Lunedì: le cose da fare; la “diga”; Latisana e F1; gettoni; Festa Forze Armate; Premio Latisana per il Nord Est; Scolaris 90 anni;

Latisana e F1

Ieri domenica ultimo Gran Premio di F 1 della stagione, a Abu Dhabi; dal profilo face di Maddalena Spagnolo questa bella foto che la ritrae col fratello Antonio, ingegnere di pista del pilota Raikkonen; una fulgida carriera del ragazzo che sin da piccolo era appassionato di motori; chissà che non lo ritroveremo tra i premiati del “Vigilia di Natale”. Complimenti a lui e invidia per la sorella impegnata in questa bella trasferta.

spagnolo ferrrari

La “diga”

DSCN7606

Ci è mancata per un po’ e riprendiamo a mettere le foto, anche se facciamo molta fatica a credere a quello che ha detto e fatto scrivere l’assessore Geremia, ovvero che le Ferrovie hanno speso 150.000 per togliere l’ammasso di legname contro il ponte ferroviario. Lo ha detto lui e lui ne sa più di me. Questa “diga” rappresenta la realtà amministrativa e burocratica di Latisana, della Regione e dello Stato: è davvero incredibile che non si riesca a risolvere rapidamente ed economicamente il problema e di conseguenza ci fanno sorridere se parlano di Turismo o Europa e non sono nemmeno capaci di togliere quattro legnetti dal fiume….

Premio Latisana per il Nord Est

Grafico, materiale grafico, stampato e promozionale, per un totale di 3.200 euro.

Gettoni ai consiglieri comunali

Ricordiamo che, a leggere la determina, Roberto Cicuto, Francesco Ambrosio e Claudio Serafini devolvo a enti benefici il loro gettone.

Festa delle Forze Armate

Costata in tutto 1.811 euro:  471 alla Despar per il rinfresco, 595 per le corone di alloro, 305 per l’amplificazione e 440 alla S. Paolino per musica e figuranti.

Le cose da fare

Elenco delle cose da fare:

  • Una webcam posizionata sul Tagliamento verso il ponte
  • Unire i Comuni di Latisana, Ronchis e Lignano Sabbiadoro
  • Gentile richiesta con foto: cancellare lo stop “contrario” di Via Carducci
  • via carducci

Pulizia della “diga” sotto il ponte

Fai sparire le auto abbandonate da secoli

Finisci di curare la siepe di bosso di Via Marconi e gli alberi di Viale Stazione

Completare il mezzo marciapiede di Via Rubino

marciapiede nella zona della Coop ex filanda

tabella toponomastica “VIA DEL BATTELLO”

sono pericolosi e alti i tombini su Via Beorchia…..

Altra gentile richiesta: sistemare urgente, prima possibile, Via Volton, dalla rotatoria al ponte per Bibione

Un cassonetto verde anche vicino a casa mia, grazie

I tempi dei semafori sulla 354, con maggiore tempo per l’accesso alla 354 nelle stagioni non turistiche

I Vigili al semaforo di Bergamin quando l’autostrada viene chiusa, ma anche durante i giorni feriali, nell’ora di punta ( 17-18.30)

Gentile richiesta: stucco e pittura per la ciclabile di Paludo…..

Nuova richiesta, nel senso di rifatta: i marciapiedi di Bevazzana;

Gentile richiesta: impedire che Via Trieste si allaghi sempre e occhio alle nutrie, presenti ovunque a Latisana….

Gentile richiesta: Vorrei aggiungere all’elenco delle cose da fare: – Marciapiede in Via Forte a Pertegada – Marciapiede in Via Don Giovanni Picotti fino alla scuola dell’infanzia se possibile o ancora meglio fino al campo sportivo. Lo spazio c’è e anche abbondante in entrambe le vie!!!! Grazie

  • I 90 anni di storia dell’Azienda di Marco Scolaris, a San Lorenzo Isontino (GO)

 

Traguardo prestigioso, serata di classe e amicizia, posto stupendo e ottimi vini: cosa pretendere di più? Davvero notevole il traguardo raggiunto, passato e in attesa di essere….raddoppiato.. dell’azienda e Cantina Scolaris, con Marco oggi alla guida e con pagine di storia affascinante che si è tramutata in immagini e parole nella presentazione video fatta ad inizio serata.

Avevamo già assaggiati i vini di questa cantina, in una precedente visita, ma la serata ci ha permesso di “stare sul pezzo”, con quattro assaggi. In apertura il Ribolla Nera Spumante brut, ottenuto da uve Schioppettino e Ribolla Gialla, accompagnato da lecca lecca di frico croccante che rivaleggiava in piacevolezza con le bollicine. Poi, nella stupenda sala del fogolar acceso, i cuochi di una rinomata trattoria delle vicinanze ci hanno presentato in apertura il prosciutto crudo tagliato a coltello, con buon pane e accompagnato, direi ovviamente, con un Friulano corposo e pieno di gusto; sul lato destro del fuoco invece delle crudità di pesce, trota e salmone, con verdura e olio d’oliva delicatissimo.

A fare compagnia il Malvasia Istriana della casa, leggero e elegante, delicato ma persistente, perfetto col pesce e senza problemi con l’olio. Sul lato sinistro invece il piatto forte, ovvero il musetto su letto di fagioli dolci e nel bicchiere il vino principe della serata: l’Ocelot del 2003 che valeva da solo il viaggio sino a casa Scolaris. Un rosso straordinario che meritava il bis e accompagnava senza problemi il musetto: intenso e profumato, pieno e soddisfacente, alcolico senza disturbare e pieno nei suoi 11 anni di storia. Un grande vino.

Serata tranquilla e piena, bella con il solo rammarico che per i 180 anni noi non ci saremo, auguri a chi ci sarà e complimenti. Nelle foto alcuni momenti della serata.

  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, esterno villa
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, Claudio Bertosso e Marco Scolaris
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, presentazione ospiti
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, lecca lecca di frico
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, ribolla nera rosè
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, barricaia storica
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, fogolar
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, crudo al coltello
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, friulano
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, crudità di pesce
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, Malvasia Istriana
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, musetto e fagioli
  • Marco Scolaris S. Lorenzo Isontino, 60 anni, ocelot

Condividi il post!

PinIt