Lunedì: le cose da fare; Latisanopoli; nutria a Paludo; foglie sulla ciclabile: serata a Ronchis; Paperopoli; Airbnb; Sanità e Ospedale

Sanità e Ospedale

Domenica mattina in Piazza Garibaldi agorà informativo del Movimento 5 Stelle sul tema della Sanità e dell’Ospedale di Latisana con il suo Punto Nascita; presenti una trentina di persone che hanno ascoltato il portavoce del Meetup locale, Antonio Gaudiano, il consigliere regionale Andrea Ussai che fa parte della Commissione Salute e la Deputata (medico) Giulia Grillo che fa parte della Commissione Sanità al Parlamento. Le istanze della zona sono state spiegate dalla portavoce del Comitato Nascere a Latisana Renata Zago e le famose dieci ragioni portate all’attenzione della Regione sono state così illustrate anche a livello parlamentare. Inutile dire che si chiamano “ragioni” perché hanno…ragione di esistere e di un tanto si sono fatti carico i due illustri ospiti.

Nota a margine: trovo personalmente sbagliato che, per scelta, per sgarbo istituzionale o per “dimenticanza”, nessun esponente dell’Amministrazione Comunale sia stato presente in piazza, e questo per due motivi. 1 la difesa dell’Ospedale è patrimonio di tutti i partiti e le civiche. 2 si tratta pur sempre di un esponente del Parlamento, che è la casa di tutti gli italiani.

DSCN0867

DSCN0869

DSCN0871

DSCN0875

Airbnb

Il turismo di oggi. Vedi www.lignano-sabbiadoro.it

Nutria

DSC_0154

Un esemplare molto grosso, direi mezzo metro più la coda è stato investito in centro a Paludo, sulla provinciale; mai viste prima da queste parti e se c’è né una, ce ne sono molte; strano vista la lontananza dal fiume, ma comprensibile con tutti i campi alle spalle verso nord. E’ un problema che non accenna a diminuire, bisogna intervenire a livello provinciale, anzi regionale.

Foglie sulla ciclabile

Sono belle da vedere e colorate le foglie, ma queste sono molto pericolose, scivolose sia per i pedoni che per i ciclisti; sono vicino alle elementari e sarà più di un mese che nessuno passa a pulire.

DSC_0152

DSC_0153

Latisanopoli

Monopoli_234

Molto per gioco e un pochetto anche seriamente, cerchiamo di capire uno dei meccanismi elettorali più diffusi e più usati: il serbatoio di voti. Certo il Candidato vale, anche il Partito in certi casi di appartenenza ( Lega, Destra, 5 Stelle votano il simbolo a prescindere dalla persona); vale poco il programma ( spesso simili) e vale moltissimo il rapporto personale, il “portare voti” e naturalmente è più facile rivolgersi a gruppi piuttosto che a singoli. Oggi facciamo una conta “ a spanne” di cosa valgono i gruppi, prendendo spunto dal gioco più famoso del mondo, Monopoli, dove le singole caselle hanno un valore che viene incrementato con case e alberghi. Qui in ballo ci sono relazioni e favori, da scambiare dopo il voto appunto. Ripetiamo che si tratta di un gioco e i protagonisti non se ne abbiano a male. A .. se poi pensate di “valere” di più… fatecelo sapere.

Gruppo Alpini: diversi da frazione a frazione e capoluogo, più piccoli e uniti fuori, più grande ma disomogeneo nel capoluogo; direi 50 voti per ogni sezione.

Protezione Civile: dipende dall’attività e dalle situazioni di pericolo e mangerecce; gruppo chiuso di amici, direi 40 voti.

Società di calcio, Latisana e Pertegada: il settore giovanile attrae di più grazie ai genitori, ma ci sono poche occasioni di incontro tra adulti; Latisana poi è con Ronchis; direi 60 a Pertegada e 30 a Latisana.

Società sportive varie: Delfini, Basket, Atletica, Pescasportivi, Pallavolo, Ciclismo; sono fatte da appassionati, raramente le ho viste coinvolte in attività diverse; direi 20/25 voti per ogni società a patto che il dirigente si impegni in prima persona.

Parrocchia: vale molto, come carisma e rete interpersonale; alla Chiesa si avvicinano tutti a vari livelli e l’opinione del sacerdote influisce soprattutto ad excludendum (.. quello/a non mi piace…); conta molto la sede di Latisana, ma anche Gorgo, con il Circolo e Pertegada influiscono. Darei un valore di 200 voti al capoluogo e di 80 alle frazioni.

Associazioni Culturali: sono poco attive; se ci fosse una scuola di teatro o una sala per la musica che raduna e riunisce allora si; direi quasi ininfluente.

Pro Latisana e Scuola di Musica: sono affiancate all’amministrazione che governa, quindi le loro relazioni interpersonali vanno a vantaggio di tutta la Giunta; possono far arrivare molti voti a chi governa, ma non credo personalizzabili individualmente, a meno che De Marchi non si candidi, allora si. Il gruppo vale direi 200 voti indistinti; 100 circa se la candidatura fosse diretta.

Associazioni benefiche, Cri, Caritas, Pan di Zucchero: sinceramente non credo in una loro azione politica, ma sono comunque legate al mondo cattolico e della chiesa, se non altro per affinità e condivisione dei valori di carità Cristiana; non portano vantaggi singoli, ma di schieramento. N.q.

Una Mano per Vivere: la figura carismatica di Gianfelice Colonna incide molto sulla vita dell’associazione, quasi personificandola suo malgrado. Impegnato direttamente si sono visti i risultati; farlo indicando altri conta meno. Direi 100 o 50.

Foghere: fondamentalmente sono tre, Pertegada, Latisanotta e Paludo Sabbionera; hanno saputo coagulare dei bei gruppi e poi non dimentichiamoci che le foghere arrivano qualche mese prima delle elezioni di solito. Abbinano volontariato, beneficenza, divertimento e enogastronomia; hanno delle persone di sicuro riferimento e creano senso di appartenenza e cordiale rivalità. Molto importanti, direi 150 voti, stima prudente.

Assessorati: fare l’assessore vale molto in termini di visibilità e di potenziali piaceri da erogare, oltre che di servizi generali alla comunità; poi ovviamente conta anche la personalità e la presenza sul territorio dei singoli assessori. Quelli tecnici in periodo di crisi valgono meno; quello all’assistenza vale se sei cinico e lo sfrutti; quello alla cultura pesca consensi più fuori che in Latisana; gli altri non portano granché, ma tutti garantiscono quella visibilità mediatica che è utile poi nel porta porta. Direi 150 voti di stima e ottimismo.

Casa di Riposo: dipende molto dal Presidente; se ci sa fare stringe legami con i parenti degli ospiti e col mondo del volontariato; Tognato, con quell’aria da “bravo putel” se si impegna direttamente qualche decina di voti li porta a casa, direi 30.

Associazioni di categoria: commercianti e artigiani sono frammentati, non vedo unione; diverso per gli agricoltori che non hanno confini di frazione, ma la terra e i problemi verdi come aggregante. Sono abbastanza uniti e se individuano una persona capace di rappresentarli possono contribuire parecchio, direi 150 voti.

Aprilia Marittima: realtà atipica del territorio; una volta c’era Gobbo a catalizzare aspettative e istanza della zona; ora ci hanno provato in molti, ma non vedo un leader, non ancora perlomeno. Forse una donna; molto dipende anche dalla proprietà come si esprime; più facile vedere due gruppetti, chi ha e chi lavora, direi 70 voti cadauno.

Altre realtà: sicuramente mi dimentico di qualcuno, potete integrare e correggere, o anche far finta di nulla, tanto tra 6 mesi si passa dal “VIA” e si ricomincia.

Serata a Ronchis

Venerdì 20, serata friulana e musica coi Mitili al Bar Antica Trattoria di Ronchis.

… e a Paperopoli, che si dice?

Brillante, rosso brillante, tentativo di “corruzione” dell’informazione locale da parte del portavoce del Meetup di Latisana del Movimento 5 Stelle; come si vede nella foto Antonio Gaudiano, ben conoscendo la passione per i vini buoni del Bacucco, ha fatto omaggio pubblicamente di due bottiglie di rossi provenienti dalla Puglia e dalla Sicilia. Dopo aver assaggiato un poderoso “ Cacc e Mmitte” posso affermare che il tentativo è andato a buon fine almeno nel bicchiere: Viva il Movimento 5 Stelle di Latisana!

DSCN0866

Elenco delle cose da fare:

  • Ripensare al Settembre DOC
  • Organizzare tUTI a tavola
  • Mantenere Pediatria a Latisana
  • Basta metri cubi a Latisana, basta cemento, basta consumare il suolo: ci sono già case invendute e case da sistemare. Basta cemento a Latisana.
  • Ex Bergamin, se disponibile, co-working e altre situazioni per giovani
  • Eliminare, se possibile, il “puliner”
  • Ammodernare la “nave” di Latisanotta ceduta all’Ater
  • Completare la rotonda dell’Ospedale
  • Suggerimento per una Lista di giovani e donne, il nome potrebbe essere “cambiAMO latisana”
  • Anche lo slogan suggeriamo, tratto dal film Fankestein Junior: …”si può fare!”
  • Occorre risvegliare l’orgoglio di essere Latisana, assieme alle frazioni e assieme ai paesi vicini; far lavorare assieme le associazioni locali anche in competizione e premi, su diversi livelli, dal verde pubblico allo sport, dal vino al cibo, dall’arte alle scienze.
  • Suggerimento per frazioni e Pro Latisana: scegliere un colore per ogni frazione e cominciare a usarlo per distinguersi e caratterizzarsi, in vista del futuro Palio di Latisana; per esempio gli arancioni di Sabbionera Paludo lo hanno già fatto in parte. Gorgo..cambia colore… Latisanotta sembra giallo….
  • Gentile richiesta: Gentile Bacucco, nell’elenco cose da fare aggiungerei anche qualcosina nella manutenzione e ristrutturazione degli impianti sportivi dello stadio comunale in quanto sono da moltissimi anni che i punti per svolgere l’attività di atletica leggera sono stati dimenticati. Vedere per credere. (gli atleti si sono spostati a Lignano..)
  • Asilo no stop durante la stagione estiva
  • Una webcam posizionata sul Tagliamento verso il ponte utile in caso di piena del fiume per guardare live la piena, anche per chi non abita a Latisana
  • Rivedere numero e posizione dei cassonetti per la differenziata; nei mesi estivi posizionare quelli per il verde
  • Sistema la segnaletica sulla 354 dopo gli incroci, anche in Via Beorchia
  • Avviare una petizione per il “no pista motocross” e “ no cubi sul Lascito Samueli”: sono previsti 10 appartamenti circa che cambierebbero un angolo verde del centro storico; dopo la villa di Parco Gaspari, dopo “villa cragna”, dopo la pescheria di Piazza Masutto, dopo la villa di Piazza delle Poste…continuiamo a demolire e eliminare brandelli di storia latisanese: bravi.
  • Concorso fotografico, locale e internazionale
  • Street art e murales
  • Palio delle frazioni a ottobre, Palio di Latisana, poi, in futuro, Palio dell’UTI
  • Sala condivisa per musica, teatro, danza, arte varie, con rete a fibra ottica e stampante 3d, magari da Bergamin
  • Finire il percorso ciclo pedonale Lignano-Villa Manin integrandola con aziende agricole, vinicole e punti d’interesse vari: un percorso a valenza europea; decalogo dell’ospitalità turistica; avviare la Strada del Vino e dei Sapori come previsto dalla legge regionale
  • Pedonalizzare Slargo Indipendenza, con gazebo e animazione e attività varie
  • Rivedere tutti gli appalti dell’Ambito Socio Assistenziale, oggi una vera giungla con centinaia di migliaia di euro spesi per appalti e bandi e gare; occorre incentivare la nascita di società o cooperative in loco per non portar via risorse al territorio
  • La tabella bianca e blu di Via del Battello (promessa e non messa)
  • La Polizia Locale, meno burocrazia e più presenza sulle strade, con il Vigilie di quartiere, abituando la gente a vederlo e responsabilizzando l’addetto alle cose che accadono nella sua zona; multe come estrema soluzione, privilegiare la prevenzione; andare ( come promesso da Benigno) ai due semafori di Bergamin ( in attesa di rotatoria) e di Paludo a dirigere il traffico. Sotto il sole? Si si sotto il sole….
  • Illuminare meglio la Pala del Veronese, in Duomo
  • Più e moderna luce led in Parco Gaspari;
  • Gentile richiesta: sistemare le aree di parcheggio ex Morassutti, con la pavimentazione in plastica ora inesistente
  • Completare l’ex Centro Ippico, magari con una Mostra/Museo/Casa della Enogastronomia friulana. (tipo museo della pizza a Napoli o quello di Torino) o Scuola Musica
  • Doppia foghera, Latisana/S.Michele in golena una di fronte all’altra e concorso fotografico, concorso della pinsa, pinsa DE.CO.
  • Sclupit DE.CO. PPL, più di qualcuno ( Piccoli Prodotti Locali)
  • Pulisci e rendere decoroso l’accesso da S.Michele, tra i due ponti, oggi una vera schifezza. Infopoint e chiosco
  • Via i parcheggi a pagamento, sostituendoli con disco orario a durata crescente
  • Rilanciare il vino a Latisana e nella Bassa con disciplinare e accordo con le aziende, “Vin Nostràn”, magari biologico, avviare le DE.CO. per prodotti e piatti; simbolo del vino il mosaico di Via Sottopovolo
  • Completare il mezzo marciapiede di Via Rubino
  • marciapiede nella zona della Coop ex filanda
  • Controlli fissi velocità e dissuasori e finti/veri velox come a Lignano
  • Gentile richiesta: Via Trieste e aggiungere dissuasori di velocità; aggiungere un paio di tabelloni con la velocità di transito e il lampeggiante per rallentare
  • Gentile richiesta: barriere antirumore sulla ferrovia zona Sabbionera. Gentile richiesta: stucco e pittura per la ciclabile di Paludo….. che adesso è anche pericolosa, e sistemare le siepi morte, i cestini per le immondizie, qualche panchina e via le luci rotte e inutili
  • i marciapiedi di Bevazzana;
  • Gentile richiesta: impedire che Via Trieste si allaghi sempre e occhio alle nutrie, presenti ovunque a Latisana….
  • Gentile richiesta: – Marciapiede in Via Forte a Pertegada – Marciapiede in Via Don Giovanni Picotti fino alla scuola dell’infanzia se possibile o ancora meglio fino al campo sportivo. Lo spazio c’è e anche abbondante in entrambe le vie!!!! Grazie
  • I panettoni….dove servono e rivedere gli stalli di sosta vicino alle strisce pedonali

Condividi il post!

PinIt

4 commenti su “Lunedì: le cose da fare; Latisanopoli; nutria a Paludo; foglie sulla ciclabile: serata a Ronchis; Paperopoli; Airbnb; Sanità e Ospedale”

  1. Antonio Gaudiano ha detto:

    Bacucco,
    Vedo che la curiosità di assaggiare il vino della Capitanata è durata poco.
    Son contento che ti sia piaciuto e che tu abbia potuto assaggiare un vino che ancora non conoscevi
    Per quanto scritto sopra, invece, non sono portavoce (quelli sono gli eletti M5S) ma solo Attivista mentre l’attuale organizer (referente e organizzatore) del Meetup Bassa Friulana in MoVimento e Simone Boscolo

  2. Paolo Miotto ha detto:

    Voglio fare i complimenti al Bacucco,perchè è il primo che,finalmente,ha capito dove si trovano i voti per essere eletti.E’ inutile fare le santarelline,ci sono dei bacini nei quali i partiti,o i singoli candidati,possono attingere a piene mani,vuoi per conoscenza o per affinità,certe associazioni sono anche questo.
    Di nuovo complimenti.

  3. Paolo Miotto ha detto:

    Ho letto sul giornale (Messaggero Veneto) che parte un processo per bullismo,in una scuola di Latisana.MI sorprende il fatto che nessuno si sia costituito parte civile,nè la scuola,nè il comune,come mai?

  4. passante ha detto:

    Alle nutrie
    Abitando tra Latisana e Ronchis.non mi sconvolge la foto della nutria.Ne ho viste di parecchie stese sui campi con la pancia al sole ad abbronzarsi dopo un bel bagno nel canale in prossimità dell’acquedotto sito a Crosere. e che attraversa le campagne di Tisanotta.
    90 cm coda ESCLUSA Altre in fossi larghi nelle campagne di Ronchis.ma non avrei creduto nemmeno io divederne alcune sulla provinciale.come segnalato o sullo stradone di Lignano
    .Questo estate al semaforo di Gorgo andando verso casa…temevo fosse un cucciolo di labrador…era molto chiara e distesa morta..Sara stata 90 cm coda esclusa..presa sotto sul ciglio stradale…Forse era un raro esemplare di nutria bianca.molto ricercata per la sua rarità..credo che abbia avuto diverse ammaccature l’auto coinvolta …ovvio che se mi capitasse sotto le ruote di notte dovrei solo pregare non solo per evitare la sua morte, ma anche perché rappresenta un vero pericolo stradale
    .Comunque già notate in strade asfaltate comunque poco trafficate che collegano piancada a Titiano.Il problema non è nuovo 2015 quindi e.penso che esse si stiano stufando della campagna e dei soliti posti e si stanno spostando verso Lignano.
    saluti

I commenti sono disabilitati.