Martedì: Sanità; decoro; furti; Pro Latisana, una grana; Dear Jack

Decoro

Non pubblichiamo la foto perché la realtà è sotto gli occhi di tutti; la chiusura dei bar in centro a Latisana, non è solo una disgrazia economica e un sintomo grave della crisi, è anche un problema di decoro. La chiusura dei due bar di Piazza Garibaldi, Commercio e Koinè, porta anche, giorno dopo giorno, ad un aumentare della sporcizia e del degrado; siamo all’inizio per fortuna, ma se non si interviene subito le cose possono solo peggiorare. Carte, foglie, locandine, cicche, immondizie si accumulano giorno dopo giorno e, essendo labile il confine tra pubblico e privato, si fa fatica a intervenire. Tra qualche giorno c’è Calici di Stelle e poi Settembre Doc e arriverà parecchia gente. Occorre intervenire sia direttamente, con una pulizia straordinaria, sia a monte del problema con la proprietà, invitandola a metter rimedio; chiuso si, sporco no.

Dear Jack

vedi www.lignano-sabbiadoro.it

Furti

Ci segnalano effrazioni in alcune abitazioni, un paio di furti di auto a Pertegada, furti in un agriturismo, anche negli orti, nella notte tra domenica e lunedì, con la gente in casa….

Notizia…aggiuntiva..

http://m.ilgazzettino.it/m/gazzettino/articolo/VICENZA-BASSANO/1308382

Sanità

Tutta la stampa parla di tagli alla Sanità, quella pubblica ovviamente con la privata che gongola; non parlano mai, i politici, di taglio ai politici, ma non è colpa loro; parafrasando Petrolini, “Io nun ce l’ho cò te ma cò quelli che te stanno vicino e nun t’hanno buttato de sotto”, posso affermare che la colpa è di chi vota e non degli eletti. Qual è il nesso con Latisana? Forse nessuno, ma se si parla di tagli mi viene da pensare al Punto Nascita; scommetterei che la Ministra Lorenzin farà applicare la norma dei 1.000 parti annui per punto nascita, tagliando il nodo gordiano, irrisolvibile per Serracchiani, di Latisana e Palmanova. Sarà colpa di Roma, cioè di tutti noi.

Pro Latisana

Riceviamo e pubblichiamo, senza commenti. (post eliminato su gentile richiesta)

 

 

 

 

 

 

Seguono altri documenti che non pubblichiamo.

Segue anche dichiarazione del padre, che riportiamo. (cancellata)

 

Condividi il post!

PinIt

24 commenti su “Martedì: Sanità; decoro; furti; Pro Latisana, una grana; Dear Jack”

  1. giusseppe serra ha detto:

    Sinceramente trovo veramente di cattivo gusto e assolutamente pretenziosa la richiesta che hai inoltrato pur di essere selezionato, è come quando non si passa un esame all’università e si viene bocciati, con l’assoluta convinzione di aver studiato e di aver meritato l’ammissione ma invece in quelle occasioni come ben sai si intasca e si porta a casa il verdetto. Non vedo perchè questa volta dovrebbe essere diverso, il fatto che tu ti ritenga un appassionato di storia militare e che possieda una nozionistica politico-sociale non fa di te un’eccezzione alla cultura. Se ci sono state 3 persone con un punteggio più alto vuol dire che con molta probabilità lo hanno meritato. Se permetti nel caso io non fossi stato selezionato avrei semplicemente fatto un passo indietro e avrei cambiato strada. La tua richiesta non ha alcun fondamento di correttezza morale ed è marcata da una mancanza di umiltà e correttezza nei confronti degli altri candidati che per quello che ne sai tu potrebbero avere se non le tue stesse competenze anche di più. Quindi anzichè rimarcare il fatto che la commissione si sia sbagliata forse è meglio che cambi tono e ti fai un bagnetto di umiltà. Scomodare un genitore per giunta nel momento in cui il bando è pubblico meriterebbe un’altra affermazione ma mi fermo qui.

  2. davide ha detto:

    Un’informazione, se qualcuno sa rispondermi: ma l’Alex Marino che ha pubblicato queste rimostranze è il coordinatore dei giovani di Forza Italia per il Basso Friuli o è un omonimo?

  3. AlessandroS ha detto:

    Cattivo, cattivo gusto… E guardando gli indirizzi pare un’azione più rivolta alla spettacolarizzazione e all’autopromozione anziché alla ricerca di giustizia… Che poi sarebbe competente il TAR

  4. il_bacucco ha detto:

    @ davide: domanda retorica vero?? https://www.facebook.com/pages/FORZA-ITALIA-GIOVANI-FVG-BASSO-FRIULI-/1509165929367136

    @ alessandro: non so se il tar ha competenza, le pro loco non credo siano assimilabili a enti pubblici; più facile il giudice del lavoro

  5. AlessandroS ha detto:

    Le singole pro loco no, ma forse l’UNPLI sì. Altrimenti il giudice del lavoro, ma probabilmente con scarsa fortuna

  6. simone ha detto:

    sinceramente (forse sbaglio, io non mi ergo a giudice) questa “storia” mi appare come la più classica tra le italiane.
    Un ragazzo che, meritatamente o no (non è questo il punto), viene respinto ad un concorso come ad altri migliaia di ragazzi è successo e succederà si sente in diritto di far intervenire il padre che, dopo aver evidenziato nella lettera più volte il suo grado di appartenenza alla G.D.F., si autoincorona “giudice del giudice” perchè secondo il suo parere di esperto in quanto ISPETTORE della GDF il figlio era più meritevole degli altri, che magari erano davvero meno preparati ma molto probabilemente si sono meritati il posto.
    Beh a me pare la più classica delle “italianate”. E poi ci troviamo seduti a tavola a lamentarci o al bar a parlare incazzati di questo paese ma assistiamo a tutto ciò quasi come normale…perchè è a questo che siamo abituati ormai…
    Ecco questo il mio pensiero -o forse più sfogo – ma ripeto…posso sbagliare. Io non sono giudice…non sono neanche ispettore!!

  7. il_bacucco ha detto:

    @ simone. quoto.

  8. davide ha detto:

    @Simone, io credo (o forse spero) che chi ha letto non abbia giudicato “normale” tutto ciò…

  9. Marta ha detto:

    Certo che un ragazzone nato nel 1987 ( 28 anni?…), e che dunque ad oggi potrebbe essere padre di ragazzini che studiano storia loro stessi, ha fatto brutta figura a farsi scrivere la lettera dal papino. Ai miei tempi un padre chiedeva al figlio sedicenne di portare a casa i soldi per contribuire alle spese familiari… oggi alla soglia dei 30 anni il papino regala pure i soldini per l’aperitivo in piazza e per i preservativi, oltre che questo….. mah?! Detto questo, un consiglio: gli enti locali quando indicono un concorso lo fanno perché devono per legge, ma hanno già i nomi di chi avrà quel posto. Quindi non partecipate a concorsi se non a livello nazionale. Sarete solo delle ignare comparse, e ci rimetterete solo soldi, tempo e speranze. Provare che si tratta di concorsi truccati? Impossibile. Dovreste avere le prove che c’erano alcune persone che sapevano già le domande degli esami molto tempo prima degli altri, e hanno potuto prepararsi in maniera molto mirata. Ma come fate? Dovreste avere delle registrazioni che lo provano, e se fatte senza comunicarlo ai diretti registrati…. non potete neanche usarle in sede di denuncia…. quindi fuffa! Rischiate di venire denunciati voi stessi! Boicottate i concorsi negli enti locali, vedremo che solo i raccomandati (a aiutati) vi si iscriveranno. Lasciate perdere, nei piccoli paesi, nelle piccole realtà, c’è sempre qualche informazione che “esce” a favore di chi è già stato prescelto. Non lo si potrà mai dimostrare. Ma tutta Italia lo sa! E basta! Non ci sono posti di lavoro nel pubblico, a meno che voi non facciate già parte di una cerchia di eletti! Se volete lavorare, cercate nel privato, dove vi richiederanno 2 lauree oltre ad anni di esperienza in quel specifico settore, per contratti di 2 mesi a 1.000 euro, se non a progetto…. oppure espatriate, consapevoli che all’estero il lavoro forse per alcune professioni c’è, ma le selezioni sono molto più toste, e quindi di lauree ve ne chiederanno 3 e un’ottima conoscenza della lingua parlata in quel paese… oppure vi fate dare i soldi del papino per aprire una vostra attività, a Latisana se siete masochisti! Ma per favore, non lamentatevi dei concorsi! Si sa come vanno, chi si iscrive sa come andrà a finire, forse aveva solo un poco di tempo da buttare per studiare qualcosina in più o aggiungere un esperienza di studio in più al curriculum. Ma siamo in Italia! Dai, che siamo tutti adulti e sappiamo che le renne di Babbo Natale non hanno il naso fosforescente!

  10. Maurizio ha detto:

    É mancato all’affetto dei suoi cari il “senso del ridicolo”. Ne danno il triste annunciò tutti i latisanesi che ogni giorno affrontano la dura realtà della vita soli senza scuse…e senza bacucco 🙂

  11. ilsabbionero ha detto:

    Complimenti Alex!
    Giuseppe Serra: bravo hai colto il punto e sei stato esaustivo, null’altro da aggiungere che non rasenterebbe l’insulto.

    PS: sodalizzi si scrive con una “z”; rinnovo i complimenti.

    Semplicemente VERGOGNOSO.

  12. Giuseppe serra ha detto:

    Ho abbondato anche con qualche lettera in effetti…mi giustifico col fatto che ho scritto alle tre di mattina comunque si mi è stato difficile trattenermi dal commentare visto che ho partecipato al bando.

  13. il_bacucco ha detto:

    @ giuseppe: …e ti hanno preso??

  14. giusseppe serra ha detto:

    Si. 🙂

  15. Carlo Tenore ha detto:

    Complimenti al figlio di papà.
    Complimenti al papà del figlio.
    Ovviamente, con un figlio così, si può avere solo un padre “colà”. E questo è un finanziere che paghiamo con i nostri soldi ? Soliti rxxxxxxxxxx.
    P.s. come musicista, vi posso anche dire che non è affatto intonato e gravi lacune denotano una mancato studio delle nozioni di base (teoria e solfeggio)…come dire… ” promosso solo perchè rxxxxxxxxxx, ma non per dedizione allo studio dello strumento”…
    Evviva l’italia !!! (o forse meglio ” Forza Italia” ??? ) …..
    Solo pena…. Umiltà zero

  16. Ferruccio Casasola ha detto:

    Certamente se questi rappresentano il futuro di FI a Latisana, io non “starei sereno”

  17. giusseppe serra ha detto:

    Speriamo che le ” masse” elettorali non abbiano memoria breve il prossimo anno…..credo che un pò di ” Via col vento” elettorale sia dovuto ormai…..

  18. AlessandroS ha detto:

    È un peccato che sia stata tirata nel discorso anche Forza Italia, secondo me. Inizialmente rimaneva un discorso di cattivo gusto, la “classica italianata” come qualcuno l’ha definita.
    È vero che Forza Italia è un partito sfasciato, senza più ideologia e senza più guida, ed è purtroppo vero che questa condizione ha favorito l’ingresso nel partito dei personaggi più discutibili: i politici da Facebook, quelli a cui interessa più apparire che fare, più avere che darsi.
    Ma chi si sente come me elettore di cento destra, che cosa può fare? Non votare? Buttarsi su altri movimenti populisti?
    La malattia del partito è quella di non aver iniziato un vero rinnovamento, ma di aver inserito nell’organico giovani “nati vecchi”, pedine inconsapevoli dei vecchi sempre più vecchi.
    In tutto ciò, purtroppo, chi fa politica con Forza Italia sperando di poter sollevare un partito ormai caduto è fagocitato da questi coordinatori calati dal cielo, chissà per quali meriti. E li conosco, i “fagocitati”: non possono parlare per paura di ritorsioni, non potendo far altro che disperarsi, sempre di più, quando la Santanché, il Gasparri, o il coordinatore di turno coprono di vergogna il partito intero, non per quello che (non) fanno ma per quello che sono: persone sbagliate nei posti giusti.

  19. il_bacucco ha detto:

    @ alessandro. purtroppo il famoso tasto “stamp” non mi funzionava quel giorno, per cui non posso riprodurre la pagina facebook e pertanto ometto il nome. ti dico solo che un giovane, diciamo studente non ancora diplomato, impegnato in politica, alla voce “professione” qualche giorno fa aveva scritto “politico”. ora, se uno studente, zero esperienze lavorative, a meno di 19 anni, alla voce lavoro scrive..”politico”…tu capisci bene che gran parte del tuo onesto ragionamento va a farsi benedire…… mannaggia al tasto stamp…. mi sarebbe tornato utile quello screen shot in campagna elettorale…..

  20. AlessandroS ha detto:

    Ci siamo capiti. E parlavo proprio di quello!

  21. Francesco ha detto:

    Gentilissimo responsabile de “Il Bacucco”,
    ne io ne alcun componente della mia famiglia abbiamo autorizzato la pubblicazione di questa lettera e della mia successiva e.mail. Forse sarebbe il caso che lei citasse la fonte di provenienza. Potrebbe essere un atto riguardoso verso i suoi elettori. In tal modo, loro avrebbero un elemento in più per scrivere i commenti. Ad ogni buon conto, mi sembra che in nessun caso, i commentatori abbiano trattato nel merito la vicenda. Dr Francesco Marino

  22. il_bacucco ha detto:

    @ francesco. busta anonima nella buca delle lettere. per ogni altro commento o spiegazione, siamo qui. In ogni caso, come da richiesta e non avendo alcun problema a farlo, togliamo il post.

  23. Francesco ha detto:

    Ringrazio. Mi riservo di farle pervenire un mio successivo articolo sulla vicenda, naturalmente con mia firma in calce e non anonimo come fanno i “codardi” o coloro i quali hanno anomalie da nascondere. Cordiali saluti a Lei e ai tanti latisanesi onesti. Dr. Francesco Marino

  24. ilsabbionero ha detto:

    Se fossi coinvolto politicamente io preparerei MOLTE copie delle suddette missive da consegnare nelle buche delle lettere in periodo elettorale.
    In modo che ognuno raccolga ciò che ha seminato.
    Poi vedete voi…ma ricordatevi che la gente ha in genere la memoria corta…

    @Giuseppe: pecchi di troppa umiltà 😉
    “SoldaliZzi” non l’avevi scritto tu nel commento, bensì (ripetendo l’errore più volte) il nostro trombettista preferito.
    Per cui abbiamo: da un lato un giovane che chiede scusa pensando erroneamente di aver sbagliato e dall’altro un giovane che indignato per non essere stato (a suo avviso) adeguatamente valutato da una commissione scrive una lettera, rinforzata da una seconda missiva del padre per denunciare la presunta l’iniquità…e con che toni!
    …e per quanto io ci provi non riesco a togliermi dalla testa il sospetto che una cosa del genere possa facilmente configurarsi come il far sfacciatamente leva sulla Divisa per il tornaconto personale. Ma sono un profano dell’argomento…per cui mi limito a fare congetture…

    E poi, con tutto il rispetto per il Bacucco ed il suo sito, io invierei le lettere anche a qualche testata giornalistica locale: non tanto per una presunta maggiore validità di queste ultime (che io non ritengo abbiano), ma semplicemente perchè più gente legge cosa succede e meglio è! Che venga fuori di che pasta sono fatti certi concittadini!!

    Mandi frus!

I commenti sono disabilitati.