marciapiede, pericolo e rotatoria a Crosere

{jcomments on}Quando la protesta è concreta


Mesi fa avevamo pubblicato la fotografia del marciapiede sconnesso e rotto all’altezza dell’incrocio con Via Risorgimento; sono passati mesi e nulla è stato fatto; oggi riproponiamo la fotografia stavolta con la problematica vissuta direttamente da due cittadini che, tra l’altro, si sono lamentati di parecchie situazioni simili in tutto il centro di Latisana. Basta vedere la foto per capire e non servono ulteriori commenti. Solo interventi. Diretti. Rapidi. Seri.

Pericolo



 


Uscendo da Via Pietro Zorutti, girare a sinistra verso il centro è davvero rischioso; la visibilità è impedita dalla presenza di un bidone delle immondizie e si rischia davvero grosso. A poco serve lo specchio parabolico, che non viene  usato e che comunque non dà sicurezza all’automobilista. La cosa ci è stata segnalata da alcuni abitanti della zona.

La rotonda fiorita


Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Cara redazione de “latisana.it”, vorrei darvi alcune precisazioni in merito ai lavori sulla rotatoria di Crosere come da voi prontamente segnalati su questo blog.  La storia e la realizzazione del progetto parte da lontano…Sono l’arch. Enrica Gazzin, residente a Latisana, in qualità di architetto progettista sono stata selezionata per partecipare al concorso “Orti e giardini” indetto dalla società “Fiera di Genova s.p.a.” in occasione dell’esposizione quinquennale denominata Euroflora 2011, tenutasi lo scorso Aprile. Il tema del concorso di idee richiedeva la progettazione di un orto o un giardino a tema libero facilmente adattabile e realizzabile, magari con materiale di riciclo. La ditta D’Andreis si è offerta di partecipare alla manifestazione come sponsor del progetto, fornendo il trasporto a Genova delle piante, la mano d’opera per l’installazione e i materiali con cui allestire il progetto. Ho potuto realizzare il progetto grazie all’aiuto preziosissimo e alle competenze della dott.ssa agronomo Claudia Pavoni ( pure latisanese…), insieme abbiamo deciso di proporre alla città di Latisana la possibilità di riallestire il progetto summenzionato in uno spazio pubblico comunale, come ad esempio una rotatoria stradale o un’aiuola, collocandolo come decorazione od eventualmente con finalità di orto didattico o terapeutico. L’intento era quello di riutilizzare concretamente un progetto che aveva partecipato ad un concorso internazionale per non relegare gli sforzi progettuali alla sola mostra ma utilizzarli anche a servizio della comunità, e – nell’ottica del recupero e del riciclo – di riutilizzare i materiali con uno scopo sociale ovvero senza sprechi, come succede spesso nel dopo fiera. A fronte di quanto fin qui illustrato, in concerto con l’Amministrazione (il Sindaco) del Comune di Latisana (e l’Assessore all’Ambiente), abbiamo deciso di collocare il progetto nella rotatoria di Crosere, rendendo l’aiuola centrale un”orto-giardino” come da voi descritto, conferendo ad un ingresso alla nostra cittadina un indubbio pregio estetico e bellissimo biglietto da visita (per la qualità ecologica). n.b. Ci stiamo organizzando per l’inaugurazione della rotatoria che speriamo possa avvenire in occasione dei festeggiamenti di San Martino, il prossimo 11 Novembre, ma questo è un dettaglio ancora da confermare. Cordialità.  Arch. Enrica Gazzin


Condividi il post!

PinIt