Martedì: la scuola che vorrei; Lei & Lui; Convegno; Aria di FVG; Musica; variazioni stradali; Vin Nostràn; Precenicco

Convegno

Confagricoltura Fvg: innovazione, Expo e politiche agricole regionali. Sono i temi dell’Assemblea sociale 2015, martedì 23 giugno, a Precenicco. In occasione della propria Assemblea annuale, Confagricoltura Fvg organizza un incontro dibattito, martedì 23 giugno, alle ore 10,30, presso l’agriturismo Zaglia, in località Crosere di Precenicco (Udine). Tema dell’incontro: “Il futuro dell’agricoltura fra tradizione e innovazione”. Dopo l’apertura del presidente di Confagricoltura Fvg, Claudio Cressati, sono previste le relazioni di Michele Morgante (professore di genetica all’Università degli Studi di Udine e presidente dell’Iga) e di Pia Romano (responsabile progetto Expo 2015 di Confagricoltura). A chiudere l’incontro, prima del dibattito, l’intervento di Cristiano Shaurli, assessore regionale alle Risorse agricole e forestali.

Lei & Lui

Venerdì 26 giugno alle 20.30 al Polifunzionale, presentazione del libro “Lei & Lui, educare alla differenza e al rispetto delle diversità”; organizzato da 3d e 3f delle Medie con le loro insegnanti.

La scuola che vorrei

la scuola che vorrei

Venerdì alle ore 19.00, in Piazza Garibaldi Latisana. Appuntamento per venerdì 26 giugno alle ore 19.00 in Piazza Garibaldi a Latisana per discutere insieme del disegno di legge la “buona” scuola, da domani in discussione al Senato. Famiglie, docenti precari e di ruolo, dirigenti, personale amministrativo, studenti, e chiunque sia interessato al futuro del nostro Paese è invitato a partecipare. Interverranno: Nicola Morra Portavoce al Senato per il M5S (Vicepresidente commissione Affari Costituzionali) ed Eleonora Frattolin Portavoce regionale M5S (Vicepresidente VI commissione istruzione, università e ricerca).

Musica

Torna un nome conosciuto a Latisana, Loris Celetto, questa volta col “Progetto Musica” e l’iniziativa “ Nei suoni dei luoghi”; 1.900 euro + iva per una iniziativa.  Da fare in Aprilia Marittima, come nel 2014.

Vin Nostràn

A proposito del Vin Nostràn, ci scrive: Alessandro Fedrigo‎ – In merito al vìn di Latisane, segnalo un interessante capitolo dedicatogli a pa. 35 e successive, nel libro “Viaggio in Friuli, tra i vini e gli uomini ” di Amedeo Giacomini edito da Santi quaranta. Oltre a rivelare che deriva da molteplici incroci del refosco dal peduncolo rosso “è un vitigno del tutto particolare : il prodotto d’una serie di incroci che non so neppure se si possa chiamare refosco” (cit.) , ci parla anche di un ancor più misconosciuto ma meravigliosamente profumato vino; la “marzemina bastarda” definito “un vino per malati di petto, capace proprio di resuscitare i morti. .. ” (cit.). Qualcuno ne è a conoscenza?

Abbiamo interpellato il nostro esperto (C.Fabbro), ed ecco la risposta.

marzemina nera

marzemina 2

Precenicco

manifesto nave precenicco

Mostra fotografica “IL RELITTO DI PRECENICCO E IL FIUME STELLA DELL’ANNO MILLE” .. A distanza di nove mesi dal suo trasferimento presso i Magazzini del Sale di Ariis, il relitto medievale “ritorna” a Precenicco non distante dal sito del suo ritrovamento con una mostra fotografica ad esso dedicata.   Definita una straordinaria scoperta poiché si tratta di un tassello di grandissima importanza per la storia della costruzione navale che non ha eguali in Italia e che ha parziali confronti solo con alcuni dei relitti bizantini dell’antico porto di Istanbul, fu rinvenuta casualmente nel corso del 2012 in occasione dei lavori di sistemazione delle sponde del fiume ad opera del Consorzio di Bonifica Bassa Friulana ed è stata recentemente riportata alla luce nell’agosto del 2014 con gli scavi archeologici condotti dall’Università degli Studi di Udine sotto la guida del Prof. Massimo Capulli e con la supervisione della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia all’interno dell’ANAXUM PROJECT archeologia e storia di un paesaggio fluviale.

La mostra sarà inaugurata sabato 27 giugno 2015 alle ore 18.00 presso il Centro Civico di Precenicco e rimarrà aperta al pubblico negli orari d’apertura della Biblioteca Civica il martedì dalle 09.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30, il giovedì dalle 09.30 alle 12.30, il venerdì dalle 14.30 alle 17.30 e le domeniche mattina dalle 10.00 alle 12.00 dal 28 giugno al 31 luglio. L’ingresso è libero. Assessorato Alla Cultura Comune Di Precenicco

Variazioni stradali

Occhio alla nuova segnaletica zona Parco Gaspari, Coop, Carabinieri e Campo sportivo. Paletti anche in zona pizza al taglio.

Aria di Friuli Venezia Giulia – San Daniele del Friuli. Programma della cultura e degli spettacoli. 26 – 29 giugno 2015

Quattro giorni di musica, letteratura, poesia, cinema, giornalismo, storia, comicità e persino matematica. Nel quadro della rassegna Aria di Friuli Venezia Giulia, storica festa che da oltre trent’anni celebra il prosciutto di San Daniele nella sua terra d’origine, una quattro giorni di saperi, sapori, musica, eventi e spettacoli per vivere la cittadina e il suo Prosciutto DOP. In programma dal 26 al 29 giugno 2015 a San Daniele del Friuli, ecco il cartellone degli eventi.

Il programma musicale: Bob Dylan e altri tre concerti. Violetta, Capossela e Caparezza GRATUITI

La rassegna si apre venerdì 26 giugno con il concerto gratuito di Lodovica Comello, la Francesca di Violetta, che si esibirà in “Ludovica World Tour” alle 20:30 in Piazza Duomo.

Alle 22:00, poi, sarà il momento di Vinicio Capossela che, allo Stadio Zanussi, si esibirà in “Nel paese dei coppoloni still alive”, evento musicale studiato appositamente per la manifestazione assieme a La Banda della Posta, Cicc’ Bennett, i Cumversazionevoli e altri ospiti.

Sabato 27 giugno, alle 21:30, a incantare lo Stadio Zanussi sarà il celebre cantautore statunitense Bob Dylan, alla prima tappa del suo tour italiano.

La rassegna musicale si chiude, poi, alle 22:00 di domenica 28 giugno, con il concerto di Caparezza, sempre allo Stadio Zanussi con il “Museica Tour”.

I concerti di Violetta, Capossela e Caparezza sono gratuiti, grazie al sostegno di numerosi partner privati e sponsor nazionali che hanno creduto nella manifestazione e nel suo impegno a favore delle migliaia di giovani che saranno protagonisti non soltanto come spettatori, ma nel ruolo attivo di film-maker, fotografi, band emergenti all’interno dell’ambizioso Progetto Giovani del festival che richiamerà ragazzi e ragazze da tutte le regioni italiane. Un evento di rilievo turistico per tutta la Regione che porterà in uno dei luoghi simbolo del Made in Italy dell’enogastronomia di qualità, anche gli appassionati della grande musica e della cultura.

Coloro che già sono in possesso del biglietto verranno regolarmente rimborsati dai canali di prevendita con cui hanno effettuato l’acquisto. E potranno accedere la sera stessa allo Stadio Zanussi munendosi di un ticket gratuito che verrà rilasciato in ottemperanza alle capienze all’ingresso della struttura.

I biglietti del concerto di Bob Dylan, invece, sono in vendita nel circuito TicketOne – www.ticketone.it

Il cartellone letterario

Gli incontri di sabato 27 giugno si declinano su tre location.

Gli appuntamenti di Piazzale di Via del Lago si aprono alle 14:00 con una lezione sul giornalismo contemporaneo nell’epoca del fanatismo a cura di Gad Lerner. Alle 15:30, poi, Vinicio Capossela presenterà le storie del viandante-narratore protagonista del suo libro “Il paese dei Coppoloni” edito da Feltrinelli. Il programma prosegue alle 17:00 con Stefano Accorsi e altri ospiti tra cui: Graziella Bonacchi, Mia Benedetta, Pierfrancesco Favino, Sabrina Impacciatore, Vittoria Puccini, Alessandro Roja, Fabrizia Sacchi, Claudio Santamaria, che dialogheranno col pubblico sui grandi temi del cinema. A partire dalle 18:30, poi, Alessandro Baricco terrà un reading intitolato “Un’esitazione prolungata tra suono e senso. Tre poesie”. Il noto scrittore leggerà i versi di Dante Alighieri, Giacomo Leopardi e di un altro poeta a sorpresa. Gli incontri del palco letterario di via del Lago si chiuderanno, infine, alle 20:00, quando lo psicologo Paolo Crepet presenterà “Il caso della donna che smise di mangiare”, il nuovo libro edito da Einaudi.

Nel parco del Castello, invece, gli incontri si aprono alle 16:30 con Piergiorgio Odifreddi. Il noto matematico intratterrà il pubblico con una lezione intitolata “Gli angeli dei giorni d’oggi”, nella quale cercherà di spiegare quali sono le strategie e le tattiche che ha usato e usa ancora per divulgare la più ostica delle scienze: la matematica. Alle 18:00, poi, Katia Ricciarelli presenterà “Da donna a donna” (Piemme), ripercorrendo la sua storia – privata e artistica – attraverso dieci memorabili figure femminili dell’opera lirica.

Alle 18:30, in piazza Duomo, lo scrittore Roberto Saviano terrà una lezione sul valore della libertà.

Gli incontri della giornata di domenica, che si terranno in Piazzale di via del Lago, iniziano alle 10:00 con la presentazione del libro “Guarneriana Segreta” di Angelo Floramo: straordinario viaggio dentro a storie magie e segreti della Biblioteca Guarneriana. Il programma prosegue alle 12:00 con Philippe Daverio, protagonista di un incontro dedicato al viaggio ideale in Friuli Venezia Giulia, tra vino, mare, arte e terre fantastiche. Alle 14:00 il pubblico incontrerà lo scrittore e storico Valerio Massimo Manfredi che presenterà il suo libro “Le Meraviglie del Mondo Antico” (Mondadori), nel quale riporta in vita le sette meraviglie, riscoprendo i miti che hanno contribuito a renderle tali. Alle 15:30 Carla Fracci presenterà il suo nuovo libro, edito da Feltrinelli e intitolato “Passo dopo passo”, nel quale si racconta: dai primi passi di danza sulla pista da ballo del dopo lavoro dell’Atm dove accompagnava il papà, alla scuola di danza della Scala con una sola missione in mente, quella di portare la danza nelle piazze del mondo. Alle 17:00 Niccolò Ammaniti e Antonio Manzini leggeranno estratti del loro racconto “Sei il mio tesoro” pubblicato nell’antologia “Crimini” (Einaudi) e uscito in audiolibro per Mondadori letto dagli autori stessi. Una storia di inseguimenti scatenati per le strade di Roma, alle costole di un chirurgo plastico dalle strane abitudini.

Lunedì 29 giugno, a coronare il fine settimana di eventi, saranno Ale & Franz a salire sul palco di Piazza Duomo, alle 19:00, per dialogare con il pubblico e rivivere insieme agli spettatori le tappe importanti della loro carriera, raccontando in maniera dinamica aneddoti e storie divertenti vissute sui palchi di tutta Italia.

Condividi il post!

PinIt

3 commenti su “Martedì: la scuola che vorrei; Lei & Lui; Convegno; Aria di FVG; Musica; variazioni stradali; Vin Nostràn; Precenicco”

  1. Ferruccio Casasola ha detto:

    ORA ANCHE GOLIA HA LA FIONDA – Parte seconda

    Cosa c’è dietro all’improvviso cambio di rotta del Sindaco di Lignano rispetto all’UTI della Bassa occidentale? Cosa l’ha convinto a riportare in consiglio comunale la questione facendo approvare l’adesione alla tanto vituperata Unione Territoriale, simil novello San Paolo folgorato sulla via di Damasco?
    Certamente le concessioni fatte dall’assessore Panontin, rese concrete dalle modifiche apportate dalla L.R. 12/2015, cambiano radicalmente i rapporti di forza all’interno dell’UTI:
    – il peso politico/decisionale all’interno dell’Assemblea dei sindaci fra Latisana e Lignano è la stessa (4 voti );
    – il regime differenziato che si applicherà a Lignano e Grado (non a Latisana, comune capofila), con possibilità di gestire in via autonoma e esclusiva fino a tre importanti funzioni dell’art. 26 è un dato rilevante per l’autonomia di una località turistica che in estate è più popolosa che qualsiasi altra località del FVG (esclusa forse Trieste).
    Fin qui non possiamo certo dire che il Sindaco non abbia fatto l’interesse di Lignano e dei lignanesi, ma sono queste le sole motivazioni?
    Sembra che lo stesso Sindaco, nell’ultimo consiglio comunale, sia andato un po’ sopra le righe, dichiarando che:
    – ora toccherà a lui fare lo statuto dell’UTI perché né Latisana, né nessun altro è in grado di farlo e non sono certamente questi i presupposti per un gioco di squadra all’interno dell’unione (peraltro ci risulta che gli altri comuni dell’UTI abbiano già redatto una bozza di statuto, ancorché non aggiornata alla recente L.R.12);
    – le tre funzioni da gestire autonomamente potranno essere aumentate dallo statuto (ma non esiste una gerarchia delle fonti normative?).
    Fin qui siamo all’autoincensamento amministrativo, ma quali possono essere le sottostanti motivazioni politiche? Azzardiamo delle ipotesi; l’area territoriale della nostra UTI sta pagando un’inesistente rappresentatività politica sovracomunale (nessun parlamentare, nessun consigliere regionale, nulla), le uniche due figure leader possono essere identificate nei due sindaci dei comuni maggiori (Latisana e Lignano).
    Alla maggioranza che governa la Regione potrebbe certamente essere di utilità arruolare il sindaco civico della più importante località turistica del FVG in cambio di un “percorso politico facilitato” (magari alle prossime regionali) e dell’adesione all’UTI; saremmo in presenza dell’ennesima pseudo leadership creata dall’alto, in barba agli elettori.
    Non dimentichiamo peraltro che nel 2016 ci saranno le comunali a Latisana e ciò potrebbe anche aiutare nella conquista di un comune importante da molti anni governato da altri.
    Fantapolitica? Forse, ma in un mondo governato non dalla meritocrazia, ma dalla furbocrazia tutto è possibile.
    Ferruccio Casasola

  2. valerio ha detto:

    Proprio ieri ho visto entrare in Duomo una famigliola straniera. Non ci sono più cartelli esterni che indichino le principali opere d’arte contenute. Nella penombra, ho indicato loro la più importante, il “Battesimo” del Veronese che non si distingueva molto per la cronica mancanza di adeguata illuminazione e di indicazioni. Ma siamo un Comune Turistico…

  3. valerio ha detto:

    Postilla: speremo che per doman, festa del San Giovani Batista e visto che se vol cominciar una nova tradission, qualchidun el pensi de iluminar mejo la tela del Veronese, almeno per mostrarla a l’Arcivescovo…

I commenti sono disabilitati.