Martedì: Gorgo/Pertegada; da Latisana a Roma: la Festa a San Filippo; autovelox; 12 Ore Enduro; Vin Nostràn; UTI

UTI

le-ombre-lunghe-del-tramonto-4257a7ba-f214-4bd8-b3b8-6c4db24200c2

Francamente ci capisco poco di politica e men che meno di “partitica”, ovvero di come i partiti vivono le varie questioni quotidiane. Di questi tempi uno degli argomenti più importanti è sicuramente l’UTI, Unione Territoriale Intercomunale, ovvero le mini province della riforma Panontin. Latisana, grazie a questa riforma, potrebbe avere un ruolo centrale rispetto ai vari comuni della Bassa occidentale e diventare capitale di un vasto sistema burocratico amministrativo che, alla fine, si risolve poi in ruolo e incarico centrale. Ebbene, a parte la fuga in avanti di Lignano con Grado, abbiamo assistito a una sorta di balletto di ruolo del Sindaco Benigno, da una parte appunto come capofila dell’UTI e dall’altra parte come firmatario, assieme a tutta Forza Italia, di un referendum abrogativo. E Latisana? E i vari partiti? Possibile che, tolta qualche meritevole voce, nessuno si metta a gridare e costringa Benigno ad uscire dall’equivoco e soprattutto prenda le difese di Latisana e dei latisanesi che possono finalmente riavere quel ruolo mandamentale perso dai vari Moretti/Sette/Benigno in questi anni? Soprattutto il PD, tace, o forse lavora nelle stanze segrete in stile botteghe oscure, evitando di spaccare la stampa e i suoi blog con aperte accuse all’attuale sindaco che sta mantenendo Latisana nel nulla attuale invece che disegnare strategie e ruoli da comune capofila? Non ci capisco nulla, ma capisco che ci vuole una rivoluzione, di idee ovviamente, ma soprattutto di persone, persone con le palle e con la voglia, non mezze figure che, come diceva Gianfranco Sette, se proiettano lunghe ombre significa solo che siamo al tramonto.

Vin Nostràn

Come abbiamo già raccontato la Confraternita del Vin Nostràn ha incontrato dei produttori e, uno di essi, ci aveva detto di usare, oltre ai soliti vitigni, anche la “Farinella”, lo “Sperlese” e il “Tintoria, o Tintorie”. Una ricerca effettuata grazie ad un amico, ci ha permesso di trovare traccia di queste uve, che magari qualche viticoltore ancora possiede nei suoi vigneti. Ecco il frutto della ricerca.

austria sperlese r

La_VITEnellaSTORIA_di_Enos_e_t_al._TINTORIE_(1)_r

La_VITEnellaSTORIA_di_Enos_e_t_al._TINTORIE_(2).r

La_VITEnellaSTORIA_di_Enos_e_t_al.FARINELE__(3).r

Autovelox

Settimana, questa, dedicata dalla Polizia Stradale al controllo della velocità; ecco il link per vedere dove si posizioneranno e quando: http://img.poliziadistato.it/docs/friuli.pdf

Gorgo/Pertegada

Oggi lunedì probabilmente c’è stato un incontro chiarificatore tra Comune e gruppo mamme e interessate della mensa per la vicenda dell’asilo di Gorgo/Pertegada e delle cuoche. Alla fine la soluzione si troverà, certo che a volte basta avvisare e discutere prima per evitare sorprese poi, anche in caso di accadimenti (semi) improvvisi. Detto che le mamme vanno sempre salvaguardate con i loro figli, un paio di domandine ci restano dentro, senza risposta probabilmente, eccole. I buoni pasto richiesti alla ditta che fornisce il servizio, sono stati richiesti sulla base del contratto in essere? O un servizio nuovo? Buoni o retta, buoni per le elementari e retta per l’Asilo (con la cuoca), e adesso? Ancora retta o buoni? Vabbè che sono due mesi, ma giusto per capire. Prima c’erano dei fornitori di materie prime alle cuoche, adesso non forniranno più: a loro va bene? Non è che poi ci chiedono conto del mancato rispetto del servizio fino a fine anno. Pasti consegnati dalla ditta e poi?? Serviti come e da chi? tutti a posto con le norme sanitaria ovviamente e, a proposito di sanità, l’ASS 2 è stata preventivamente informata, credo…

Da Latisana a Roma

Seminario Nicolò Cusano

L’A.N.F.I. DI LATISANA INVITATA A ROMA, (a cura di Francesco Marino). Il Magnifico Rettore dell’università Nicolò Cusano di Roma, Prof. Fabio Fortuna, ha invitato il presidente della Sez. A.N.F.I. di Latisana a partecipare al convegno dal titolo EMERSIONI E RIENTRO DEI CAPITALI DETENUTI ALL’ESTERO: FUNZIONE ED APPLICAZIONE DELLA LEGGE N. 186/2014. Il seminario ha avuto luogo presso l’aula magna dell’università, in via Don Carlo Gnocchi 14. Ha visto la partecipazione di illustri ospiti come il Sottosegretario alla Giustizia, Dott. Cosimo Ferri; il Dott. Mario Civetta, Presidente dell’Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Roma, il Dott. Mario Longobardi Presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili; il Prof. Giovanni Puoti, Preside della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università ospitante e già Sottosegretario al Ministero dei Trasporti; il Dott. Michele Muscolo, delegato Generfid S.p.a.; il Prof. Emanuele Fisicaro, Professore di Diritto Penale presso l’università di Bari e il Prof. Gianfranco Ferranti – Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione.

Dopo l’introduzione del Magnifico Rettore, gli illustri ospiti hanno spiegato che lo scopo della recente legge 15 dicembre 2014 n. 186 (disposizioni in materia di auto riciclaggio”, entrata in vigore il primo gennaio 2015.) è quello di promuovere la collaborazione volontaria dei soggetti passivi delle principali imposte (imposte sui redditi ed IVA) per consentire di eliminare le omissioni o le infedeltà dichiarative in cui siano incorsi in passato e intraprendere un percorso “virtuoso” nei rapporti con il Fisco. La norma disciplina la procedura di collaborazione volontaria, a cui possono accedere persone fisiche, società semplici, enti non commerciali e soggetti equiparati che detengano all’estero investimenti e/o attività di natura finanziaria, per regolarizzare le violazioni connesse agli obblighi di monitoraggio fiscale commesse fino al 30 settembre 2014. La collaborazione col Fisco sarà possibile fino al 30 settembre 2015 e permetterà di godere della riduzione di sanzioni ed interessi oltre che di importanti benefici dal punto di vista penale. Per il computo dei termini di accertamento (ovvero delle annualità che si possono regolarizzare) e per la quantificazione e applicazione delle sanzioni sul monitoraggio fiscale, occorre distinguere in funzione dello Stato in cui le attività sono state detenute, a seconda che si tratti di un paese black list o white list. Nel primo gruppo, inoltre, si devono diversificare i Paesi che hanno firmato o firmeranno, entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge, un accordo con l’Italia che garantisca un adeguato scambio di informazioni (ad esempio il Lussemburgo e la Svizzera).

Per coloro che aderiranno alla procedura, inoltre, è prevista l’esclusione dalla punibilità per i reati di cui all’articolo 2 (dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o documenti per operazioni inesistenti), 3 (dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici), 4 (dichiarazione infedele), 5 (omessa dichiarazione), 10 bis (omesso versamento di ritenute certificate) e 10 ter (omesso versamento iva) del dlgs 74/2000. La copertura penale vale anche per i reati di cui agli articoli 648 bis e 648 ter del c.p. commessi in relazione ai reati tributari. E’ esclusa la punibilità anche in relazione al nuovo reato di auto riciclaggio di cui all’articolo 648 ter I, sempre commesso in relazione ai reati fiscali.

Tale collaborazione si riferisce sia a patrimoni e attività detenuti all’estero, per i quali viene attivato il rientro, sia a redditi e attività prodotti in Italia, e si estrinseca in una procedura di “informazioni” rese agli uffici tributari che conducono alla applicazione delle imposte dovute e alla irrogazione delle sanzioni in misura estremamente ridotta.

Gli intervenuti, hanno esposto che considerata la complessità della procedura e le problematiche interpretative della legge n.186, le medesime saranno oggetto di esame ed approfondimento nel Convegno di studi che vedrà la partecipazione – come relatori- di professori universitari, professionisti ed operatori del settore bancario e fiduciario nonché gli interventi introduttivi del Sottosegretario alla Giustizia e del Presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Roma.

12 Ore Enduro

12 Ore Enduro, 30 anni. Oggi grazie a Sergio Valent facciamo un pò di amarcord con le sue foto, prime edizioni. Ricordatevi il 1° maggio alle 19.30 alla Terrazza a Mare c’è una rimpatriata per piloti, meccanici, organizzatori e appassionati, con parenti al seguito; ricordatevi anche di mandarci o portare foto e video in formato digitale per il grande schermo. a presto. (ex) Immaginaria

12 ore enduro il primo manifestao 1985 r

12_ORE_LIGNANO_1987____sergio_valent_r

12_ORE_LIGNANO_1990_______sergio_valent_r

12_ORE_LIGNANO_1987_ORE_4,30_IN_ATTESA_DEL_____CAMBIO___sergio_valent_r

12_ORE_LIGNANO_1990______sergio_valent_4.r

12ORE_LIGNANO_1990__sergio_valent_r

Condividi il post!

PinIt

2 commenti su “Martedì: Gorgo/Pertegada; da Latisana a Roma: la Festa a San Filippo; autovelox; 12 Ore Enduro; Vin Nostràn; UTI”

  1. dino ha detto:

    Ciao Bacucco, scusa se ho capito male, ma colleghi lo “sperlese” con lo spaetlese?
    Dino

  2. davide ha detto:

    A beneficio dei lettori di questo blog che risiedono “di là da l’aghe”, un breve profilo video dei candidati alla presidenza della regione Veneto alle prossime elezioni, Jacopo Berti (M5S) e Alessandra Moretti (PD).
    http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/04/14/regionali-veneto-lite-moretti-m5s-salta-laccordo-sui-tagli-ai-costi-della-politica/360488/

    Inoltre, un’informazione di servizio a proposito di lavoro stagionale, questione che incide sulla vita di molti cittadini latisanesi e che, conseguentemente, infiamma anche le discussioni su questo blog:
    “Se sei un barista, un lavoratore stagionale, una guida turistica, un bagnino, un manutentore stagionale devi sapere che sei tra le ultime vittime del governo guidato dal Partito Democratico. Il Jobs Act dimezza di fatto il numero di mesi in cui sarà possibile percepire l’indennità di disoccupazione a partire da Maggio e se vivi in un territorio a vocazione turistica la tranquillità della tua famiglia è messa a rischio. Nel corso del question time al Senato il M5S ha chiesto al Ministro Poletti come intenda risolvere la problematica degli oltre 400 mila lavoratori stagionali, che per colpa del Jobs Act non avranno più un adeguato sostegno al reddito nei mesi in cui sono fermi. I portavoce M5S in Commissione Lavoro, Sara Paglini, Nunzia Catalfo e Sergio Puglia, saranno al fianco dei lavoratori stagionali alla manifestazione il14 aprile a Roma.” Luigi Gallo, portavoce M5S alla Camera

I commenti sono disabilitati.