Martedì: a Palazzolo Heart(h); eravamo in quindici; sempre a Palazzolo; Paperopoli; il monumento, una bella pietra; iniziativa solidale; Giro d’Italia; paletti anti sosta; video furto a Bibione

E questa chi se la ricorda?

Eravamo in quindici….siamo rimasti in dodici…..

Il Monumento ai Lancieri

DSC_0138

Questa bella pietra si appresta a diventare il Monumento ai Lancieri; onestamente pensavo a un cavalo ( cavalleria) o a una lancia (Lanceri); una pietra mi ricorda altro ed è già stata usata. Contenti loro….. Nuova dislocazione anche per la scultura in pietra dono del gemellato comune di Reichenau An der Rax, farà bella figura sulla facciata del Municipio. Chissà dove metteranno loro il nostro piatto comprato in bottega…

http://utirivierabassafriulana.simplesite.com/420291961

Paletti salvamarciapiedi

Ne verranno messi molto, in piazza e zone vicine.

A Palazzolo

palazzolo slepoi e stella

Interessante incontro domenica a Palazzolo, organizzato dal rinato circolo culturale “La sveglia” con due importanti personaggi: il giornalista scrittore Gian Antonio Stella e la psicoterapeuta di fama internazionale, nonché scrittrice, Vera Slepoj, davanti a circa duecento persone attente ed interessate agli argomenti trattati. Lo scrittore si è soffermato in particolare sulle disfunzioni del nostro sistema burocratico, sulla alta inefficienza pari solo al suo abnorme costo, ed all’assurdo sistema incentivante che, in totale spregio della meritocrazia, vede ad esempio premiati il 99% dei dirigenti di Palazzo Chigi su obiettivi burla che gli stessi si assegnano. Maggior spazio è stato però dedicato all’attuale problema migranti, trattato dai due importanti ospiti con un’obiettività e competenza che difficilmente trovano riscontro nei media nazionali e negli opinionisti, quasi sempre divisi fra i sostenitori di un esasperato e talvolta cinico buonismo che non possiamo permetterci (accogliamo tutti a prescindere) ed i sostenitori del regime autarchico, della costruzione di nuovi muri, della paura, che si trasforma in violenza, non solo verbale, per i diversi per razza, religione, provenienza, valori. Non è certo usuale veder organizzati incontri di questo livello da un piccolo comune, e questo può servire da esempio per comuni di ben altre dimensioni, che magari si spacciano per città, e si limitano alle solite sagre costa e polenta, utili per divertirsi ma che certamente da sole non servono ad innalzare il livello culturale dei cittadini. Lettera firmata

n.d.b. a Latisana abbiamo avuto l’Associazione Incontri, con Iginio Petrussa, 1983 e dintorni; poi sono arrivati Moretti…Sette…Benigno….

Video furto a Bibione

E’ diventato virale il video diffuso da un noto supermercato di Bibione che fa vedere come due “ragazze visibilmente straniere non di colore” rubano con destrezza il taccuino dalla borsa di un’anziana. Speriamo che le becchino subito.

A Palazzolo dello Stella

11215819_872449642838450_241322431265576355_n

ArtPort presenta: Heart(h)_8th edition – Anche quest’anno la bassa friulana apre le porte ad Heart(h). Pittura dal vivo, musica, video, grafica, installazioni.. tutto da godere presso il Centro ArtPort a Palazzolo dello Stella.
PROGRAMMA
1 – 2 – 3 ottobre: pittura dal vivo degli artisti: Cactart, Carne, Caterina Stolfa, Manuel De Marco, Marta Zanello
Giovedì 1° ottobre: ore 21: progetto “Acqua bene comune” (Erasmus+)
proiezione di cortometraggi, esposizione del progetto e buone pratiche
a cura di: CEVI (IT), CERA (FR), ORMAX (MD)
Venerdì 2 ottobre: ore 21: Les briquets Egarès reading + live painting “Ballate per cuori autistici”
Sabato 3 ottobre: ore 22: The Young Tree + Maurizio Zilli Dj Set
Domenica 4 ottobre: dalle ore 11 per tutto il giorno: postazioni di sperimentazione artistica di musica, pittura, scrittura creativa, cucina naturale e discipline olistiche (tui na, riflessologia plantare, shiatsu); pranzo vegetariano a offerta libera
ore 17: inaugurazione mostra; concerto della North East Ska Jazz Orchestra a seguire buffet + FunckyGiallo Dj Set. La rassegna è organizzata dall’Associazione Artistico Culturale ArtPort e dall’Associazione MentiLibere, in collaborazione con l’Ambito Distrettuale di Latisana.

… e a Paperopoli, che si dice?

A Palazzolo dello Stella ospiti Stella e Slepoi; a Precenicco Corona, Maieron e Capuozzo, e a Latisana?

en plein air

Giro d’Italia 2016

“La gara più bella del mondo” fa tappa in Friuli Venezia Giulia. Dal Giro, un indotto turistico rilevante. TurismoFVG pronta a sfruttare il marchio sportivo per la promozione del territori. Torna in Friuli Venezia Giulia il Giro d’Italia con una tappa che punta in alto, anche per la promozione turistica del territorio. Sulla valenza promozionale dell’iniziativa, presentata stamattina nella sede della Protezione civile di Palmanova, hanno indirizzato i loro interventi tutte le autorità presenti, compresi i vertici di RCS sport, società che la organizza e che molto si aspetta, in termini di partecipazione, dal percorso in regione.

Nelle zone toccate dal Giro, infatti, sono attese svariate decine di migliaia di spettatori anche da Slovenia, Croazia, Repubblica Ceca, Austria e dal vicino Veneto, considerando che alla “tappa rosa”, in arrivo venerdì 20 maggio 2016, è stata collegata una Gran Fondo la domenica successiva, tracciato che sarà proprio lo stesso su cui i grandi campioni si sono sfidati in una delle tappe più attese e sicuramente decisive dell’intera corsa.

Partendo da Palmanova e toccando per ben due volte Cividale, il Giro avrà il suo clou nelle Valli del Torre e del Natisone, una zona della regione poco conosciuta dal punto di vista turistico, ma ricca di fascino e opportunità di sviluppo. Su questo territorio, che conta un sito Unesco già riconosciuto (Cividale) e un altro “in corsa” per diventarlo (Palmanova), TurismoFVG predisporrà le condizioni di accoglienza e di offerta turistica assieme agli operatori in modo da permettere una fruizione del territorio non solo nei giorni interessati dal doppio evento sportivo, ma soprattutto per consentire che la corsa a tappe più famosa d’Italia rappresenti un “testimonial” per il turismo del Friuli Venezia Giulia.

TurismoFVG ha già realizzato due prodotti turistici pensati per i ciclisti e cicloturisti che vogliono vivere la loro vacanza in bicicletta e per coloro che desiderano invece un’esperienza slow conoscendo la parte autentica e genuina del territorio: Bike Experience e Rurale Slow. Il primo include strutture ricettive con un forte orientamento al mercato del cicloturismo che offrono servizi specifici per i ciclisti e cicloturisti, come spazi sicuri dove mettere le bici, attrezzature per le piccole riparazioni, colazioni rinforzate e personalizzate su richiesta, late check-out, il bike carnet (blocchetto di sconti su servizi specifici offerti dai fornitori del territorio che aderiscono al circuito Bike Experience) e molto altro ancora. Il secondo invece comprende le strutture di piccole dimensioni che offrono un’accoglienza familiare e permettono agli ospiti di conoscere l’autenticità e le tradizioni del territorio, l’amore e la cura per le piccole cose, i sapori e profumi delle colazioni fatte in casa con prodotti locali, per valorizzare la filiera corta e favorire una ricaduta economica positiva su tutto il territorio.

Il marchio sportivo del Giro d’Italia sarà utilizzato per promuovere questo territorio, ricco di fascino e modello verace di quel turismo slow sempre più ambito dai visitatori e che in Friuli Venezia Giulia significa appunto una perfetta sintesi tra storia, cultura, divertimento.

Iniziativa solidale

V20US r

Settembre 2015: rivoluzione green di Venethica: “la scarpa che cammina, ma non calpesta” con cui la Cooperativa N.O.I. supera sé stessa

Venethica è l’inedita linea di sneaker totalmente ecocompatibile, realizzata in materiale riciclato e con elementi biodegradabili. Dalla natura arriva e alla natura torna.

La Cooperativa Venethica, dopo il recupero del know-how, dei macchinari e delle persone di un calzaturificio artigianale a rischio chiusura, va oltre e realizza una linea di scarpe omonima, dal passo ancora più importante: la produzione di queste sneaker è destinata a cambiare il futuro dell’industria calzaturiera in prospettiva ambientale.

La tomaia nasce dalle manichette antincendio, riciclate e disaccoppiate; i riporti sono in riso e cereali, quindi dalla natura arrivano e alla stessa ritornano; tintura e colle sono ad acqua, totalmente ecologiche e la suola, punto di forza estremo rispetto a quanto visto finora, è totalmente biodegradabile, il tutto garantendo alti standard qualitativi e di durata. VENETHICA, che sarà disponibile in commercio per la stagione primavera/estate 2016, è una linea di scarpe da passeggio nate da un nuovo concetto di ricerca e sviluppo, sempre più volto all’ecosostenibilità.

<Venethica rappresenta in pieno il concetto di “scarpa che cammina e non calpesta”, perché rispetta l’ambiente da ogni angolazione la si guardi – afferma il Presidente della Cooperativa N.O.I. Fabio Panizzon – Acquistarne le scarpe significa favorire il mantenimento dei posti di lavoro, dare valore alle risorse sul nostro territorio e dimostrare allo stesso anche il pieno rispetto della Natura. Venethica è la dimostrazione che si può fare impresa nel rispetto dei valori etici>.

Venethica fa parte, assieme alla Cooperativa NOI e a Pastificio Veneto, della nuova realtà NOI Group, ed è nata per sensibilizzare su più fronti: quello socio-lavorativo, assumendo cinque persone a rischio disoccupazione, quello della ricchezza territoriale, recuperando il know-how, i macchinari e la produzione di un calzaturificio destinato a chiudere, quello ambientale con chiari messaggi di ecosostenibilità in una scarpa-moda prodotta secondo le tradizionali regole manifatturiere, con standard di alta qualità, e destinata a durare nel tempo. Un passo in avanti verso un progresso dal percorso etico.

N.O.I. Nuovi Orizzonti Informatici – Soc. Coop Soc. a R.L. ONLUS

Via delle Querce, 7 – 31033 Castelfranco Veneto (TV)

Tel/Fax 0423.723432

N.O.I.

Nel 2000, al termine di un articolato percorso, che ha approcciato al mondo del lavoro quindici persone affette da disabilità motoria, grazie alla collaborazione tra l’Azienda ULSS 8 di Asolo, la Cooperativa Sociale “Vita e Lavoro” e un gruppo di genitori, il tutto finanziato dal Fondo Sociale Europeo, nasce questa Cooperativa Sociale, con un imprinting formativo che caratterizza da sempre le sue scelte, basate sulla solidarietà come valore fondamentale per rispondere a bisogni concreti, nel completo interesse della comunità. Una Cooperativa Sociale di tipo B di nuova concezione: crea opportunità di inserimento lavorativo mirate alle persone “svantaggiate”. Una definizione che individua un gruppo eterogeneo, casi particolari non sempre contemplati fra le categorie protette e che allo stesso tempo faticano ad essere assorbiti dal mercato del lavoro. N.O.I. nasce proprio per venire incontro a persone affette da malattie fisiche, sensoriali o organiche anche altamente invalidanti, a chi necessita di orari di lavoro personalizzati, a chi non trova lavoro a ridosso della pensione. Una grande capacità operativa e una visione imprenditoriale sono al servizio della natura sociale, per dare vita a un’integrazione socio-lavorativa a 360°.

Condividi il post!

PinIt

3 commenti su “Martedì: a Palazzolo Heart(h); eravamo in quindici; sempre a Palazzolo; Paperopoli; il monumento, una bella pietra; iniziativa solidale; Giro d’Italia; paletti anti sosta; video furto a Bibione”

  1. Dennys ha detto:

    A Palazzolo sta ritornando la voglia di fare ,fare bene.Grazie Bacuccone per aver citato l’evento.

  2. Paolo Miotto ha detto:

    Caro Bacucco,non hai detto che a Palazzolo,domenica,c’è stato anche il palio dei mus,vabbè che sono animali molte volte bistrattati,ma qui ha avuto degno rilievo la loro presenza,con una buona partecipazione di pubblico.

  3. il_bacucco ha detto:

    @ paolo: se mi mandavi la notizia e le foto, le pubblicavo. puoi benissimo farlo, così come altri da altri posti fanno… 🙂

I commenti sono disabilitati.