiere ho fatto seguire sempre i fatti concreti. Del resto saranno gli elettori a giudicare l’operato del sindaco; sono sempre disposto al confronto con ognuno a patto, però, che le regole del gioco siano chiare sin dall’inizio e non ci sia solamente la sola denigrazione personale alla base di tutto”.

  5. il_bacucco ha detto:

    cicche: tutto pulito lunedì mattina….. meglio così e grazie………..

  6. luca ha detto:

    Io da semplice cittadino ignorante faccio solo una domanda riguardo a quello che si percepisce….perchè si vuole smantellare pian piano l’ospedale di latisana che poi in termini
    di fatto rappresenta un servizio per la comunità in primis et una azienda che produce reddito in secundis per ingrandire quello di palmanova? Che logiche ci sono dietro questa tendenza
    che si sviluppa da anni nella pianificazione sanitaria regionale?

  7. maurizio ha detto:

    Personalmente ho sempre pensato che la macchina burocratica regionale fosse lacunosa ma ora, finalmente, ne abbiamo la certezza. Conferenze permanenti poco efficaci, riunioni prive di reale interesse per la maggioranza dei partecipanti, tempo e relativo denaro pubblico sprecato. La speranza, a questo punto, è che almeno uno degli impegni istituzionali svolti dal nostro Sindaco in concomitanza con le suddette riunioni, sia stato volto alla sopressione di queste inutili e dispendiose Conferenze permanenti (magari con l’aiuto dell’amico Galasso). 🙂

  8. Cristina ha detto:

    “Mentre grandi risultati sono stati raggiunti dal presidio costante, in qualità di Presidente, della Ristretta Sanitaria della Ass 5 (la Presidenza della Conferenza generale dei Sindaci è appannaggio del Sindaco di Cervignano). In quel contesto si approva il Piano degli Investimenti dell’Azienda Sanitaria che per Latisana hanno significato: l’apertura h24 del servizio di CSM (Centro Salute Mentale)”

    Ma del paziente trovato a vagare alle 2 di notte in zona Bergamin ne vogliamo parlare? Grande risultato, vero?

  9. Catia ha detto:

    A proposito di posta ad Aprilia Marittima quest’estate la nostra postina di zona era in ferie e per tre settimane non è stata sostituita,quindi niente posta per tutto questo periodo.
    Abbiamo ricevuto le bollette scadute .
    Il responsabile dei postini non aveva personale da mandare in sostituzione.
    Ora la posta arriva fuori orario ufficio e per le raccomandate bisogna recarsi all’ufficio postale di Pertegada o Latisana oppure telefonare per avere una seconda consegna.
    Per noi di Aprilia è un grosso disservizio.

I commenti sono disabilitati.