marciapiedi, commercio, gelida, lotteria e firme

Il marciapiede più scivoloso di Latisana


Non ci riferiamo ovviamente alla vecchia vicenda che vide coinvolto l’ex Sindaco Gianfranco Sette, incappato in una questione politico amministrativa proprio a causa di quel marciapiede in Via V.Veneto, ma proprio al fatto che quelle pietre rosa sono molto, ma molto, scivolose. Lo sono quando piove e a maggior ragione lo sono quando c’è brina e ghiaccio e a poco serve mettere il sale che riporta le condizioni alla simil pioggia e quindi di rischio. Da anni si chiede di bocciardare quelle pietre e ieri mattina più di qualcuno si era appoggiato al muro per non cadere. Provare per credere.

Lotteria? I latisanesi snobbano i premi

 


{jcomments on}

 

Prima di tutto riportiamo il regolamento: I buoni spesa saranno consegnati,  fronte della presentazione dell’originale del biglietto vincente, dal 13/01/2012 al 31/01/2012, presso gli sportelli della Banca San Biagio del Veneto Orientale, Filiale di Latisana, Piazza Indipendenza n. 32, durante gli orari di apertura degli sportelli. Se i vincitori dei premi non si dovessero presentare entro il 31/01/2012 automaticamente detti premi passeranno di diritto alle riserve (art. XI), le quali dovranno a loro volta ritirare i buoni (nelle stesse modalità) ed usufruirli entro il 29/02/2012. Ebbene fino a ieri si erano presentati solo in tre a ritirare il premio, e mancano sia il 1° che il 3° vincitore. Dimenticanza, pigrizia, scarsa informazione, un mix di tutto ciò e l’invito, da parte degli organizzatori, a guardare tra i biglietti in proprio possesso e di guardare l’elenco completo presente sia nel negozi che in banca che su internet. In caso di non rivendicazione, tutto in beneficenza: sarà che i latisanesi sono generosi??…

Commercio boccata d’ossigeno.

Due buone notizie; Benetton riapre a fine febbraio con la collezione primavera e siamo veramente contenti, anche per le dipendenti che riusciranno a ritrovare lavoro. Riapre anche con una nuova etichetta il negozio ex Altan, ex Morlacco a fianco del Municipio, in Piazza Indipendenza. Troveremo, sempre a fine febbraio, abiti e calzature “griffati”, wow, bene!

Gelida

Ieri giornata gelida, nel senso che non siamo mai andati sopra lo zero; sempre sotto, di poco, ma sempre sotto e 3 gradi “più caldo” del giorno prima, ma mancando il sole la temperatura più alta era – 0.8 alle 16.00 e 22.00

Raccolta di firme, cercasi volontari.

Riceviamo e volentieri pubblichiamo da Elena  Donda di Pieris. Il gruppo NTRP (su facebook “Nun te regghe più”) ha predisposto una proposta di legge di iniziativa popolare che vuole introdurre una norma per equiparare gli stipendi dei parlamentari, attualmente determinati dalla legge n. 1261, e dei dirigenti pubblici nominati dai politici o eletti dal popolo,  alla media degli stipendi europei per le stesse mansioni. L’iniziativa è stata pubblicata, come richiesto dalla legge, sulla Gazzetta ufficiale n. 227 del 29.09.2011 e da quel giorno è iniziata la raccolta di firme che non può durare più di 6 (sei) mesi e dovrà quindi essere conclusa entro la fine del mese di marzo 2012. Il testo della legge dovrà essere presentato per la discussione ad una delle due camere da un numero minimo di 50.000 cittadini italiani che dovranno sottoscrivere la proposta di legge tramite una firma autenticata su appositi moduli vidimati dai segretari comunali (che sono dipendenti diretti del ministero degli interni). La legge è composta di un solo articolo:
ART.1 I parlamentari italiani eletti al Senato della Repubblica, alla Camera dei Deputati, il Presidente del Consiglio, i Ministri, i Consiglieri e gli Assessori regionali, provinciali e comunali, i Governatori delle regioni, i Presidenti delle Province, i Sindaci eletti dai cittadini, i funzionari nominati nelle aziende a partecipazione pubblica, ed equiparati non debbono percepire, a titolo di emolumenti, stipendi, indennità, tenuto conto del costo della vita e del potere reale di acquisto nell’unione europea, più della media aritmetica europea degli eletti degli altri paesi dell’unione per incarichi equivalenti.

La proposta di legge di iniziativa popolare è un istituto previsto dalla nostra costituzione per l’esercizio della democrazia diretta da parte dei cittadini. In molti comuni italiani la raccolta delle firme è già attiva, Latisana ancora manca. Sarebbe un’importante dimostrazione di democrazia diretta  offrire anche ai cittadini di Latisana questa opportunità. Attivare il proprio comune è semplice, le informazioni necessarie possono essere richieste al gruppo facebook o ai collegamenti del sito internet http://www.leggentrp.it/

Condividi il post!

PinIt